Cerca nel quotidiano:


Inizia il Porta a Porta a San Jacopo, Fabbricotti, Marradi e stadio

Con l’attivazione in queste zone, altri 30mila abitanti serviti, per una copertura complessiva pari al 56% del territorio comunale. Entro l’estate l'azienda punta a raggiungere il 100% della città

sabato 21 aprile 2018 08:05

Mediagallery

È tutto pronto per l’avvio del “Porta a porta” nei quartieri San Jacopo, Marradi, Fabbricotti e Stadio. Lunedì 23 aprile il nuovo servizio di raccolta differenziata di Aamps, la società in house del Comune di Livorno per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti e della pulizia stradale, raggiungerà altri 30mila cittadini. Complessivamente, con la copertura di questa ulteriore porzione di città, il “Porta a porta” guadagnerà il 56% del territorio comunale, e 90mila abitanti; ed entro l’estate l’azienda punta a raggiungere il 100% della città. “Proseguiamo con impegno e convinzione nell’attivazione del nuovo servizio di raccolta, con l’obiettivo di abbandonare definitivamente l’utilizzo dei cassoni e contribuire così in maniera significativa sia al decoro urbano sia a una gestione sostenibile del trattamento dei rifiuti condominiali” – ha dichiarato Paola Petrone, direttore generale di Aamps. “Contiamo sulla collaborazione dei cittadini, perché attraverso piccoli gesti, che diventano presto semplici abitudini, ciascuno può dare sostanza al ciclo virtuoso dei rifiuti, fatto di recupero di materiali, trasformazione (ad esempio a beneficio dell’agricoltura), produzione di energia pulita, minimizzazione delle scorie, come già succede nelle realtà più innovative”.
Anche nei quartieri San Jacopo, Marradi, Fabbricotti e Stadio, perciò, i cittadini, secondo i giorni definiti dal “calendario di raccolta”, esporranno i sacchi, i contenitori e i mastelli destinati alla raccolta dei diversi tipi di rifiuti riciclabili e non – carta e cartone, vetro, multi-materiale leggero, organico, indifferenziato – negli spazi condominiali appositamente adibiti o sul suolo pubblico nelle immediate vicinanze dei condomini. L’esposizione dovrà essere effettuata entro le ore 13.00. Gli operatori di Aamps passeranno a ritirare i rifiuti presso ogni singolo condominio fra le 13.00 e le 19.30 del giorno stesso. Per alcune strade (clicca per vedere l’elenco) il servizio sarà attivo dal 14 maggio. Questo il calendario di raccolta nei quartieri interessati: lunedì: carta / cartone e organico; mercoledi: multi-materiale leggero (plastica, alluminio, tetrapak); giovedì: vetro e organico; venerdì: indifferenziato. Con la nuova estensione il “Porta a porta” a Livorno coinvolge complessivamente i seguenti quartieri: Ardenza, La Rosa, Costanza; Leccia, Scopaia, Magrignano; Castellaccio, Quercianella, Collinaia, Valle Benedetta; Montenero Alto, Montenero Basso; Antignano, Banditella; Colline; Coteto; Salviano, Cimarosa; Porta a terra, Firenze Enriques, Provinciale pisana; La Venezia, Picchianti, Vallin Buio; San Jacopo, Marradi, Fabbricotti, Stadio.

Per informazione su modalità e calendario e per richiesta di materiale, Aamps invita la cittadinanza a rivolgersi ai consueti canali di comunicazione: numero verde 800-031.266 (dal lunedì al giovedì dalle 8:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:00 e il venerdì dalle ore 8:00 alle 13:00), info@aamps.livorno.it, Facebook/Twitter/Mobile APP (“Aamps Livorno”).

Riproduzione riservata ©

55 commenti

 
  1. # marco62

    Auguri ai nuovi arrivati nella raccolta del porta a porta, così un’altro pezzo di città che piomba nella schifezza contribuendo a far diventare la nostra Livorno una pattumiera a cielo aperto.

    1. # Max

      Ma perché non lo è già? I civilissimi cittadini che abbandonano materassi, pneumatici ed altre schifezze ai cassonetti se ne fanno un baffo della differenziata.

      1. # marco62

        Max vuoi far parte di quella piccola parte di cittadini che se ne frega della differenziata o diventare un ottimo contribuente della città pattumiera a cielo aperto? Poi tieni conto che si contesta la modalità di raccolta del porta a porta non la raccolta differenziata che ogni cittadino sarebbe tenuto a rispettare.

        1. # Fabio

          Bravissimo Marco. E’ verissimo, nessuno mai contesta la raccolta differenziata. Finalmente siamo arrivati a questo. Qua si contesta il modo con cui questa raccolta viene fatta. Sinceramente, avendo visto in altre città come viene effettuata……..posso dire che noi…….siamo una vergogna nazionale. Bastava consultarsi con altre città della toscana per cercare di fare meglio. Purtroppo…….sarebbe stato come copiare ed il risultato è quello che vediamo e ancora peggio……vedremo quando arriveranno al centro. Comunque ne abbiamo per poco perchè proprio quando questa raccolta toccherà strade come via verdi, borgo cappuccini, borgo san jacopo, via terrazzini, via grande…….solo per fare degli esempi…….succederà il finimondo.

  2. # u8go nogarin sono otto

    caratteristica dell città penta stellate….

  3. # Emme

    Gabbiani felici.

    1. # Stancoestufodiavervivotato

      Il più bel commento! Gabbiani felici ! In effetti è’ così …. per i cassonetti ora i bidoncini !

  4. # BASTA

    la dovete smettere di lamentarvi ed imparare ad essere più puliti e diligenti… è ora di smetterla di buttare tutto nel bidone nero perchè siete vagabondi!

    1. # Beppe

      “OBBEDISCO!” ,perché obbligato, ma astieniti dal farmi la morale se non hai le cifre in mano. Questo giochetto ci sta sprofondando nella miseria solo per arricchire pochi intimi. Quando avrai i conti richiama.

    2. # troiaium

      E non siamo vagabondiiii!!! E’ una schifezza questo tipo di raccolta differenziata. Che bellezza gli ingressi dei condomini con sfilate di cassonetti della spazzatura, strade piene di carta quando c’è vento, gabbiani e tarponi ovunque. Bravi ma in questo modo si salva il pianeta

  5. # Ioannis

    Questo porta a porta fortemente voluto dal sig. NOGARIN, porta ancor di più la città di Livorno in uno stato di degrado assoluto. Per Lui è bello vedere per giorni e giorni davanti i portoni delle case quello schifo di cumuli d’immondizia. VergognateVi.

  6. # Lorenzo65

    Un progetto realizzato per la felicità di tutti coloro che abitano in piccoli appartamenti senza terrazze, che sapranno apprezzare il contatto intimo con i bussoli ricchi di delicate profumazioni ed eleganti elementi d’arredo in casa., preferibilmente fra il salotto, la cucina e la camera da letto.

  7. # Aldo Bots

    Un grande spreco di risorse che sarà abbandonato a breve perché già superato da altri sistemi più efficaci come dimostrano le esperienze maturate in altre città.

  8. # gabri

    ieri,davanti ad obi, domenica pomeriggio una discarica all’aperto. gabbiani superfelici e visione da vomito.La COLPA mori’ fanciulla. SICURAMENTE DI CITTADINI POCO SENSIBILI ALL’IGIENE E ALL’ETICA,ma qualcuno dovra’ pur fare la regia a questo sudiciume. Si entra nei condomini e la prima cosa che si vede bidoni dell’immondizia.Ma fatela finita e rimettete cassonetti in strada giganti e chiusi, apribili con le tessere ecc…

  9. # Plinio

    Concordo con marco62!

  10. # Mario

    Che bella schifezza pentastellata

  11. # vasco

    Benvenuti nella discarica condominiale

  12. # Bidonville

    Bene, altri tre quartieri favelas in arrivo con rumenta ad ogni portone quasi ogni giorno….

  13. # Peppa

    Io abito al Cisternino qui la raccolta noi la facciamo loro vengono quando quando se lo ricordano chiamo il numero verde loro fanno la segnalazione e qualche volta vengono e non ritirano a tutti la differenziata.

  14. # #fai

    Dalla zona Salviano…. avevo un bel terrazzino, dico avevo….con i vasetti delle classiche piantine aromatiche, un pò di salvia, un pò di rosmarino, un pò e un pò….adesso ho il bussolo vetro, il bussolo plastica, il bussolo organico, il bussolo indifferenziata, il bussolo carta…… che dire …? naturalmente grazie…. Dimenticavo la strada è diventata un cesso.

  15. # Andrea

    ASCOLTA FILOSOFO…IO LA FO REGOLARMENTE…IL PROBLEMA E’ CHE UN PASSANO MAI E SONO IN DIFFICOLTA’…HAI VOGLIA DI SEGUIRE LE REGOLE….FATE TROPPI DISCORSI VOI GRILLINI, TROPPI FILOSOFI….SE UN VI RIESCE…UN LO FATE PUNTO ! AVETE FATTO DIVENTA’ LIVORNO UNA DISCARICA A CIELO APERTO E SENZA NESSUN RISULTATO, PERCHE’ I VALORI DI RD NON SONO INCREMENTATI E LO SAI PERCHE’ ? PERCHE’ SICCOME UN PASSANO MAI LA GENTE PORTA I SACCHETTI DOVE SONO ANCORA I CASSONETTI O LI ABBNADONANO IN SUPERSTRADA SULLE PIAZZOLE, FACCI UN GIRO E GUARDA VAI……HAI VOGLIA DI CHIAMA’ L’AAMPASSE SU WHATS UP, FACEBOOK ECC. TANTO UN PASSANO !

  16. # Floriano

    A me hanno lasciato i bidoni nel portone senza dirmi niente e hanno fatto la firma a nome mio …ma vi sembra regolare ?e dovrei andare ad una runione di due ore alle 18…ma io lavoro a quell’ora !

    1. # Max

      Fai una denuncia ai carabinieri,sempre se hai le prove.Se non si scrive ,tutto resta nel dimenticatoio.

  17. # mah...

    Secondo la mia modesta opinione, alle prossime amministrative, QUALUNQUE FORZA POLITICA SI PRESENTI dalla destra estrema alla sinistra estrema con due soli punti nel programma elettorale: a) ABBANDONO DEL SISTEMA PORTA A PORTA E UPGRADE DELLA DIFFERENZIATA CON SISTEMI ALTERNATIVI; b) ABOLIZIONE DEGLI STALLI BLU, vince le elezioni a mani basse…..

    1. # Patrizia

      Questo è poco ma sicuro ! Non vedo l’ora che arrivi quel giorno…

  18. # massimo bartolini

    La pattumiera a cielo aperto è dove ci sono ancora i vecchi cassonetti, puzzolenti, semidistrutti (da noi) e ingombranti. Il porta a porta, se i cittadini collaborano, funziona eccome; è più agevole e semplice e facilita l’impegno dei cittadini. All’inizio qualcosa può dare delle difficoltà, ma quando è avviato è senz’altro migliore di prima e più ecologicamente corretto!
    E, d’altra parte, l’alternativa può essere una sola, ridurre il consumismo e la produzione di rifiuti non biodegradabili, ma credo che ormai indietro non vuol ritornare nessuno. O no ?

  19. # Plinio

    Parlando con parenti, amici e conoscenti, non c’è nessuno che sia soddisfatto del servizio porta a porta! Continuiamo cosi’, come per le piste ciclabili, le rotatorie e gli stalli blu!

  20. # Maah

    Questo modo di “differenziare” è stato dichiarato fallimentare in Germania (non il Burundi), il 70 % di materiale plastico viene bruciato perché non adatto per il riciclo, i sacchetti “biodegradabili” rendono impossibile il procedimento di compostaggio perché ci mettono troppo a “degradarsi” ed è difficilissimo filtrarli….. Per non parlare dei imballaggi fatti di plurimateriali che rendono impossibile un riciclo sensato. Ma i geni della lampada non hanno ritenuto opportuno informarsi PRIMA di obbligarci a perdere tempo e complicarci la vita. Una chicca – saranno costruiti più di 100 termovalorizzatori in giro per l’Europa per bruciare la maledetta plastica

    1. # boh

      Ritenti, questa volta non ha vinto ! “Secondo i dati dell’IW, i tedeschi riciclano il 64% dei rifiuti urbani, destinando agli inceneritori un altro 35%, cosicché solo l’1% è destinato allo smaltimento in discarica”

  21. # Mario

    Prendere esempio da Tirrenia? No? Grandi cassoni per la differenziata ed apertura controllata da tessere. Era davvero troppo difficile da realizzare? Forse chi ha progettato questo bellissimo
    Siatema di bussolandia,avrà nel
    Suo grande cuore, le schiere di talponi,gatti e cani randagi,non per ultimi i poveri gabbiani da sfamare. Auguri a tutti noi!

  22. # COSTI & VANTAGGI

    I costi per i Cittadini sono abbastanza chiari ( o quasi), ciò che non si capisce sono i vantaggi??? Provate a spiegarlo in modo che anche i NON PENTASTELLATI capiscano. Grazie

  23. # poveritalia

    Bel progresso il futuro che ci aspetta, una bella estate caldissima con puliture di pesce, di pollo ed altre cose putride, da conservare in casa o appena fuori dalla porta, ad attirare ratti ed altre bestie a banchetto. Effettivamente è ecologico, come lo è anche il fatto che prima c’era un camion che raccoglieva la spazzatura, ed ora invece sono un camion ed un furgone, con relativi consumi raddoppiati, costi assicurativi e gestionali (gomme, oli, etc etc), senza contare tutti quei “bidoni e bidoncini” di PLASTICA NON BIO, distribuiti a tutte le famiglie (e qui sarei curioso di sapere se ci sono state mazzette), che solo DIO saprà come poter smaltire.
    BELLA PENSATA !!!!!!!

  24. # mrRobotLivorno

    Guardate che a Pisa c’è il vostro Caro PD… e la situazione è la medesima che a Livorno.
    E’ questa tipologia di raccolta che porta a questi disagi, non ci incastrano le forze politiche al comando.
    Tutti i Comuni dovranno passare al porta a porta, e Livorno era rimasto uno dei pochi, se poi il livornese medio è sudicio e menefreghista, questo è un altro problema che si somma alla raccolta porta a porta.
    Soluzione: multe coi fiocchi, raccolta più celere, cambiare la testa dei livornesi,
    indietro al momento non si torna…

  25. # Giada

    nessuno che riesca a comprendere che il futuro non può che essere fatto di raccolta sempre più differenziata perché il modello di sviluppo che abbiamo non è più sostenibile come abbiamo fatto adesso. E’ chiaro che ci possano essere dei disagi, si tratta di essere propositivi nel trovare soluzioni che li riducano al massimo. Lamentarsi per lamentarsi non serve a nulla e non porta vantaggi concreti.

  26. # #UnoACaso

    Personalmente, facevo raccolta differenziata già prima di questo nuovo sistema (nonostante circolasse la leggenda (vera o no… ) che alla fine, tutto sarebbe stato comunque incenerito assieme…. ), quindi credo che l’educazione e la coscienza di una cosa importante, non la si imponga con questo metodo : l’incivile in un condominio continuerà a fare i comodi suoi ed il condominio a pagare multe.

    Prima ero residente in zona Porta a Terra… e questo nuovo metodo ha creato i suoi problemi ed ha mostrato i suoi limiti… nonostante avessimo molto spazio a disposizione per mettere i bidoni.
    Adesso vivo in una delle zone interessate… il condominio ha poco spazio ed intorno ci sono altri condomini.
    Dovremo fare dei lavori ( e spendere soldi ) per consentire agli addetti di poter accedere ai bidoni (che non devono stare a più di 10 metri dalla strada…. NDR) e per evitare che chi di passaggio li utilizzi per buttare i propri rifiuti.

    Sicuramente è un primo passo… sicuramente con il tempo la cosa verrà migliorata… ma mi chiedo : il comune chiede ad i cittadini IMPEGNO e RISORSE … ed in cambio abbiamo la tassa della spazzatura tra le prime TRE in italia…. (come del resto l’aliquota IMU …. ). Visto che il M5S si dichiara portatore di cambiamento… non sarebbe il caso di dare una svolta anche a questo ? O alla fine “cambia il ..volatile … ma il …. nido resta sempre lo stesso ?”

  27. # Guerra tra poveri....

    Senza contare le spiacevoli discussioni interne ai condomini visto che AAmps ritira i bidoni posti al massimo a 10 mt dall’ingresso dello stabile,nel mio caso dovrebbero stare sotto i terrazzi,cosa non gradita dagli abitanti del 1’piano e li vorrebbero collocare in luogo distante da finestre e terrazzi,dove sara’ necessario un servizio a pagamento….oltre alla prepotenza dei condomini che non vogliono sentire ragioni la responsabilita’ piu’ grande e’ proprio del Comune di Livorno….che Non ha assolutamente fatto i conti con le singole realta’ creando le basi per per dissapori e guerre fra condomini.Bravi!Che capolavoro avete fatto!

  28. # lucone

    E’ assoluta urgenza che siano consegnati anche i cassonetti gialli per la plastica. i sacchi gialli in strada sono indecorosi e antigienici. E’ necessario che si faccia avanti l’ Ufficio d’Igiene della USL perché cosi non si può andare avanti. Gabbiani, topi e incuria rendono le strade indecenti.

  29. # impossibili spazzatura viabilita' stalli blu

    condivido tutto in pieno tutto assurdo buste ovunque oggi sul mare c’era pieno di spazzatura fuori delle case bello vero per i turisti fare una bella foto ai viali … e poi della viabilità ne vogliamo parlare? Stanno introducendo assurdi sensi unici vedi zona via Lepanto e l’assurdo progetto di via cassa risparmi e v. ferrigni larghissima rese senso unico con aggravio di traffico nelle strette via acquisto e v. coteto e complicazioni a raggiungere le zone se non con complicati giri. In più stalli blu e lettere ovunque per spremerci come limoni diventa impossibile parcheggiare anche i motorini

  30. # Massi

    Un benvenuto agli abitanti di Fabbricotti e Marradi nella favelas Livorno a cinque stelle!!!!

  31. # Che amarezza

    Ma si scherza per davvero..
    Si confonde LA RACCOLTA DIFFERENZIATA .. con il ” metodo di conferimento”..
    Nessuno sostiene che non si debba differenziare (ergo riciclare.. Forse!)
    Quello che è sbagliato e l assurdo metodo di conferimento della spazzatura .. Con quei microbidoni che ormai anche i gabbiani hanno imparato ad aprire..
    ..e concordo.. Basta andare a tirrenia..

  32. # Che amarezza

    Ah..
    Per non parlare di quanto inquinano i camioncini SEMPRE CON MOTORE ACCESO mentre ritirano…
    Ci impiegano 1 pomeriggio per fare 3 vie..
    SINDACO….MA CI SENTI…??

  33. # Davide

    In via terrazzini a quando?

  34. # marco62

    Caro Sig. Massimo Bartolini il suo commento è a dir poco ridicolo associato ad altri, in quanto non si contesta la raccolta differenziata, si contesta la modalità di raccolta che è tutto un’altro aspetto, aver riempito la città di bidoni ad ogni angolo, appartamento o cortile gli sembra di aver migliorato l’aspetto igienico sanitario? per non parlare del sacchetto multimateriale lche non ha bidone e si lascia per strada? Vedere tutte quelle pattumiere lungo il marciapiede ostacolando in moltissimi casi il passaggio alle persone ai passeggini o peggio ancora ai disabili é giusto? Aumentare la popolazione dei ratti va bene?

  35. # Beppe

    Ma non poteva bastare un’ordinanza che vietasse sul territorio comunale l’uso , il commercio, e il transito del VUOTO A PERDERE? Ai miei tempi il fiasco si rendeva e non è mai morto nessuno! Per una Città ormai vicina a 200.000 anime per il ” porta a porta” ci vuole l’esercito !!!

  36. # Chiara

    Plastica e indifferenziata ritirate una volta a settimana e umido SOLAMENTE due volte a settimana ecco il problema! Non la mancanza di voglia di differenziare. Il fatto è che una famiglia va fuori di casa se la spazzatura la ritiri così!! Per non parlare dell’odore che esce dal bidone dell’umido! Io la spazzatura la voglio buttare tutti i giorni e mi hanno tolto anche questo diritto! Vergogna!!!

  37. # DILEX

    FLOP TOTALE impossibile accogliere tutti i convocati della zona Marradi nella sala conferenze del museo di storia naturale per carenza di spazio (si narra 250 posti). Ma dico io: sono esseri pensanti quelli che organizzano? Non sanno contare? È umano convocare persone anche molto anziane che sotto la pioggia aspettavano di aver notizie sul da farsi per poi sentirsi dire siamo aperti anche domani quando era scritto nero su bianco che gli altri giorni sono destinati ad altre zone? Ma lo sanno che la gente ha una vita? PERCHÉ NON SANZIONARE QUELLI CHE PRENDONO CANTONATE DEL GENERE? VERGOGNA … Questo è il prezzo da pagare x essere civili cittadini che si interessano di adempiere il loro dovere civico mentre chi dovrebbe essere esemplare non lo è. Ah, dimenticavo: la TARI mi è arrivata puntualmente e puntualmente senza sconti nonostante la metà del lavoro di corretto smaltimento sia adesso mio e non più di Aamps. GRAZIE a tutti del servizio.

  38. # Una mamma

    In bocca al lupo nogarin ha messo noi cittadini a lavorare per lui e ha anche aumentato le tasse…..è un grande…..accidenti a me che l’ho votato

  39. # Stanco

    Voglio vedere chi rivoterà nogarin il prossimo anno

  40. # bobsteel

    Al posto di chiacchere, serve una qualche organizzazione che raccolga le firme per far intervenire la magistratura. C’è un concreto rischio per la salute pubblica, se si richiama l’articolo 32 della costituzione, devono cambiare sistema.

  41. # tutti boni

    Non sono un grillino, ma la differenziata non l’hanno inventata loro. è iniziata con Cosimi. Detto questo, Nogarin invece di far apparire tutto bello, dovrebbe andare direttamente LUI a parlare con i cittadini per sapere cosa è che non funziona. La mia soluzione è quella che fanno tanti comuni e che qui fa fare solo a Quercianella, cassonetti differenziati con tessera.

  42. # Trollolo

    Mi sembra che qui qualcuno abbia mal interpretato le lamentele. Qui nessuno si vuole sottrarre al dovere di fare la raccolta differenziata, ma di rendere le nostre abitazioni o condomini delle pattumiere. Nel mio condominio (grande) abbiamo una quantità di bidoni, delle dimensioni di quelli che erano in strada da occupare tutto lo spazio comune, se vi sembra normale

  43. # mr

    ma cosa vi lamentate..in un quartiere di Tokyo dove ho abitato per 3 mesi dovevo addirittura rimuovere l’etichette di carta dalle bottiglie di plastica e vetro…una volta non lo feci e il giorno dopo arrivo una lettera di rimprovero! ci va di lusso

    1. # bobsteel

      rispondo a mr…………….. beato te……………..

  44. # Brontolo

    AVETE DISTRIBUITO DEI “SECCHI” IN PLASTICA DI VARI COLORI PER UNA RACCOLTA DIFFERENZIATA….POI LI AVETE TOLTI DANDO DEI SACCHETTI DI CARTA CHE SONO 50 E DOVREMMO PAGARE IL DOPO…DICO, MA TUTTI QUESTI SPRECHI NON POTEVI PENSARCI PRIMA E RISPARMIARE??…MA CHI ORGANIZZA LO STATO DI COSE IN QUESTA MANIERA?

  45. # Michell

    Noi alla Rosa abbiamo la differenziata ma essendo condomini grandi abbiamo i bussoli grandi però è una guerra tu fai la differenziata per bene gettando sacchi della plastica fuori il giovedì ma abbiamo scoperto nei nostri bidoni persone non del nostro condominio ma di altri che buttano la non differenziata nei nostri !!! Siamo costretti ogni giorno a controllare i nostri bidoni perché gli incivili fanno i furbi e per non avere multe ora siamo costretti a chiudere a fare dei cancelli con chiave per tenerli non più alla portata degli incivili menefreghisti quindi per il condominio una spesa e nnche piccola più puzzano perché l’Aamps non provvede a lavarli sopratutto quelli Marroni dove ci va l’organico immagino ora d’estate ! Non organizzata bene io spero per il ritorno dei cassoni grandi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive