Cerca nel quotidiano:


Al Goldoni “Io ci sarò” di Giacobazzi

Una serata all’insegna del cabaret intelligente con il nuovo show di Giuseppe Giacobazzi, Io ci sarò, atteso sabato 21 aprile, alle 21 al Teatro Goldoni

sabato 21 aprile 2018 07:05

Mediagallery

Una serata all’insegna del cabaret intelligente con il nuovo show di Giuseppe GiacobazziIo ci sarò, atteso sabato 21 aprile, alle 21 al Teatro Goldoni, evento fuori abbonamento proposto con Leg e Menicagli Pianoforti.
Il bravissimo comico romagnolo (al secolo Andrea Sasdelli), torna sul palcoscenico livornese forte del grande successo che sta riscuotendo ovunque con uno spettacolo di cui è anche autore insieme a Carlo Negri, per ridere (molto) e riflettere.
“Io ci sarò”  è una sorta di coinvolgente videomessaggio rivolto a un’ipotetica nipotina. Annota lo stesso Giacobazzi: “Oggi mi rendo conto di essere un genitore di 53 anni con una figlia di 3 e quindi mi sono ritrovato a pensare se riuscirò a vedere i miei nipoti e, nel caso li riesca a vedere, a rapportarmi come fa un nonno e quindi a viziarli, a giocare con loro, a parlarci e raccontargli delle storie, cercando di dare consigli che non verranno sicuramente ascoltati, a spiegargli anche questo buffo movimento di sentimenti che è la vita. La vita, la mia vita, per come l’ho vissuta , per dove l’ho vissuta, per gli anni che l’ho vissuta , per chi l’ha vissuta con me. Insomma poter riuscire a comunicare a due generazioni interposte, che poi, di solito, dovrebbe essere il mestiere dei nonni con i nipoti. Per immaginarmi di poter parlare ai miei nipoti, penso sia fondamentale adeguarmi ai tempi, o perlomeno provare ad usare, se non il loro linguaggio perlomeno le loro tecnologie, cosciente che domani comunque saranno vecchie. Quindi, ho pensato di lasciare un videomessaggio che possa spiegare ed eventualmente interagire con i miei possibili futuri nipoti. E per farlo, l’unico modo che conosco, è farlo davanti ad un pubblico”.
In una scena minimale (una panchina, una ferrovia), fra battute esilaranti sparate a raffica, e dietro cui però traspaiono spunti di riflessione, Giuseppe Giacobazzi passa dai ricordi della sua infanzia agli eroi dei fumetti fino al mondo ultra tecnologico e social di oggi, senza tralasciare il repertorio musicale che segna i ricordi più significativi di ogni persona.

Giuseppe Giacobazzi ha un background di tutto rispetto (tra i personaggi di punta di Zelig fin dal lontano 2006, ha alternato televisione, cinema e teatro sempre con successo; ha al suo attivo diversi libri, ultimo dei quali il romanzo Un po’ di me, scritto a quattro mani con Carlo Negri, e uscito nel 2016 per i tipi della Sperling & Kupfer) e con Io ci sarò si conferma ancora una volta come uno dei migliori monologhisti comici della nostra scena.

Info: 0586-204.290 e sul sito www.goldoniteatro.it

 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive