Cerca nel quotidiano:


Infarto nel bosco: anziano salvato dai soccorritori

L'uomo, 62 anni, si era accasciato al suolo davanti ai suoi amici durante una passeggiata nei boschi di Castellaccio. Trasportato d'urgenza al pronto soccorso dove è stata allertata la shock room

domenica 19 febbraio 2017 18:35

Mediagallery

Paura per un 62enne livornese che la mattina di  domenica 19 febbraio si era portato, insieme ad un gruppo di amici, nei boschi di Castellaccio in località “Sasso Grosso” per una bella camminata nel verde approfittando delle temperature primaverili che questa giornata ha saputo offrire a tanti cittadini labronici.
Ad un tratto però l’uomo ha accusato un dolore al petto inaspettato che lo ha fatto accasciare al suolo davanti agli occhi dei suoi compagni. Per fortuna i suoi amici, lì accanto a lui, hanno subito capito la gravità della situazione e, preso il cellulare in mano, non hanno esitato a chiamare il 118. Date le coordinate esatte alla centrale di emergenza urgenza dell’ospedale di Livorno, sul posto sono riusciti ad arrivare in un primo momento i volontari della Misericordia di Montenero, poi in ausilio è sopraggiunta la Misericordia di Antignano con medico a bordo.
A causa del terreno impervio i mezzi di soccorso sono stati lasciati a circa un chilometro dal punto esatto dove si era accasciato al suolo il 62enne. I soccorritori hanno così percorso più di mille metri all’interno della boscaglia tra “sali e scendi” con tanto di barella pronta per caricare la persona bisognosa di cure sanitarie.
Il medico ha subito visitato il paziente riscontrando un principio di infarto. Caricato sulla lettiga il 62enne è stato poi trasportato al pronto soccorso dove, nel frattempo, era stata allertata la shock room. Le sue condizioni rimangono gravi ma per fortuna fuori pericolo di vita grazie al tempestivo intervento dei soccorritori e alla freddezza di riflessi degli amici che hanno saputo dirigere le operazioni di soccorso al telefono per condurre i volontari delle ambulanze nel punto esatto dove si era verificato il malore.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive