Cerca nel quotidiano:


Pd all’attacco: “Non ha un’idea di città”

L'analisi è stata approfondita sotto vari punti di vista: urbanistica, sociale, lavoro e pressione fiscale. Il giudizio che ne risulta è totalmente negativo.

sabato 17 dicembre 2016 15:51

Mediagallery

di Jessica Bueno

Il Gruppo Consiliare e la Segreteria Comunale PD del Comune di Livorno, a metà del mandato di Filippo Nogarin, hanno stilato un bilancio e dato valutazioni sull’operato del sindaco. L’analisi è stata approfondita sotto vari punti di vista: urbanistica, sociale, lavoro e pressione fiscale. Il giudizio che ne risulta è totalmente negativo.
“Non c’è da parte nostra una pregiudiziale di parte, ma un’osservazione di quello che sta succedendo – dice il segretario comunale PD Federico Bellandi – A questo punto del mandato si dovrebbe avere un’idea del progetto per la città e delle linee guida dell’azione amministrativa per il suo sviluppo futuro: ci domandiamo dove siano. Per quel che riguarda l’urbanistica tutti gli interventi sembrano essere realizzati sulla base di momentanee e puntuali questioni: dentro un’idea di città che non c’è e ad un piano sul traffico complessivo che manca, portare a termine operazioni come quelle sul lungomare rischia di condurre, perlopiù, a situazioni di scompenso più che a risultati positivi”.
“Dal punto di vista della tassazione abbiamo visto aumentare la Tari – continua Bellandi – Quando si dice che il Concordato di Aamps non pesa sui cittadini bisognerebbe avere la coerenza di dimostrare che invece ha un costo ingente. Più del 90% della Tia mal riscossa sarà ribaltata nella Tari che pagano i cittadini. In questi anni, inoltre, l’addizionale Irpef è stata portata al massimo e ha perso anche la sua modulazione. Avere un’aliquota unica vuol dire non rispettare la progressività della tassazione e colpire le fasce meno abbienti. L’amministrazione ha soltanto a parole attenzione per la parte debole della città: di fatto dimostra tutto il contrario. Il buco di bilancio, con decisione del 9 febbraio ammontava a circa 2 milioni e mezzo. La giunta ha quindi deciso di inserire la cosiddetta “tassa sul centro” pari a un milione e trecentomila euro per quest’anno. Per i prossimi anni andrà ad aumentare a un milione e 900mila euro di previsioni d’entrata: questo porterà già dal 2017 a un ulteriore squilibrio di bilancio e non abbiamo certezze su come queste risorse verranno spese. Questa tariffa, che noi definiamo tassa, va a colpire un territorio cittadino già disagiato: c’è difficoltà a trovare posto, alcuni quartieri affrontano situazioni di degrado, problemi di legalità. Si ottiene l’obiettivo di concentrare il traffico in questa zona, l’esatto contrario di quello che è stato promesso in campagna elettorale, ovvero la mobilità sostenibile e città ecologica”.
“Andando ad affrontare il tema del lavoro, il sindaco ha da sempre dichiarato di non occuparsene – continua Bellandi – Trova tutti i giorni modo e maniera di attaccare le istituzioni regionali, che sono le uniche che cercano di fare qualcosa di concreto per migliorare la situazione. Ci ricordiamo di quando è andato a parlare coi lavoratori Trw sostenendo di avere un asso nella manica, evidentemente ben nascosto, visto che dopo due anni e mezzo non è ancora venuto fuori; ci ricordiamo dei 5 milioni che dovevano servire per mettere a punto un polo tecnologico, un occupatore d’impresa che non è mai stato realizzato. Nel bilancio regionale sono previsti ma il sindaco non è in grado di utilizzarli. Ci sono grandissimi ritardi sui lavori di pubblica utilità e c’è anche un difetto sugli investimenti futuri. Sulla Darsena Europa il sindaco affermò di avere uno studio alternativo a quello dell’OSC che doveva essere presentato entro il 23 ottobre 2015. Dopo un anno lo studio è scomparso, ma non perde occasione di attaccare l’unica vera proposta per lo sviluppo del territorio livornese. Aamps è in concordato pre fallimentare e a tutt’oggi il suo futuro non è certo. Due lavoratori rischiano il licenziamento. Su Asa c’era una proposta industriale che prevedeva 15 milioni di aumento di capitale gratuito, 50 milioni di possibili investimenti sul territorio: anche su questa si è detto di no, portando incertezza sugli sviluppi di questa azienda. Sull’ippodromo, punto d’eccellenza di Livorno, siamo ridotti a lavoratori licenziati, terra di nessuno e vittima di ladri di rame”.
“Nel 2016, quando è stato approvato il bilancio, Nogarin aveva garantito che ci sarebbe stato per il 2017 un abbattimento delle tasse – sostiene Pietro Caruso, capogruppo PD in consiglio comunale – Ma per chi? La Tari andrà a diminuire solo nel 2021. Come fa un piano di concordato del genere a prevedere un porta a porta su tutta la città, l’assunzione di 56 persone e di un direttore generale di Aamps, oltre che la riduzione della tariffa? Si è parlato di 88 milioni di investimenti in tre anni. Da dove vengono presi? Le entrate non ricorrenti superano quelle correnti. Si vanno a fare lavori su alienazioni di immobili, lotta all’evasione per 11 milioni, soldi dallo Stato. Quanti soldi tirerà fuori il Comune per gli investimenti? Tutto sull’incerto. Si sta cercando di fare cassa anche coi vigili urbani: fare 800mila euro di multe entro la fine dell’anno. I vigili perdono la loro funzione di controllo del territorio. Il primo rapporto che la gente ha con le istituzioni è proprio il vigile”.
“Come si fa a essere d’accordo con un’amministrazione che ha permesso sfondamenti e occupazioni? – afferma Cristina Bini, segretaria comunale PD – Abbiamo cercato mille volte di proporre posti dove potevano essere accolte le persone veramente bisognose, come le circoscrizioni. Non c’è neanche la volontà di risolvere il problema. Le proposte non vengono accettate”. “E’ veramente difficile trovare qualcosa di positivo realizzato in questi anni – conclude Caruso – Sicuramente questo mandato ha contribuito ad unire le opposizioni, provenienti anche da diversi colori politici”.

Riproduzione riservata ©

37 commenti

 
  1. # Marco

    Qual è la vostra idea di città lo abbiamo visto, fabbriche chiuse e amministrazioni passate sorde ai problemi della città, avete fatto di tutto per porre paletti e non incentivare l’apertura di nuove fabbriche a Livorno, quindi avete fatto fuggire i pochi investitori nella vicina città di Pisa, ovviamente disoccupazione giovanile alle stelle, città al degrado” potrei aggiungere altro, ma penso che possa bastare così. State buoni….se potete e grazie di tutto!

  2. # Fede

    Stai bono vai…su trw bisognerebbe partire da chi diceva di avere le chiavi in mano, male prima e nogarin dopo ha parlato troppo era meglio se stava zitto, ma cosa vuoi i cinque stelle sono stati chiari, puntano sul turismo che poi devo capire come farà a sistemare oltre trenta mila disoccupati. Boooooo?!!

  3. # enzo

    Con 70 anni di gestione della cittàil PD non è qualificato per queste critiche. Qualunque altro partito ma non loro. P:S: non mi piacciono i5stelle,ma c’e un limite a tutto

  4. # divo55

    Effettivamente non hanno idee di come disegnare la gestione della città, il deterioramento culturale e sociale e’ esponenziale, solo un’opposizione dura ed inquisitoria – i presupposti ci sono tutti – potremmo riprenderci la città, Bacci dovrebbe ricompattare il partito, superare le correnti attraverso proposte concrete, per dare sostenibilità ad una nuova guida politica di Livorno contro il populismo ed il partito dell’antipolitica.

    1. # Fox65

      Divo te sei un nostalgico, il deterioramento sociale e culturale viene proprio x colpa di quelli come te e me fino a 15 anni fa che votavano a sinistra,tu hai sulla coscenza il deterioramento venticinque anni più di me visto che sei del 55…

      1. # Divo55

        Purtroppo ci sembrava una sinistra più credibile, non nostalgica nell’anima comunista, con una dialettica interna coerente e democratica. L’avvento delle correnti interne con passato laico o cattolico ma certamente più centrista ha creato una aggregazione di soggetti privi di competenze specifiche con riflessi negativi nella gestione della cosa pubblica che ha convissuto con la piu’ grave crisi economica e congiunturale sfavorevole. La presunzione nei rinnovati consensi elettorali senza pensare che anche tra i propri iscritti e simpatizzati PD, ha portato all’ascesa dei grillini anche nella nostra città attraverso un’accozzaglia, priva di esperienza politico amministrativa attraverso l’elezione del Sindaco pentastellato. Da qui il ripetuto immobilismo con autocelebrazioni su iniziative ridicole senza la cura di urgenze in ambito sociale, infrastrutture ed abitativo, nei servizi oltre al mancato rispetto di un controllo migratorio nel perimetro cittadino. Sono capaci solo di fare cassa con pesanti repressioni in ambito di infrazioni al codice della strada ed imposte locali alle massime aliquote. Ecco la necessità di ricompattare al centro il Partito Democratico anche con una dialettica attenta alle minoranze per affrontare le prossime elezioni con la serenità di rirendere la guida della città prima che venga definitivamente distrutta. Gli slogan devono tradursi in atteggiamenti coerenti nell’interesse dei cittadini e ciò che sta accadendo a Roma conferma. ahimè l’ncapacità del M5S nella gestione della cosa pubblica alla quale Livorno non ne e’ estranea

  5. # Cittadina

    Alla signora Bini faccio notare che non c’erano luoghi per l’accoglienza neanche quando regnava a Livorno il PD .
    Non esiste la bacchetta magica per sistemare i disastri di anni di mal gestione, forse di positivo ora sarà stato fatto poco, ma con che coraggio parla chi ha portato Livorno alla rovina.

  6. # Pierino

    Come siete bravi…e infatti voi ce l’avevate l’idea della citta,’ non ve lo ricordate piu’ come l’avevate lasciata?…..

  7. # israel hands

    hanno ragione il sindaco Nogarin non ha un’idea di città; in compenso l’idea di città ce l’hanno loro: peccato che sia la prima dopo 70 anni

  8. # Benny

    Io non sono dei 5 stelle. Ma il PD a parlare ha la faccia tosta, hanno fatto più danni della grandine e parlano. Mah….

  9. # Sachem

    Di sicuro non potrà fare peggio di quello che avete fatto voi del PD in 50 anni

  10. # Mario Ghiozzi

    Da che pulpito viene la predica! Al ballottaggio sono rimasto a casa. Ma prima del Nostro riguardo al traffico Livorno era la città dei semafori stile anni ’70, la zona del porto aveva una viabilità da III° mondo i quartieri erano blindati: non si usciva e non si entrava. Totò avrebbe detto “Bellandi ma mi faccia il piacere (onorevole Trombetta)! Tasse: Renzi ci ha fatto neri ed ha impoverito i Comuni! paghiamo decenni di clientelismi ed inefficienza.

  11. # lev

    Mah… se hanno vinto loro ci sara’ un motivo…o no?

  12. # Ivo

    Tutto è criticabile e tutto è migliorabile, ma sentire sermoni da un partito che ha avuto a disposizione tutto il tempo per valorizzare questa città quando invece l’ha svilita in tutto e per tutto è orripilante. Per il resto vedremo ma il PD a livorno di bonus non ne ha più a disposizione ha già fatto troppi danni, purtroppo.

  13. # Sachem

    Di sicuro non potrà fare peggio di quello che avete fatto voi del PD in 50 anni

  14. # nientescuse

    Forse mi sbaglio ma mi sembrava che proprio la precedente Giunta Pd avesse deciso di vendersi gli immobili delle circoscrizioni e in quanto a piani del traffico l’Assessore ha partecipato in prima persona e non mi sembra neppure che prima si fossero aiutati delle famiglie in difficoltà con 500 euro per 6 mesi come ha fatto il M5S ! Va bene che quello non era il Pd di Renzi ma un po’ di memoria storica non fa mai male !

  15. # aspetta lo rivoto

    Boia come non ha fatto niente, rotatorie piste ciclabili ora fanno anche la funivia. non è mica da tutti.

  16. # sara calsa

    Per caruso e co: se ha vinto il m5s é perche nel pd non c’era nulla!!!

  17. # Brando

    Ma i 42 milioni di debito Aamps ve li siete scordati?!

    1. # ETO55

      Mettici anche i 20 milioni ( 40 miliardi di lire ) dl parcheggio dell’ Odeon …….

  18. # Sono populista no pdiota

    Boia de straccio parla male di cencio

  19. # mario

    Ma cosa ne sapete voi della città e delle sue esigenze, ma ci vuole un bel volto! Avete distrutto tutto a Livorno, non c’è una fabbrica aperta, siete persino riusciti a perdere il comune per le vostre assurde lotte intestine di potere, ci sarebbe mancato solo grattugino sindao e poi si era a posto! Col cantiere poi avete raggiunto il livello più basso, svenduto! Cari piddini, quando era presente il glorioso P C I a Livorno si lavorava, non vi era disoccupazione, poi sono arrivate le vostre scissioni, avete distrutto la sinistra e con essa la città. Io da vecchio compagno mi auguro che no tornate più al governo di questa città e tanto meno a quello del paese!

  20. # lami ivo

    se avere un’idea di città significa: le palme del viale Italia, il cioccolatino bianco dello scoglio della regina, dogana d’acqua di vetro sporco, le colate di cemento in piazza del luogo pio, la sistematica cacciata di qualsivoglia investitore anche straniero non tesserato pci, pd ulivo ds ecc ecc. l’ospedale nuovo in project financing (magica allocuzione che tuttavia in molti in varie parti della toscana non pensano sia affatto magica), conferimento di aamps in ato (vedasi in proposito ato toscana sud) ripianamento di tutte le possibili buche di aamps (tanto chi se ne frega l’importante è tenersi il serbatoio di voti) ne facciamo davvero volentierei a meno grazie

  21. # Max

    Boia deh, che ghigna c’ hanno quelli del PD!!!

  22. # 5stelleunavoltaebasta

    Dovreste avere almeno il buon gusto di tacere…….grazie ai vostri uomini di partito Livorno è stata consegnata a degli arroganti incapaci, non avete nemmeno il coraggio di fare una vera opposizione, solo proclami ………..vi siete mostrati inorriditi quando questa giunta di dilettanti ha aumentato le imposte, avete messo il broncio quando è stata imposta la ztl a pagamento un furto degno di un regime, non avete nemmeno il coraggio di manifestare.
    Il movimento 5 stelle perderà le prossime elezioni……….ma di certo non le vincerete voi…….magari vedremo governare una qualche lista civica di persone capaci per una volta Livorno meriterebbe di vincere.

  23. # mai piu pd

    PD partito democratico ,gli dovreste cambiare nome .democratico vuol dire rispetto delle sentenze no fare decreti (vedi arretrati ai pensionati<)e dare benessere ai cittadini no alle banche .molti anni fa era il partito del popolo ora è delle banche

  24. # sergio M

    (Dom. 18) Leggo ii piano di rilancio del Sindaco NOGARIN, neppure un rigo sull’Ippodromo CAPRILLI la più grande e splendida struttura storica e sportiva di Livorno che veramente attrae turisti in città CHIUSA dal Sindaco.
    E d’altronde i palazzinari M5S romani al gabbio ci fanno capire quale sarà il destino del Caprilli…

  25. # guardachefaccia

    A volte e’meglio tacere e sembrare stupidi piuttosto che parlare e levare ogni dubbio.(Oscar Wilde).
    Questa dovrebbe essere la politica del pd per i prossimi anni .

  26. # Nostalgico

    Avete voglia di di e brontolò, ma Nogarin fa rimpiangere Lamberti e ho detto tutto (PS c’avete stufato con la storia delle palme: il viale Italia è un bel viale anche con le palme!). E deve essere stata colpa di Cosimi se le industrie livornesi hanno chiuso. I livornesi un po’ di autocritica mai: tutti con l’aperitivo in mano a votare 5S con la macchina in doppia fila e lo smarthphone da 700 euro preso a rate per pubblicare post avvelenati e bufale. Che tristezza.

  27. # Ivoy D.

    E… Chi cambia il vecchio per il nuovo sa cosa perde ma non sa cosa trova… Esattamente cosa è successo a Livorno… È stato votato il cambiamento che si è dimostrato incapace di gestire anche una semplice discussione con il più normale cittadino ma è sempre colpa della precedente amministrazione se si continua a gestire male la faccenda. Posso capire che in passato il Pd non ha fatto delle brillanti scelte, ma nel presente non vedo un’altrettanta voglia di sistemare ciò che è stato sbagliato. Personalmente non vedo e non credo a nessun miracolo Grillino. Sto seguendo tutte le papere e gli errori del movimento che sono degne di un qualsiasi movimento politico. Quindi mi chiedo dove sta la novità del cambiamento? Dov’è l’onesta’ di cui tanto si vantava Grillo?? Abito a Livorno da più di 10 anni, non ci sono nata ma ci vivo. Non ho votato i 5 stelle e speravo di ricredermi sul loro conto… Per ora mi sembrano più ridicoli e inadempienti di prima. Per il resto la signora Bini come tutti i nuovi esponenti Pd presenti in giunta a Livorno, mi sembrano molto più capaci e risolutivi dei precedenti eletti Pd delle precedenti ammistrazioni comunali.

  28. # ILENIA

    Poi si dice che i 5 stelle dicano sempre No: è evidente il contrario che é il Pd bolla in toto ogni iniziativa del 5 stelle livornese, che faccia tosta!il PD ha lasciato una città sul lastrico!a partire dal mega buco AAMPS ,alle strade fatiscenti che da vent’ anni non venivano sistemate perché c’era da finanziare la perdita AAMPS ogni anno. Per non parlare della incuria in cui hanno lasciato gli edifici scolastici e per finire il vecchio partito si è venuto le attività che ritavano intorno al porto !!!

  29. # utilità.sociale.

    Visto che non li voto più….dopo anni di quello che hanno fatto…..come fanno a parlare ? con quale titolo ?

  30. # franco

    sono pienamente d’accordo ,
    non ha fatto nulla

  31. # Baccio

    Sicuramente l’ avete voi pdini l’ idea di città, certo una città degradata e umiliata così come l’ avete trasformata nei 70 anni in cui siete stati al potere siete riusciti a rovinare qualsiasi cosa avesse questa città della città industrializzata e artigianale non resta assolutamente niente di quella turistica che era agli inizi del ‘900 neppure e niente è stato fatto per un turismo moderno idem per la città culturale che è stata. La vostra idea di città non è neppure il caso di prenderla in considerazione, visto che si tratta solo di favorire le famiglie e i poteri che l’ hanno gestita e rovinata per tutti questi anni, spero solo che il vostro pseudo partito si disintegri e scompaia per sempre.

  32. # danny

    noto che la batosta elettorale ricevuta 2 anni fa non ha insegnato niente..
    Cosi, per curiosità, che idea avete voi di città? Non è gradita la classica risposta con tanti se e tanti punti interrogativi.
    esempio: faccio questo ed per farlo utilizzo questo, tutto il resto sono discorsi per cambiare aria alla bocca e per cercare di raccattare 2 voti

  33. # ugo

    a voi le idee vi vengono tutte ora…ma guada un pò

  34. # Tittera

    Se la vostra idea della città è quella che avete avuto per 70 anni, ci vuole un bel coraggio a criticare chi nel bene e nel male e talvolta anche buttandola di fuori cerca di riparare i vostri disastri nonostante i tagli fatti a tutti i comuni da parte dei governi Monti, Letta, Renzi e chissà forse anche Gentiloni. Bye bye….

Rispondi a mai piu pd Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive