Cerca nel quotidiano:


Camera di Commercio: “Nel 2018 oltre due milioni di euro per le imprese”

Il presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, Riccardo Breda: "Sedici mesi dopo l’attuazione della riforma quest’anno torniamo a investire"

venerdì 12 gennaio 2018 09:20

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Con il nuovo anno la Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno presenta le azioni in programma per il 2018. Il primo dato da prendere in considerazione riguarda il bilancio preventivo per i prossimi dodici mesi: ancora in negativo (-749mila euro) ma decisamente più positivo di 365 giorni fa quando il bilancio aveva un disavanzo di oltre 1,3 milioni di euro. Ciononostante la Camera di commercio per il 2018 stanzierà per le imprese 2,5 milioni di euro. In particolare, oltre un milione di euro sarà destinato a interventi per la digitalizzazione delle imprese, per la formazione, l’alternanza scuola lavoro e infine per la promozione del turismo e valorizzazione del patrimonio culturale. Un’altra parte delle risorse invece verrà destinata alla realizzazione di programmi finanziati dalla Comunità europea. A questi fondi vanno aggiunti stanziamenti destinati a tutta una serie di servizi resi alle imprese e ai consumatori.
L’ente camerale ha inoltre un piano degli investimenti per il 2018 pari a 750 mila euro. “Sedici mesi dopo l’attuazione della riforma quest’anno torniamo a investire. Il nostro intento però è anche quello di arrivare ad avere un bilancio in equilibrio – ha detto Riccardo Breda, presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno (nella foto Lanari a destra) – ci vorrà tempo ma sarà nostra volontà arrivarci. Se tutte le realtà iscritte al registro delle imprese facessero uno sforzo per pagare la loro quota di diritto camerale avremmo già il bilancio in parità”. A oggi la percentuale di chi paga la somma annuale alla Camera di Commercio si attesta a una cifra di poco superiore il 70%.
Per i primi mesi di questo 2018 inoltre la Camera di Commercio istituirà un bando che prevede di restituire una parte di somme provenienti dal diritto camerale – si parla di 50mila euro – alle imprese livornesi colpite dall’alluvione a settembre. “Sappiamo che non sarà un’azione che potrà risolvere tutti i problemi causati dal nubifragio – ha spiegato Breda – tuttavia in questo modo vogliamo andare incontro a quegli imprenditori che hanno sempre versato la quota annuale dovuta”.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive