Cerca nel quotidiano:


Fermato giro di spaccio in una villetta

Intervento dei carabinieri in una villetta all'Ardenza dopo le segnalazioni dei vicini: in manette 40enne, denunciata la compagna di 24. Sequestrati 350 grammi di eroina, materiale per il confezionamento, due cellulari, monili e contanti

venerdì 05 gennaio 2018 12:31

Mediagallery

Tutto è iniziato i primi giorni di dicembre quando tra segnalazioni di vicini e appostamenti dei carabinieri è stato notato un improvviso e strano via-vai di persone da una villetta, ubicata in una strada all’Ardenza, abitata da un cittadino albanese 40enne, nullafacente, con precedenti di polizia, e dalla sua compagna, una giovane cittadina rumena 24enne residente nel pisano. I frequentatori della casa, per la maggior parte cittadini extracomunitari, dopo essere rimasti all’interno dell’abitazione per poco tempo si dileguavano con fare sospetto.
I carabinieri della Stazione di Ardenza, allertati da quanto notato, hanno quindi avviato delle vere e proprie investigazioni. Dopo circa un mese di attività tra osservazioni, pedinamenti e identificazione di persone, i militari hanno acquisito chiari indizi sul fatto che i due cittadini dell’est-europeo fossero dediti allo spaccio di stupefacenti. Pertanto è stato richiesto alla Procura labronica un decreto di perquisizione, firmato il 4 gennaio, con l’ausilio di una unità cinofila. Perquisizione che ha permesso di trovare circa 350 grammi di eroina. La droga, all’interno di un involucro termosaldato, è stata “annusata” dal cane Roy all’interno di un sacchetto della spazzatura. È stato sequestrato, inoltre, materiale per il confezionamento dello stupefacente in dosi: sacchetti per sottovuoto termosaldati, una macchina termosaldatrice per la preparazione di sacchetti sottovuoto, un bilancino di precisione con evidenti segni di utilizzo (presenza di polvere di colore bianco sul piatto). Oltre a due BlackBerry, utilizzati per comunicare con i clienti, sono stati trovati numerosi monili verosimilmente in oro (2 bracciali, 4 collane, 11 anelli, 9 orecchini) e oltre 2.500 euro in contanti. Il tutto provento dell’attività di spaccio. L’uomo è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre la sua compagna è stata deferita in stato di libertà per concorso nel medesimo reato.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # mario

    prima c’erano Albano e Romina ora Albanese e Rumena…altra musica!!!! poveri noi!

    1. # De ma De !!!

      Ahahahah , mi hai accappottato.Grandeee.
      Ridiamoci va’ senno’ e’ un casino

    2. # Liburnico

      ah ah ah grande 😉 mi hai fatto schianta’ 🙂

  2. # Claudio Federico GZESYS

    Provo a trasmettere il concetto in modo politicamente corretto, la droga è un accelerate della criminalità grande o piccola repressione pesante uguale meno 80% crimini in città

    1. # Alessandro

      Lo riempi fino all’archetto, buccina di limone e zucchero. Svapori tutto e poi de, caffè a fallo pari. Questo è il ponce, politicamente corretto! Non ho capito il concetto tuo, allora mi bevo un bel ponce, ma son duro io è, ci mancherebbe! Saluti.

    2. # Associazione Buini

      E noi locali come raggiungiamo la felicità?

  3. # Pina Bellato

    Mario, sei un grande. Battute a parte, questi soggetti non processiamoli neppure. Soldi sprecati e dopo massimo 1 mese risono a giro a fare altri danni. Imbarcare su primo aereo per casa sua…E se dovessero tornare, appena presi anche per un divieto di sosta, un’altra volta a casa…poi la smetteranno di venir qui solo per delinquere!!!

    1. # Pone Umberto

      Ciao Pina, e’ quello che dovrebbero fare i nostri governanti ma non lo fanno…troppo bello se li rimandassero a casa loro, ma purtroppo li respingono continuamente al nostro bel Paese dove i signori politici fingono di non vedere per ovvi motivi di interessi ………..

  4. # piero

    Magari, per farti capire meglio, mettici qualche virgola. Sono rimasto senza fiato a leggerti……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive