Cerca nel quotidiano:


“The Breath dance”, workshop sulla vocalità

Il 27, 28, 29 aprile avrà luogo il nuovo appuntamento di "DiVoceInVoce": il workshop sulla vocalità condotto da JuliannaBloodgood

sabato 28 aprile 2018 08:05

Mediagallery

Il 27, 28, 29 aprile, organizzato dall’Associazione Compagnia del Cerchio in collaborazione con la Fondazione Teatro Goldoni di Livorno, avrà luogo il nuovo appuntamento di “DiVoceInVoce”, un percorso formato da vari appuntamenti, seminari e workshop, nato lo scorso anno con l’obbiettivo di proporre un nuovo approccio alla voce aperto a tutti.
“The Breath Dance”, la danza del respiro, è il workshop sulla vocalità condotto da JuliannaBloodgood.
Tutti gli impulsi iniziano dal respiro. Parlare, cantare, recitare, muoversi. Ognuna di queste azioni nasce dal segnale che il nostro cervello manda al nostro diaframma per respirare e poi agire. Dedicato sia a chi si avvicina per la prima volta alla ricerca della propria voce, sia a chi già ha iniziato ad intraprendere questo cammino, “The Breath Dance” è un viaggio introspettivo dentro sestessi, dentro al proprio corpo per capire e sperimentare il respiro come scintilla iniziale di ogni impulso e suono.
Attraverso l‘esplorazione dinamica della nostra struttura ossea, si cercherà di definire la connessione tra respiro e corpo fino ad arrivare all’origine della Voce.Si scoprirà come il respiro possa sciogliere il movimento e di come il movimento, a sua volta, liberi il suono, per creare una comprensione viscerale della voce e ravvivare nuove possibilità dell’espressione vocale.
In questo workshop si acquisirà una comprensione tattile dei tre diaframmi del torso e di come questi centri del respiro si riferiscono alle emozioni. Si esplorerà il suono, improvvisazione vocale, testo e canzone. Nella mia ricerca – dichiara JuliannaBloodgood – cerco di creare una voce e un corpo che siano aperti e liberi, espressivi; capaci di comunicare la verità emotiva, grazie ad un profondo ascolto degli impulsi che sorgono all’interno del proprio corpo stesso”. Si chiede a tutti i partecipanti di preparare un breve testo classico e un piccolo estratto di una canzone tradizionale che abbia un significato personale. Verranno insegnati anche un canto e una canzone con si lavorerà in un’impostazione di gruppo.
Orari: venerdì 27 aprile ore 21-23; sabato 28 aprile ore 14-19; domenica 29 aprile ore 14 19

Juliana Bloodgood ha iniziato il suo lavoro con la pluripremiata compagnia teatrale polacca TeatrPieśńKozła (Song of the Goat Theatre) nel 2009. Song of the Goat Theatre è un ensemble internazionale e teatro di ricerca che mira ad integrare la voce, la canzone, movimento e testo creando performance intrinsecamente musicali e si collegano al pubblico a livello sensoriale. Con questa compagnia ha sviluppato e portato in scena: Songs of Lear; Ritratti del giardino dei ciliegi; Ritorno alla voce; Dead Walk Love; CrazyGod, Island and Hamlet. Con la compagnia Julianna si è esibita in tutta Europa, Asia, Sud America e Nord America. Julianna è anche un’artista residente con Theatre MITU, comppagnia  fondata sul principio di teatro totale “Whole Theatre”, che indaga sulle prestazioni globali come fonte metodologica. Un aspetto importante della vita professionale di Julianna sono i progetti basati sulla comunità, utilizzando l’arte come veicolo per la guarigione e il cambiamento. Julianna è la co-fondatrice di The Dadaab Theatre Project, un progetto teatrale basato sulla gioventù a Dadaab, in Kenya, un tempo il più grande campo profughi del mondo ed è membro fondatore e co-direttore artistico di The Great Globe Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro che utilizza il potere della creatività di ispirare e potenziare la voce individuale e di contribuire a costruire ponti tra persone e comunità.Julianna ha conseguito un MA presso la Manchester Metropolitan University in collaborazione con Song of the Goat Theatre of Poland; un BFA in Dramatic Performance dal Conservatorio di Musica del College, Dipartimento di Recitazione, Università di Cincinnati; ed è un laureato del Conservatorio dello spettacolo in California. Il lavoro di Julianna include ricerche antropologiche e ha viaggiato molto alla ricerca di diverse prospettive culturali lavorando sulla consapevolezza del corpo e della voce.

Per info: 392-56.71.340

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive