Cerca nel quotidiano:


Semaforo “spara-multe”, tutto pronto. Ecco come funzionerà

Il semaforo è quello all’intersezione tra viale Mameli e via Redi/viale Fabbricotti. In caso di infrazione il sistema invierà telematicamente alla centrale della Polizia Municipale un filmato

domenica 08 gennaio 2017 07:04

Mediagallery

Tutto pronto per il collaudo, prima, e la messa in funzione (nell’arco di un mese), poi, del primo impianto semaforico cittadino dotato di un sistema di telecontrollo delle infrazioni. Il semaforo prescelto è quello all’intersezione tra viale Mameli e via Redi/viale Fabbricotti. In base a uno studio statistico dell’incidentalità a Livorno, effettuato qualche anno fa dalla Polizia Municipale, questo incrocio risulta essere uno dei più pericolosi in città, secondo solo a quello sugli scali Novi Lena (soppresso con la realizzazione della rotatoria). I lavori si sono conclusi il 30 dicembre.
Il semaforo sarà dotato di due telecamere, una di contesto e una con sistema OCR per il riconoscimento delle targhe. In caso di infrazione il sistema invierà telematicamente alla centrale della Polizia Municipale un filmato, insieme a una sequenza di fotogrammi a breve distanza e a una foto OCR con targa evidenziata rispetto allo sfondo. Alla ricezione del materiale, è previsto un ulteriore controllo “a occhio” da parte di un agente di P.M. prima della validazione dell’infrazione, e della successiva notifica all’interessato. Le telecamere attiveranno il sistema di registrazione solo in caso di effettivo attraversamento della linea dello stop con il rosso (si ricorda comunque che è vietato attraversare non solo con il rosso, ma anche quando si vede che il semaforo è passato da verde ad arancione). Nel caso in cui il guidatore, dopo aver regolarmente attraversato la linea dello stop, fosse impossibilitato a completare l’attraversamento per un qualsiasi motivo (per esempio un rallentamento della viabilità nella carreggiata di immissione o di svolta) il sistema sarà in grado di comprendere che non c’è infrazione e non invierà nessuna segnalazione alla centrale.

Gli impianti dotati di sistema STARS (Sanzionamento dei Transiti Abusivi al Rosso Semaforico, ai sensi dell’art. 146 comma 2 e 3 del Nuovo Codice della Strada) hanno l’obiettivo di prevenire e reprimere comportamenti alla guida che possono essere fonte di pericolo alle intersezioni stradali caratterizzate da alta incidentalità. L’impianto all’incrocio Mameli/Redi/Fabbricotti è stato progettato dal settore tecnologico della Polizia Municipale, e sarà sempre il personale della P.M. a gestire interamente il sistema sanzionatorio. Non è prevista la gestione delle sanzioni da parte di terzi (ditte private che abbiano un ritorno economico in base al numero di violazioni accertate).

Riproduzione riservata ©

27 commenti

 
  1. # Francy

    Per come siamo diventati noi livornesi,ci vorrebbero le telecamere ad ogni semaforo. Tutti hanno fretta,nessuno rispetta più segnaletica e/o codice stradale,tutti corrono,nessuno si ferma sulle strisce anzi ti guardano mentre passano tutti soddisfatti . Nessuno si rende conto che non si fanno male solo gli altri ma vi fate male anche voi . Comunque eviterei anche di spengere i semafori alle 22 circa specialmente a certi incroci.

  2. # asciugati

    Tutti i semafori andrebbero dotati dello STARS perchè moltissimi non rispettano il rosso ma gli incidenti alll’incrocio di Viale Mameli erano numerosi solo prima di modificare il traffico nella zona e dunque è stato fatto a distanza di anni un intervento praticamente inutile !

  3. # Antonio

    Semaforo molto pericoloso, special modo d notte; ho assistito ad almeno 2 o 3 attraversamenti di auto e moto che sfrecciavano ad alta velocità con il rosso !!!

  4. # Fantascienza

    Nel frattempo continuano tranquillamente a parcheggiare nei posti riservati a residenti oppure a non pagare dove ci sono i nuovi stalli blu in via delle Grazie. Tanto un obiettivo lo ha raggiunto. Quello di spillare soldi ai residenti. Sarò sfortunato ma non ho mai visto un vigile da quando hanno messo i nuovi parchimetri. Complimenti. Quasi quasi vi rivoto si sì…

    1. # fulmine

      Ma come siete monotoni….!!!! Non sapete dire altro ….

  5. # Dottlivo

    Livorno sta diventando vergognosa!!multe multe multe solo per far cassa.nogarin e 5 stelle grandi innovatori.Andate a casa e’ meglio..una politica ditassazione così riesce a tutti.Dovreste ma pensa a fa sta bene i cittadini.
    Se Dio vole il tempo passa e vi levate

    1. # luca

      se con il rosso ti fermi, la multa non la prendi…
      Però potresti iniziare un percorso rivoluzionario, per contestare il semaforo spilla soldi, prendi una bicicletta, bendati l occhi, e passa con il rosso……………………..

    2. # fulmine

      Non sapete più a cosa attaccarvi !!!! Per il momento a casa ci state voi poi fra un paio d’anni vedremo

  6. # Alessio

    Ovunque ci sono semafori con il conto alla rovescia al verde, onde verdi ( se mantieni una velocita su piu semafori li trovi tutti verdi) e sistema di conteggio delle macchine in fila per regolare il semaforo. Noi invece strisce a pagamento, semafori che sparano multe quando NON È PIU VERDE e rotatorie a gogo. Bono. Si si serve sicuramente a istruire i cittadini non a far cassa!!! Vergogna.

    1. # luca

      in tantissime città( definite più civili) questi tipi di semafori ci sono da anni. Quando il verde non c’è più ti devi fermare( e se sei già nell incrocio ,liberarlo),non lo dice nogarin, ma il codice della strada.Il semaforo con il conto alla rovescia invoglia a partire prima del verde( tanto quell altri con il giallo si fermano(?)

  7. # camicaze

    la multa vale anche per chi è nella corsia destra e invece di girare in viale mameli fa il furbetto e va a dritto?

  8. # alex

    quel semaforo ormai è praticamente deserto, non ci passa quasi nessuno! soldi buttati via

    1. # giuseppe billi

      Esatto, ci passo spesso… anche perchè non potendo andare a dritto su viale Mameli le strade percorribili si sono ridotte.

  9. # Massi

    Concordo con “asciugati”, forse adesso è uno degli incroci meno pericolosi, di conseguenza con meno incidenti! Nn sarà mica che a breve ci faranno una Bella rotatoria?

  10. # natalina

    il modo per non far ” fare cassa al comune” ci sarebbe: senza lamentarsi per ogni cosa , rispettare le regole più elementari. Et voilà (l’ovo di colombo).

  11. # emme

    Il concetto é giusto. Reprimere i comportamenti lesivi verso terzi. Quindi, a Livorno non ci sono problemi per far soldi. Poi, il fatto che non sia gestito da terzi poco importa. Si ricorda che nel bilancio 2017 sono previsti un milione di euro in piu’ di proventi da sanzione.Quindi…

  12. # Valerio di Livorno

    Il PD ha ridotto questa città a pezzi. Il M5S sta mettendo solo rotondine, semafori, telecamere e multe…
    Se continua così, la prossima volta non voterò più neanche il M5S, che avevo votato solo a livello cittadino.
    La prossima volta non voterò più per nessuno! Basta politici, non vi sopporto più…

  13. # Nerd

    Ma chi ha constatato che a quell’incrocio accadono molti incidenti ha tenuto di conto che quel semaforo diventa lampeggiante verso le 23:00 e gli incidenti accadono bene o male proprio quando è lampeggiante?

  14. # Virgilio

    Fosse per me il comune incasserebbe pochissimo o niente e vorrei ridere cosa troverebbero..Negli ultimi 12 anni ho preso una multa di 54 euro perché avevo forato in piazza grande e trasportavo lo scooter a mano e ovviamente spento sul marciapiede grosso nuovo (dovevo andare dal meccanico in una viuzza vicino piazza della Repubblica)..una ausiliare mi fece la multa! Roba da pazzi!

    1. # gliv vilg

      Multa sacrosanta! Secondo l’art, 3 del Codice della Strada, rientra nel concetto di circolazione qualsiasi movimento del veicolo, senza fare alcuna distinzione tra motore spento o acceso, poiché l’istituzione delle aree pedonali è finalizzata alla totale esclusione della circolazione dei veicoli, anche a motore spento e condotti a propulsione manuale e ciò sia per motivi di sicurezza dei pedoni che di decoro architettonico e tutela ambientale delle aree del centro storico” (art. 198 del CdS)

  15. # Simo

    a me sembra una bella trovata per accumulare tanti incassi… se superi l’arancione ti multano… e uno cosa dovrebbe fare se gli capita larancione in prossimità del sorpasso della riga mentre va’ a 50? inchioda?

    1. # gliv vilg

      Oltre a leggerli, gli articoli andrebbero anche capiti

  16. # pazzia

    la multa con il giallo???????? quindi se passo con il verde e scatta il giallo (visto che non cè preavviso) cosa faccio inchiodo????

    1. # cds

      una rilettura al codice della strada quando non si conoscono le regole aiuterebbe a capire

  17. # ross

    In linea teorica è tutto bello e giusto,ma leggiamo attentamente l’articolo: (Si ricorda comunque che è vietato attraversare non solo con il rosso,ma anche quando si vede che il semaforo è passato da verde a giallo)
    Negli impianti semaforici urbani la durata di accensione della lampada gialla dovrà essere non inferiore, rispettivamente, a 6,13 sec. per le autovetture e 6,64 sec. per i motocicli, in considerazione della possibilità che a causa della pioggia la strada, ancorchè ad elevata aderenza – vale a dire con asfaltatura non usurata- si faccia sdrucciolevole.Ma questo limite non è corretto,infatti la Cassazione ha deciso: la multa al semaforo è legittima se il giallo dura 3 secondi, ribadendo quanto già affermato nello scorso settembre. Ma se la sentenza (n.27348/2014) si riferisce ad un aspetto tecnico – 3 secondi sono esattamente quanto serve per fermarsi a 50 orari – poi invece si ignora un fatto fondamentale: nelle nostre città il giallo è tarato a 6,13 sec.
    Tutto è quindi nella taratura del giallo,perchè sarà questa la situazione critica in cui saranno notificate la maggior parte delle multe.A chi commenta con euforia l’iniziativa auguro buona fortuna,a meno che non sia così ligio alle regole che si fermerà già al verde(mamma mia,potrebbe accendersi la luce gialla,e nel dubbio mi fermo)oppure a conti fatti attraversarlo a 180 Km/h affinchè allo scatto dei fotogrammi si è già a casa.

  18. # enrica

    L’ analisi della pericolosità dell’ incrocio è datata. Da circa 4 anni vige un divieto di accesso per le macchine provenienti da ovest con direzione obbligatoria a destra. Da est provengono le auto da direzione aurelia e da nord auto provenienti da via calzabigi. Il traffico è molto ordinato con rischio di lunga fila da aurelia al semaforo suddetto. In carreggiata destra viaggia solo l’ autobus. Dovevano metterlo davanti all’ ospedale o davanti all’ ex Fiat…lì è veramente sprecato..salvo non giocare a posta sulla multa dell’ arancione. Se fosse così….

  19. # ugo caponi

    tutto bene, ottimo e abbondante, ma perchè hanno chiuso al traffico diretto verso coteto quel tratto di via mameli ? ma che motivo c’era ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive