Cerca nel quotidiano:


Toh! Il cacciucco ottiene il brevetto “5 C”

La ProLoco Livorno ha provveduto pertanto a depositare presso la Camera di Commercio il marchio collettivo identificativo della Certificazione 5 C

martedì 10 novembre 2015 08:37

Mediagallery

Il Cacciucco Livornese, il piatto simbolo della cucina labronica, avrà la sua certificazione per essere il vero “Cacciucco Livornese Tipico Tradizionale 5 C”: 5 C in quanto 5 sono le c che lo contraddistinguono (spesso fuori città viene indicato come “Caciucco”) e poi perché il processo di preparazione della ricetta prevede che sia Caratteristico-Classico, Cucinato con Cura e Competenza.
La certificazione del piatto, necessaria per tutelare e valorizzare l’identità della ricetta, differenziandola dai falsi e dalle pseudo imitazioni, sarà al centro del convegno “Cacciucco Livornese tipico-tradizionale 5C “, promosso dalla ProLoco Livorno in collaborazione con il Comune e la Camera di Commercio di Livorno, in programma per mercoledì 11 novembre (ore 9.30) nella sala Capraia della Camera di Commercio di Livorno. “Ho subito abbracciato con entusiasmo questa iniziativa lanciata dalla Pro Loco – ha detto l’assessore al turismo e marketing territoriale Nicola Perullo in conferenza stampa di presentazione del convegno – si tratta infatti di un’operazione culturale e turistica che permette di promuovere la città; perché una città si promuove anche attraverso la sua cultura del cibo e della gastronomia”. “ Il cacciucco, piatto simbolo della cucina labronica- ha aggiunto – è infatti un brand vero e proprio, un nome che può veramente essere una chiave per valorizzare culturalmente il nostro territorio”. Ha quindi sottolineato come il protocollo di certificazione elaborato “frutto di un lavoro certosino e accurato condotto da numerosi soggetti” rappresenti il primo passo di un progetto complessivo di rilancio della tradizione gastronomica livornese che vedrà nel prossimo anno l’organizzazione del primo Festival del Cacciucco.
Certificare la tipicità e l’originalità di una ricetta è sempre un’operazione alquanto complessa e difficile in quanto in qualsiasi territorio o paese si riscontra un’infinità di depositari autoreferenziali della vera e autentica ricetta tradizionale. Lo è ancora di più a Livorno dove la ricetta del Cacciucco può definirsi davvero “anarchica”: ognuno possedeva, o possiede, una propria ricetta personale che varia liberamente in base alle tipologie e alla quantità e qualità del pesce utilizzato. Da qui la necessità di tutelare il piatto da derive troppo creative e fantasiose e stabilire una ricetta che, pur non indicando parametri rigidi, definisca gli intervalli di variabilità dei singoli ingredienti e la loro origine che deve essere tassativamente del territorio.
L’obiettivo è tutelare e valorizzare l’identità della ricetta; informare, orientare e tutelare i consumatori, e diffondere, sia in Italia che all’estero, la ricetta livornese tipico-tradizionale del Cacciucco mediante la creazione e il lancio del marchio di certificazione, contribuendo, in un processo di marketing territoriale, a valorizzare e rinforzare l’attrattiva turistica della gastronomia tipica livornese.
La ProLoco Livorno ha provveduto pertanto a depositare presso la Camera di Commercio il marchio collettivo identificativo della Certificazione 5 C che sarà presentato al convegno in calendario per mercoledì 11 novembre.
La certificazione 5 C, oltre allo schema per la ricetta, comprende in modo integrato anche gli schemi per: l’accreditamento delle imprese di ristorazione, l’abilitazione dei cuochi responsabili della preparazione del cacciucco, l’autorizzazione dei fornitori degli ingredienti di base. I requisiti di accreditamento sono rigorosi (specialmente a riguardo dell’origine degli ingredienti) ma essenziali, senza inutili appesantimenti burocratici.
Potranno far domanda di accreditamento e conseguente uso del marchio collettivo Cacciucco Certificato 5 C i ristoratori del Comune di Livorno e dei Comuni di Collesalvetti e Rosignano.

Il programma del convegno – inizio ore 9.30

-Apertura dei lavori e presentazione del comitato di Certificazione del Cacciucco livornese 5C

Mario Lupi – presidente ProLoco Livorno

Saluti del prof. Nicola Perullo, assessore al turismo e marketing territoriale del Comune di Livorno

Saluti di Sergio Costalli, presidente della Camera di Commercio di Livorno
I processi di certificazione del Cacciucco livornese 5C; accreditamento dei ristoranti; abilitazione dei cuochi, autorizzazione dei fornitori
Giuseppe Chionetti –ProLoco Livorno
La tracciabilità di cosa si mangia non si fermi alla porta del ristorante.
Pietro Giordano – presidente nazionale Associazione Difesa Consumatori – (ADICONSUM)
Gli ingredienti base del Cacciucco livornese tipico-tradizionale Certificato 5 C :il pescato della nostra costa
Andrea Bartoli – Federcoopesca Livorno – Confcooperative;

Le peculiarità del pane toscano

Roberto Pardini – Responsabile consorzio pane toscano

L’olio d’oliva extravergine toscano; il vino nel e con il Cacciucco certificato 5 C

Fabio Baroncini – Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori – Livorno;

Caratteristiche e pregi del pomodoro toscano

Mediterranea Belfiore

I segreti del gourmet per l’eccellenza del Cacciucco Certificato 5 C
Paolo Ciolli – Gastronomo e scrittore
Il valore nutraceutico del Cacciucco certificato 5 C
Luca Chericoni – Biologo nutrizionista, membro ACSIAN
Le attività di vigilanza e controllo delle Capitanerie
Capitaneria di Porto

La biscotteria granducale di Livorno
Michele Montanelli – storico di Livorno e scrittore.
Livorno com’era al tempo delle Cacciuccate in piazza
Giorgio Mandalis – esperto d’arte e di storia locale, scrittore, presidente dell’associazione “Livorno com’era”
Il Cacciucco Livornese tipico-tradizionale Certificato 5 C , all’EXPO di Milano
Michelangelo Rongo

Nomina degli Ambasciatori del Cacciucco

Chiusura dei lavori(ore 12.30) : Mario Lupi – presidente ProLoco Livorno
Degustazione Vino, Olio e Pomodoro

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # miche

    si comincia bene! Nel vero cacciucco cozze e cicale non ci sono!!!Per essere pignoli, nel vero cacciucco alla livornese, non ci dovrebbero essere nemmeno polpi seppie totani e calamari!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive