Cerca nel quotidiano:


Pronti all’apertura tre bagni pubblici

Uno in prossimità dell'Acquario, uno sul viale Italia tra Baracchina Rossa e Vela, uno in via del Porticciolo in centro. Costo? 50 cent. Meccanismo automatico e attrezzati per diversamente abili

martedì 06 Agosto 2019 10:59

Mediagallery

Bagni pubblici: ne sono stati installati 3. Uno in prossimità dell’Acquario, uno sul viale Italia tra Baracchina Rossa e la Vela (in foto), uno in via del Porticciolo, in centro. Entreranno in funzione a fine agosto, non appena definito il contratto di gestione e manutenzione. Costeranno 50 centesimi, meccanismo automatico, si pulisce e igienizza da solo.

Il Comune, amministrato da Nogarin, si è fatto carico della questione anche a seguito di uno specifico atto d’indirizzo approvato dal Consiglio Comunale. Il progetto ha un costo di 200mila euro e per evitare la creazione di nuove volumetrie si è scelto di destinare porzioni di immobili di proprietà comunale. Le due strutture in muratura poste sul viale Italia erano entrambe, in passato, adibite a servizi igienici. A parziale ristoro dei costi di manutenzione, al gestore spetterà l’incasso della gettoniera. I bagni saranno dotati di vaso in ceramica sospeso, lavello in acciaio inox anti-vandalo, erogatori automatici di sapone, aria calda per l’asciugatura delle mani, illuminazione interna automatica con plafoniera a parete, specchio infrangibile in acciaio inox, appendiabiti, pulsante di emergenza in prossimità del vaso che apre la porta anche in assenza di energia elettrica e attiva segnalazioni ottiche e acustiche di emergenza, dispositivo per il lavaggio, l’igienizzazione del vaso e l’asciugatura automatica della superficie di seduta, maniglioni per utenti diversamente abili.

Riproduzione riservata ©

34 commenti

 
  1. # Laura

    Finalmente! L’accoglienza turistica inizia da qui! E i livornesi apprezzeranno!

    1. # luca

      50 centesimi per fare pipi’ , un euro e mezzo se parcheggi in zone di primario interesse turistico come Borgo Cappuccini .
      Contenti abbestia , i turisti .

      1. # Mai contenti!

        Invece è un esempio di civiltà, e 50 centesimi per un bisogno urgente sono adeguati, giusto per ammortizzare un poco i costi di pulizia e manutenzione! Più che altro speriamo durino!

        1. # Enrico

          In una città coperta di urina di cane direi che parlare di civiltà è proprio fuori luogo

          1. # Mai contenti!

            Se ti scappa un bisogno e puoi trovare un bagno pubblico a disposizione della comunità pur pagando una cifra irrisoria per me è un segno di civiltà! La pipi dei cani è una storia!

      2. # viaggiaunpò

        I turisti sono già abituati a pagare per i servizi pubblici ma nei loro paesi li trovano molto più puliti

      3. # viva i turisti

        a firenze, dovunque vai, fare i tuoi bisogni costa anche un euro, per i parcheggi paghi e mi sembra che i turisti non manchino

        1. # ugo

          VO METTE FIRENZE CON LIVORNO

        2. # Giuseppe

          Ma come in Venezia che urinano all’aria aperta nei canali senza alcuna vergogna! In mezzo alle case con la manichetta bene in vista. In quel luogo nemmeno un bagno pubblico?

          1. # Gabry 61

            A Venezia ci sono diversi bagni pubblici al costo di 1€

      4. # luca2

        Infatti in quell’altri posti è tutto gratis,vero?

  2. # Pasqua Gandolfi

    E speriamo che non vengano distrutti in men che non si dica. Di quello che era in Piazza della Vittoria si è persa persino la memoria: non quello antico, uno moderno in una piazzola all’angolo verso via Poggiali, tra gli alberi.

  3. # ugo

    poi ditene male dei 5S…..ahahahahahah

    1. # Michele

      Per poter progredire, oggi bisognerebbe lasciare da parte i colori politici, guardare avanti al concreto, tenuto conto che da decenni la città di Livorno e provincia è stata abbandonata a se stessa.
      Quindi ben venga tutto ciò che verrà fatto.

  4. # adriano

    magari uno sul viale di antignano che ogni cespuglio è una latrina

  5. # Irene

    Finalmente

  6. # Franco

    Ottimo ma le vedete le erbacce? Possibile che in questa cittá giardinieri e operatori che rimuovono le alghe debbano essere miraggi? Avete presente in che stato é l’area fuori dai Bottini dell’ Olio? Come riversa il piazzale davanti al The Space? I pratini intorno ai 4 Mori e tutto il viale Carducci? Per non parlare delle baracchine sul mare chiuse e le aree circostanti. Bellana e controviale a mare… altro che bagni pubblici. Come mai a Livorno non si puó avere mai un vedre curato e soprattutto come mai non si interviene subito nei punti critici di degrado sotto agli occhi di tutti?

  7. # Fabio

    Spero che non diventino punti di ritrovo di spaccio

    1. # Beppe

      Nogarin, o chi per lui, ha fatto un buon lavoro e ne prende il merito con questo articolo. Far si che non diventi un ripostiglio o ritrovo per drogati è compito dalla Polizia locale e delle forze dell’ordine tutte

    2. # Morchia

      Ma dove hai letto che Salvetti si prende i meriti? I 50 cent per entrare dovrebbero servire in parte anche per evitare che sbandati e vandali entrino liberamente a fare i danni. L’importante è che si faccia vigilanza e manutenzione, ma soprattutto che le persone usino questi servizi come se fossero i propri…

      1. # Matteo Postani

        Morchia, la domanda fattela a te: nessuno ha detto che Salvetti si prende i meriti, semmai Nogarin, come è scritto nell’articolo e come ha ribadito Beppe.
        L’attuale amministrazione dovrebbe continuare il lavoro individuando altri siti adatti dove c’è bisogno.

        1. # Morchia

          C’è qualcosa che no torna, avevo risposto a un commento che non c’è più, non a quello di Fabio. Capisco il tuo commento ma ti assicuro che non ho risposto a Fabio… boh

  8. # giancarlo

    ADESSO DIMOSTRIAMO IL NOSTRO SENSO CIVICO!!!

  9. # Piccio

    50 centesimi sono la metà di quanto si paga fuori di livorno, in italia e all’estero

    1. # Mifairide

      È un segno di civiltà. Punto

  10. # Gary

    Ma polemizzate su tutto, ma qualcosa che vi va bene c’è.

  11. # Marco

    GRAZIE NOGARIN.

  12. # Enrico

    Riprovo. A quando i bagni per i cagnolini?

    1. # Luigi

      Caro Enrico, per i cani c’ è licenza di cacca e pipì gratis ovunque!

  13. # Perigle

    Quanto è costato automatizzare?quanto durerà?tanti disoccupati ..non era meglio Dare un impiego anche solo con le mance ci si faceva lo stipendio e coda, e forse sarebbero stati anche più puliti e durevoli… ricordate in piazza Magenta? costerà più di manutenzione e ne riparleremo. Oh ci voleva la laurea di ingegneria meccanica per capirlo. La signora dei bagni da sola le tiene lindi con centinaia di persone al giorno… ah ma già negli ultimi anni sono stati creati troppi impieghi.

  14. # Perigle

    Fateci sapere il bilancio del costo a bagno automatizzato?scommetto non meno di 50.000€ tra un anno son da rifare … Tra 5anni avrei piacere di vedere le spese di manutenzione per un vaso o una turca che sia

  15. # Eli

    50 centesimi vanno bene se penso che per poter fare un bisognino in qualsiasi locale tipo bar devi ovviamente consumare almeno un caffè e minimo un euro ci vuole e poi magari ti dicono pure che il bagno è rotto, inagibile o riservato ai dipendenti….ben vengano i bagni pubblici

  16. # Marco

    Finalmente dopo tanto anche Livorno fa un piccolo passo in avanti verso la civiltà.

    1. # gigi

      Finalmente, bravo Sindaco ,non capisco quando viene fatto qualcosa di buono c’e’ sempre qualcuno
      che non gli sta bene niente..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.