Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Straborgo, le foto dei “Borghigiani Doc” nella mostra di strada “Bar Orione”

Venerdì 3 Giugno 2022 — 16:48

Così, Stefano Pilato, artista nato e cresciuto nel quartiere, ha scelto di raccontare la vita del “suo” rione attraverso la mostra fotografica stradale dal titolo “Bar Orione, Borgo dei Cappuccini - la gente di un rione”, giunta alla sua 2° edizione

Ben 4 i pannelli aggiunti. Per la durata della manifestazione anche una proiezione video delle immagini in via Delle Navi. L'artista: "Un modo per rivivere il quartiere dei tempi passati"

di Giulia Bellaveglia

Tante fotografie di bambini, commercianti e persone comuni. Tutte del ventesimo secolo, tutte in bianco e nero, tutte scattate nei pressi di Borgo dei Cappuccini e raccolte in una serie di 24 pannelli disposti per le vie (4 quelli nuovi posizionati in occasione di Straborgo 2022). Così, Stefano Pilato, artista nato e cresciuto nel quartiere, ha scelto di raccontare la vita del “suo” rione attraverso la mostra fotografica stradale dal titolo “Bar Orione, Borgo dei Cappuccini – la gente di un rione”, giunta alla sua 2° edizione. “Rispetto all’anno passato l’esposizione è stata ampliata con altri 4 pannelli – spiega – Ad essere protagoniste sono sempre una raccolta di foto che sono riuscito a mettere insieme e che riguardano il Borgo, ma anche le vie più vicine. In realtà ne ho ricevute molte di più di quelle che sono state esposte, ma sicuramente non andranno perse”. Una scelta tutt’altro che facile, dettata da un criterio. “Ho cercato, quando possibile, di esporre gli scatti in base al numero civico dove sono state realizzati. Dove non sono riuscito ho cercato di ricollegare le immagini alle attività commerciali o ai personaggi tipici di un particolare punto della strada, in modo che tutto potesse avere il più possibile un senso logico”. Obiettivo, suscitare emozioni attraverso la vita di un quartiere. “Le fotografie interessano sia chi lo vive oggi, sia quelle che l’hanno vissuto all’epoca e si ritrovano nelle immagini. A queste si unisce chi viene da fuori, ecco perché ho voluto inserire delle didascalie anche in inglese. Il bello di questa esposizione poi, è che è permanente e può quindi essere visitata in qualsiasi periodo dell’anno. Per la durata di Straborgo inoltre, si arricchisce di una proiezione video in via Delle Navi che raccoglie le foto esposte e anche qualcosa in più”. Tanti coloro che si sono visti e riconosciuti. “Sono venuti in molti a dirmelo con immensa gratitudine ed emozione, sia perché hanno riconosciuto loro stessi e in particolare perché, grazie alla mostra, hanno avuto modo di rivivere il quartiere dei tempi passati e le persone che non ci sono più, ricordando i propri affetti”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©