Cerca nel quotidiano:


Guida nell’emergenza: il nuovo stradario “salvavita”

Due guide per destreggiarsi durante le emergenze per le strade di Livorno e dell'hinterland. Presentata la dodicesima edizione della guida della Misericordia di Livorno

giovedì 19 aprile 2018 17:13

Mediagallery

Dodicesima edizione per lo stradario di Livorno e hinterland livornese della guida nell’emergenza a cura del decano della Misericordia di Livorno, Giovanni Bitossi. Dal 2007 ad oggi un prontuario fondamentale, riconosciuto a livello nazionale, per tutti gli autisti dei mezzi di emergenza: dalle ambulanze ai vigili del fuoco. “Parliamo di un progetto… antico, per il futuro – ha detto Bitossi all’interno della sala del Consiglio della Provincia durante la presentazione dei due stradari (città e hinterland) – Chiunque desidera da sempre percorrere la strada più veloce e diretta non può fare a meno di consultare, prima della partenza a sirena in quindici secondi l’itinerario giusto per arrivare sul luogo. Spesso infatti i sistemi di navigazione satellitare non reagiscono in tempo adeguato per la guida in stato di emergenza essendo più lenti e costringendo spesso gli operatori a tornare indietro quando ormai hanno imboccato la strada sbagliata”.
Gli interventi sul territorio di Livorno si articolano sull’estensione di tutta la città e delle dieci località circonvicine, in un’area compresa di 214 chilometri quadrati. “I due libri sono già aggiornati – specifica Bitossi, prossimo ai 50 anni con la Misericordia di Livorno – con tutti i nuovi sensi di marcia già approvati e istituiti fino al prossimo luglio”.
La guida “salvavita” migliora dunque la prestazione del soccorso e la guida degli autisti che in un lasso di tempo assai ristretto debbono sempre valutare mentalmente il corretto tragitto da percorrere, con il probabile pericolo dell’errore umano.
Uno strumento prezioso dunque, applaudito non solo dai “cugini” della Svs presenti in sala nelle persone di Francesco Cantini e Andrea Rocchi, ma anche dal comando dei vigili del fuoco rappresentato da Paolo Ghelardi, e dall’Accademia Navale di Livorno.
Alla conferenza stampa di presentazione era presente anche l’assessore alla viabilità urbana Giuseppe Vece e il commissario dell’Arciconfraternita della Misericordia di Livorno, Domenico Mannino.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Randy

    Bravo Giovanni, complimenti. Davvero un lavoro certosino e di grandissima utilità.
    E’ quasi impossibile descrivere tutte le particolarità e le informazioni utilissime riportate nei due manuali; si parla di numeri civici prima e dopo i passaggi a livello, aree portuali, altezza dei sottopassi e delle volte di ingresso a cortili interni di abitazioni……ci vorrebbero 10 pagine per descrivere dettagliatamente tutto.
    Complimenti ancora per il lavoro svolto, che ha come obiettivo principale quello di migliorare i tempi di soccorso e di conseguenza le possibilità di sopravvivenza di ognuno di noi.
    Mi sembra doveroso specificare che tutto il lavoro svolto sul territorio da dieci anni a questa parte (unico modo possibile per raccogliere una così vasta quantità di informazioni), con conseguente investimento e dispendio di tempo, è solo ed esclusivamente a titolo VOLONTARIO.
    Gran bel lavoro, la Misericordia di Livorno dovrebbe esser fiera di avere tra i propri iscritti, da quasi cinquant’anni, una persona come te.

  2. # Giorgio Tavaroli

    A nome mio e dei tanti utilizzatori quotidiani di questo “unico” stradario dico grazie a Giovanni Bitossi per aver creato questo utilissimo strumento e per averlo reso disponibile ogni anno, sempre più preciso e dettagliato, ai tutte le Associazioni che svolgono attività sul nostro territorio per un fine comune” Salvare vite”
    Giorgio
    Volontario Croce Rossa Italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive