Cerca nel quotidiano:


Foscarini: “Una delle migliori partite della stagione”

sabato 31 dicembre 2016 00:19

Mediagallery

di Simone Panizzi e Riccardo Campopiano

Foscarini, una partita tirata e incerta fino al triplice fischio.
“Il risultato premia la prestazione dei miei ragazzi, ma se alla fine fosse uscito un pareggio contro la prima della classe non avrei potuto rimproverare niente a nessuno. Non c’è stato paragone rispetto alla gara di andata, adesso ho una squadra con una propria identità. Mi sono divertito oggi in panchina, e se mi diverto io si divertono i ragazzi in campo e successivamente i tifosi allo stadio. Sono felice sia per i tre punti che per aver rivisto entusiasmo tra la gente”.

L’ennesima volta in cui assistiamo a una rimonta.
“Si, ormai sta diventando un’abitudine. Segno che la squadra ha carattere, personalità, fiducia nei propri mezzi. Volevamo fare la partita in modo da gestire il gioco e tenere l’Alessandria nella propria metà campo, perché davanti sono molto bravi. Abbiamo preso gol quando avevamo il pallino in mano, ma i ragazzi hanno reagito dimostrando la costante crescita”.

La miglior partita della stagione?
“Per alcuni aspetti sì, giocavamo comunque contro la prima e ancora imbattuta. Abbiamo mantenuto il nostro equilibrio e le distanze tra i reparti, segno che la squadra è ormai matura”.

Il campionato è definitivamente riaperto?
“Per come la vedo io, per il primo posto è molto difficile ma non impossibile. Dobbiamo fare un miracolo noi dietro e sperare che l’Alessandria inciampi ancora lungo la strada. Adesso viene questa sosta, quasi mi dispiace fermarmi proprio ora che siamo al top. Cercheremo di rifiatare per ripartire al meglio”.

Duecento presenze in amaranto per Lambrughi: “Sono doppiamente felice. Questa vittoria era di fondamentale importanza e ora si deve continuare così. Stiamo lavorando benissimo in settimana e questi sono i risultati. La nostra svolta è stata soprattutto a livello mentale. Ci siamo guardati negli occhi tutti e abbiamo capito che si doveva dare tutti di più”.

Leader indiscusso della difesa, Borghese si gode la vittoria: “Abbiamo dimostrato che siamo dei grandi uomini oltre a ottimi calciatori, forse anche un gradino sopra l’Alessandria. La squadra c’è, è viva e i risultati sono dalla nostra parte. Adesso però non bisogna guardare la classifica ma pensare una partita alla volta, quindi testa alla Carrarese”.

Cellini è stato l’assoluto mattatore del match: “Arrivare in doppia cifra era un mio obiettivo e sono felice di averlo già raggiunto. Mi dispiace solo non essere riuscito a segnare la terza rete. Oggi era importante vincere e dare dimostrazione a tutti della nostra forza anche contro i primi della classe. La classifica? Bisogna guardare solo chi sta avanti a noi, quindi per ora testa alla Cremonese”.

Si presenta in sala stampa con la faccia corrucciata e poca voglia di parlare il tecnico ospite Piero Braglia: “Sono contento della prestazione dell’Alessandria. Abbiamo forse buttato via un po’ troppo la palla nel primo tempo, e preso due gol evitabili su due nostri errori. In chiave offensiva non siamo andati male, è mancato solo il gol. Ci sta dopo 22 partite di perderne una, il campionato non è mai stato chiuso. Livorno, Cremonese e Arezzo si giocheranno la vittoria insieme a noi”.

 

 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive