Cerca nel quotidiano:


Nogarin riceve l’ambasciatore statunitense

Incontro tra il sindaco e il nuovo ambasciatore americano Lewis M. Eisenberg. Opportunità di sviluppo turistico tra Livorno e Stati Uniti

mercoledì 13 dicembre 2017 18:09

Mediagallery

“Il rapporto tra Livorno e gli Stati Uniti affonda le sue radici nel passato. Era il 1794 quando il governo statunitense scelse la nostra città per insediarvi la prima sede consolare americana in Italia. Oggi è importante rafforzare questo legame, in modo da creare importanti opportunità di sviluppo reciproco”. Con queste parole il sindaco Filippo Nogarin ha commentato l’incontro avuto nel suo ufficio a Palazzo civico con il nuovo ambasciatore statunitense Lewis M. Eisenberg.
Un incontro di circa mezz’ora cui hanno preso parte anche il Console generale Benjamin Wohlauer, il segretario particolare dell’Ambasciatore Anthony Diaz, Michele Comelli, consigliere politico ed economico e Antonio Bertelli, capo di gabinetto del sindaco Nogarin. “Con l’ambasciatore Eisenberg ci siamo trovati in perfetta sintonia sulle prospettive di crescita della città di Livorno. E non potrebbe essere altrimenti – ha sottolineato il sindaco Nogarin – Fino al 2002, infatti, l’attuale ambasciatore ha ricoperto l’incarico di presidente dell’Autorità portuale di New York e ha lavorato per sviluppare un’economia turistico ricettiva nei quartieri limitrofi al porto, che fino a quel momento non avevano beneficiato dell’arrivo dei crocieristi da tutto il mondo. Esattamente la stessa sfida che oggi ha davanti Livorno”.

L’ambasciatore ha dato la disponibilità sua e del Console generale Wohlauer a collaborare con l’amministrazione livornese per creare le condizioni ottimali per spingere le migliaia di croceristi statunitensi che ogni anno sbarcano in città, a rimanere a visitare Livorno, prima di proseguire con il loro tour della Toscana. “Si tratta di una sfida per noi entusiasmante e a cui stiamo lavorando da tempo – conclude il sindaco – Poter beneficiare del contributo dell’ambasciata americana e capire meglio quale tipo di servizi o facilitazioni desiderano in particolare i croceristi statunitensi, rappresenta un aiuto fondamentale per costruire un’offerta realmente attrattiva. Questo lavoro andrà di pari passo con una promozione delle eccellenze artistiche e culturali della nostra città: Modigliani e Mascagni in testa”.
Prima di ripartire con il suo staff alla volta di Camp Darby, l’ambasciatore Eisenberg ha lasciato un pensiero sull’albo d’oro comunale riservato alle figure istituzionali che visitano la città.

 

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # De ma De !!!

    Guarda ganzo Nogarini con l ‘ Ammerrigani ci va’ incravattato , mentre a Montecitorio ci va’ in Jeans

  2. # Biagio

    Su questo i soliti beceri non hanno ancora trovato da ridire ma son sicuro che si rifaranno…
    Mi piacerebbe che questa sinergia con un esperto come Eisenberg non rimanga solo un proposito ma si trasformi in uno scambio continuo.

  3. # the americans

    Well done Mr. Nogarin.

    The americans, used to drive in a very wide roads, will be astonished to see the terrible trafic jam you created with your super small round about on the road along the sea.

    Your duty explaining to americans why the new empty cycle paths have destroyed one of the most beautiful scenics road along the seaside.

    I’m sure a lot of american tourists will be amazing in reading your great projects of cable railway from Harbor to train station.

    Thank you Mr. Nogarin keep up the good work… see you soon to the next election day!

    1. # Antonio Caprai

      I’m sure people from US should be more quite. Especially with North Korea.

      1. # the americans

        Hi Guy

        Did you use Google translator or something else?

        Your words “more quite” in this contest have very little meaning. Try again…

        I’m joking of course.

        Have a great night and say “be happy” to all people refusing demagogy. You probably won’t find any of them inside the Livorno town council. They’re looking for a job…ahahahahahahah

        The Americans

  4. # becero

    “…Su questo i soliti beceri non hanno ancora trovato da ridire …”

    Mi scusi Sig. Biagio ma che c’è da ridire?

    Normale incontro tra un nuovo ambasciatore ed una città in prossimità di una grande base dell’esercito USA, nonchè importante porto nel mediterraneo. Stop!

    1. # marco62

      Biagio evidentemente ha i paraocchi e a prescindere voterà l’attuale giunta, senza mettere in moto il cervello. Quando una cosa o un fatto è positivo lo è e basta.

  5. # Dilvo

    Come crocerossina sarei più attratto da Pisa e Firenze. Livorno è un buon porto ma poi.. Cosa può dare?

    1. # Biagio

      È proprio questo il senso dell’incontro.

  6. # Amilcare

    RIAPRIAMO LE FORTEZZE (ATTREZZIAMOLE), I MUSEI (RIAPRIAMOLI), LA STORIA DI LIVORNO RIABILITIAMOLA), TORRE MARZOCCO, MASTIO MATILDE, VANNO RIPROPOSTE….HAI VOGLIA TE DI GUADAGNARE, (PACE A GLI UOMINI DI BUONA VOLONTA’)….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive