Cerca nel quotidiano:


Perde il figlio all’ottavo mese. Oggi i funerali

Mercoledì 11 alle 10,30, al cimitero della Misericordia di Livorno, i funerali del piccolino. L'addio straziante di babbo Cristiano: "Ti porteremo sempre nel cuore. Mai nessuno ti sostituirà"

martedì 10 gennaio 2017 17:06

Mediagallery

“Sarebbe dovuto nascere il 23 febbraio e pesava già 2,3 kg. E’ stata solo una tragica fatalità”. Parole amare, parole dolorosissime di un padre che non ha neanche fatto in tempo ad abbracciare il figlio. Il lutto arriva dopo una gravidanza bellissima portata avanti con gioia e felicità da mamma Lisa, accudita con amore dalle figlie piccole Olga ed Eva. Sette mesi senza un problema poi, all’improvviso la tragedia. Lisa Suares, compagna di vita di Cristiano Gumina, livornese, si sveglia la mattina del 5 gennaio e non sente più suo figlio in pancia. Così la visita ginecologica in ospedale al Santa Chiara di Pisa (città in cui vive la coppia livornese) dove i dottori confermano l’atroce dubbio. Il piccolo, Gregorio Giuseppe, così si sarebbe dovuto chiamare, ha un battito debole. Via dunque all’operazione d’urgenza in sala parto con il cesareo dove i medici pisani hanno fatto di tutto per cercare di salvare la vita al feto. Il piccino purtroppo però non ce l’ha fatta. Il suo cuore aveva smesso di battere a causa, probabilmente, del soffocamento dovuto al cordone ombelicale che si era stretto drammaticamente attorno al collo. Un tragico episodio che ha segnato così la fine prematura della sua vita recisa prima di sbocciare.
Mercoledì 11 gennaio, alle 10,30, sono in programma i funerali della piccola creatura al cimitero della Misericordia di Livorno (nella foto in pagina).
Su facebook il post straziante del babbo, Cristiano, che ha scritto a tutti gli amici e conoscenti annunciando così il doloroso evento.
“Tra poco sarà l’ultima volta che ti vedrò, ed allora ti auguro un buon viaggio nel posto in cui le persone dicono ci sia un luogo chiamato paradiso – scrive Gumina –  Non riesco ancora a credere come è stato crudele questo mondo a strapparti via da noi senza neanche poterci guardare negli occhi e conoscerci, l’unica cosa che ho potuto fare è stato vederti , prenderti in collo un minuto e baciarti su quella dolce testina che oramai era fredda. Sappi che la tua famiglia ti porterà nel cuore per sempre e che nessuno ti sostituirà perché ogni persona ha un cuore a sé. Buonanotte Gregorio, amore di babbo, anche se non sei riuscito a vedermi, babbo, mamma e le tue sorelle ti amano”.

Riproduzione riservata ©

11 commenti

 
  1. # veronica

    Non ci sono parole. Ciao piccolo Gregorio…

  2. # Stefano

    Mi ha percorso un brivido freddo, non sono in grado di esprimere a parole quello che provo. Un abbraccio fraterno di solidarietà ai genitori

  3. # Daffy

    Un abbraccio cari genitori. Un bacio al vostro angioletto.

  4. # Alla Frutta

    Ho i brividi. Sono vicino alla famiglia

  5. # Barbara

    Purtroppo ho vissuto la stessa esperienza alla 38esima settimana infarto placenta! Sono passati 20 anni ma il dolore fa sopravvivere ma non dimenticare…vicino al dolore di tutta la famiglia. Rip angioletto

    1. # Kristy

      29esima settimana, a 30 anni di distanza e’ ancora nei nostri cuori. Un conforto, le vostre bimbe, uniti supererete questo dramma.

  6. # Gabriele

    Senza parole.
    Un caro abbraccio al piccolo e alla sua famiglia.

  7. # Ciao angioletto

    Sono nato con al collo il nodo scorsoio del cordone ombelicale, all’epoca non cerano le ecografie e mi sono salvato per miracolo: ero cianotico, mi raccontava mia madre. Allora non c’erano le ecografie, le risonanze ecc, Ma oggi che ci sono, come si fa a morire così ? Addio Gregorio, prega per noi.

  8. # Polpetta

    Notizie che non vorrei mai leggere ma purtroppo in questo mondo infame esistono. Un bacio grande a Gregorio e un grosso abbraccio a babbo e mamma tenete duro……

  9. # Anna

    senza parole solo il” silenzio “siete stati davvero sfortunati.

  10. # Deborah Lonzi

    Ciao piccolo angelo….. Gregorio sarai anche nel mio cuore 💖…… 🎈🎈

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive