Cerca nel quotidiano:


Confcommercio: “Stop al proliferare delle sagre. Che i Comuni adottino il nostro decalogo”

giovedì 20 aprile 2017 16:59

Mediagallery

Sagre e feste paesane spuntano come funghi all’arrivo della bella stagione. Ma spesso, secondo Confcommercio, sono semplicemente ristoranti temporanei all’aria aperta che operano al di fuori della normativa fiscale e contributiva a cui sono sottoposti gli imprenditori regolari.

Il direttore della Confcommercio della provincia di Livorno Federico Pieragnoli fa notare che “nella provincia di Livorno bar e ristoranti sono soffocati da tasse, burocrazia, adempimenti e difficoltà di ogni tipo. Al contrario dei pubblici esercizi regolari, le sagre non chiudono mai e con l’estate esplodono letteralmente”.

Per il direttore Pieragnoli siamo in presenza di una evidente concorrenza sleale, che altera profondamente il mercato della ristorazione e che trova in Toscana un terreno fertile: “Nella nostra regione le sagre sono 5.000 e producono un fatturato di circa 110 milioni di euro, mandando in fumo un quarto dei fatturati dei pubblici esercizi regolari. I pubblici esercizi aperti tutto l’anno, o quelli che possono fare reddito solo nei mesi della stagione estiva, sono sottoposti ad una raffica di controlli di ogni tipo e a tasse esorbitanti, mentre per le sagre la strada è in discesa. Chi controlla che nelle sagre siano rispettate le normative igienico-sanitarie, quelle sulla sicurezza e sul lavoro, così come come la necessaria trasparenza fiscale. L’Agenzia delle Entrate di Ferrara qualche anno fa multò con una sanzione di oltre 50 mila euro gli organizzatori di una di queste sagre, chiedendo loro una contabilità in linea con ogni altro esercizio commerciale. Questa è la strada giusta da intraprendere”.

“Ma non vogliamo limitarci alla polemica“, continua Pieragnoli. “Ci appelliamo ai sindaci di tutta la provincia, affinché adottino regolamenti ad hoc per limitare e contrastare un fenomeno che è diventato ormai intollerabile. Stiamo inviando ai comuni la nostra proposta di modifica dei regolamenti comunali in materia di sagre, feste paesane, feste di partito. Il mercato funziona se tutti rispettano le stesse regole. La sagra è sagra se ha veramente un carattere di storicità e tipicità, il resto è somministrazione parallela e concorrenza sleale. In un momento in cui gli imprenditori seri fanno fatica a tenere aperti bar e ristoranti, questo sistema diventa intollerabile”.

Il Regolamento proposto da Confcommercio Livorno ai comuni della Provincia

1. L’attività di somministrazione dovrà fare riferimento alle caratteristiche di tipicità, riferendosi a prodotti inseriti nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali della Toscana, a quelli classificati come DOP, IGP, DOC, DOCG, IGT della Toscana, o comunque a prodotti provenienti da filiera corta.
2. La somministrazione dovrà essere strettamente limitata all’offerta di pietanze legate al prodotto tipico caratterizzante la sagra.
3. Per ciascuna pietanza, dovrà essere indicato, il luogo di provenienza dei prodotti utilizzati e l’eventuale utilizzo di ingredienti surgelati o congelati e il rispetto delle normative relative alla tracciabilità delle materie prime.
4. Visto che le sagre devono avere come scopo la promozione del prodotto tipico o delle tradizioni del luogo, i fondi raccolti dovranno essere destinati esclusivamente alle attività istituzionali dei soggetti promotori o alla beneficenza.
5. Il soggetto organizzatore è obbligato a redigere il bilancio preventivo e consuntivo dell’attività riferita alla sagra, redatto da un commercialista o un revisore contabile.
6. Gli scopi e gli obiettivi a cui sono destinati i proventi della sagra dovranno essere resi pubblici mediante apposita affissione.
7. L’area di somministrazione non può essere superiore al 50% della superificie complessiva a disposizione dell’area interessata dalla manifestazione.
8. Per le strutture temporanee allestite dovranno essere forniti tutti i necessari certificati di omologazione (materiali, montaggio, collaudo, impianti elettrici, documenti sulla sicurezza).
9. Ogni soggetto potrà effettuare una sola sagra per anno solare e nel medesimo luogo potrà essere organizzata una sola sagra per anno solare, a prescindere dal soggetto organizzatore.
10. Ogni Comune, di concerto con le associazioni di categoria rappresentative dei pubblici esercizi, stabilisce un numero massimo di giorni sagra l’anno e un numero massimo di sagre da inserire nel calendario annuale.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # negoziante

    tutto giusto
    il ristorante fisso deve sopperire a tantissime leggi
    mentre nelle sacre troviamo
    1- personale che aiuta quindi privo di tessere sanitaria o come si chiama ora
    2 – igiene non è certo quella che deve avere un risoratore anche se qualcuno non le rispetta
    3 – personale senza inps e inail ……
    4 – piatti e bicchieri di plastica che inquinano
    5 – …………………….
    E SI SPENDE DI PIù DOPO AVER FATTO LA FILA

    1. # furbetti

      Ed inoltre qualcuno la beneficenza se la fa a sè stesso senza alcun controllo !

  2. # Mario

    definizione di sagra: “Festa profana legata soprattutto alla celebrazione di prodotti della terra: sagra delle castagne, dell’uva, delle ciliege”. Tutto il resto è altra cosa. Per carità, non è che si ammazzi qualcuno, ma chiamiamo le cose con il loro nome, assumendosi oneri, onori e norme igieniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive