quick service

Indennità di disoccupazione, cambia la modalità di richiesta

 
cgil

La Cgil di Livorno informa tutti i lavoratori stagionali che, poiché la disoccupazione con i requisiti ridotti non esiste più, entro 7 giorni dalla fine del loro rapporto di lavoro, debbono recarsi al centro per l’impiego – per rilasciare dichiarazione di immediata disponibilità – ed entro il medesimo periodo di 7 giorni debbono presentarsi nelle sedi Cgil per inoltrare la richiesta di disoccupazione all’Inps. Il requisito minimo previsto per la concessione della Miniaspi è di 13 settimane di lavoro nell’anno antecedente la cessazione. Per l’Aspi, di 52 negli ultimi due.
A differenza di quanto avveniva per la “vecchia indennità di disoccupazione”, le nuove prestazioni vengono corrisposte anche agli apprendisti e ai soci di cooperative.

 

 

 

giovedì 12 settembre 2013 12:24
Riproduzione riservata ©
 

13 commenti

 
  1. # Mario
    uguale all’anno scorso. Aspi e MiniAspi esistono già da più di un anno..
  2. # Per completezza di informazione...
    La domanda il lavoratore può presentarla o autonomamente utilizzando i servizi on line dell’Inps oppure recandosi presso qualunque patronato, quello CGIL incluso.
    1. # danie72
      Mi hai battuto nel tempo, la domanda la si puo’ fare in un qualsiasi patonato, INCA compreso ma non solo, oppure via rete direttamente sul sito inps risparmiandosi la classica fila di gente allo sportello! in bocca al lupo a tutti quelli che ne avranno bisogno nella speranza che li serva il meno possibile!!
  3. # Francesco R.
    Ma valgono ancora gli 8 mesi di indennità di disoccupazione, oppure è cambiato anche il periodo di retribuzione?…
  4. # michela
    Non devono presentarsi presso la cgil, ma presso gli istituti di pstronato, per presentare domanda via telematica all’INPS, oppure, se il cittadino, possiede il pin per l’accesso al sistema telematico, può accedervi ed inoltrare la richiesta personalmente.
  5. # vubbi
    Seguo da tempo il vostro notiziario. Mi dispiace molto che siate incappati in questa forma così gretta di sponsorizzazione della CGIL. Ha ragione chi dice che esistono oltre che più sindacati, anche altri patronati e non ultimo, il cittadino con il proprio PIN può fare anche da solo. Voglio sperare che sia stata una leggerezza della redazione, anche se in tutta onestà ci credo poco.
  6. # pat
    ma quale sponsorizzazione?si tratta di un comunicato della cgil leggete
  7. # Antonio
    Effettivamente mi sembra che questo, più che un articolo, sia una pubblicità…. La CGL non ê altro che uno dei tanti, tantissimi soggetti preposti per offrire un servizio alla cittadinanza.
  8. # Marco
    La CGIL informa i cittadini ed è a loro disposizione. Da sempre. E, speriamo, ancora per tanto. Nella nota la CGIL non nega che, effettivamente, ci sono anche altri sistemi per presentare la richiesta di aspi e miniaspi. Poichè la CGIL non è “lo stato”, ma una confederazione privata, parla a proprio nome e a proprio titolo. Non mi sembra ci sia niente di male. Per di più, il servizio offerto dal patronato INCA è totalmente gratuito. Quanto al primo commento, quello di Mario, mi spiace… ,a ciò che dice la CGIL è corretto. Aspi e Miniaspi sono state introdotte dalla legge 92/2012 a decorrere dal 01/01/2013.
  9. # Antonio
    A Marco vorrei però ricordare che questo articolo lascia intendere che tale domanda può essere inoltrata solo tramite gli uffici CGL e non tramite molti altri enti preposti. Per come è impostato sembra un’informazione secca, data dalla redazione, mentre si tratta di una nota “pubblicitaria” suggerita dall’ufficio interessato. Considerando che dietro tale domanda si nascondono comunque interessi economici da parte dell’ente che inoltra la domanda, per correttezza l’articolo avrebbe dovuto avere una diversa impostazione. Sempre per correttezza il servizio non è gratuito solo presso l’inca ma anche presso tutti gli altri enti di patronato che svolgono correttamente il proprio lavoro….
  10. # Andre
    Vi siete svegliati ora? È da gennaio che è così!
  11. # diana
    qualcuno mi fa capire come è avvenuto il passaggio ai nuovi strumenti aspi e mini aspi cosa è rimasto delle vecchie indennità…aiuto sono in crisi
  12. # diana
    grazie a tutti..dovrei fare un discorso delle vecchie rispetto alle nuove

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

captcha

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>