Cerca nel quotidiano:


Addio al medico sulle ambulanze? Collesalvetti lancia la petizione

Nei primi quattro giorni dal lancio dell'iniziativa sono state già raccolte oltre mille firme. Ecco dove e come è possibile aderire

venerdì 16 novembre 2018 16:12

Mediagallery

La petizione lanciata dalla giunta municipale di Collesalvetti per dire no al progetto di riorganizzazione del trasporto sanitario di emergenza urgenza lanciato dall’Azienda Usl Toscana Nord Ovest, sta riscuotendo una grandissima adesione. Nei primi quattro giorni infatti sono state già raccolte oltre mille firme.
L’Amministrazione Comunale con questa petizione intende rafforzare la propria contrarietà al progetto di riorganizzazione che prevede, in prima battuta,  lo spostamento – durante il periodo estivo – dell’Ambulanza medicalizzata con medico a bordo da Collesalvetti e Livorno Sud, garantendo sul territorio colligiano la sola figura infermieristica professionale. Se ciò fosse realizzato, poiché dagli Enti competenti  non sono pervenute risposte alle questioni sollevate dal Comune, ci sarebbero ricadute in termine di forti disservizi nel territorio comunale e non solo. Il Sindaco Bacci infatti, al fine di sensibilizzare il più possibile anche le comunità limitrofe ha fin da subito coinvolto i Comuni di Fauglia, Orciano Pisano e Crespina Lorenzana ai quali hanno fatto seguito l’interessamento formale da parte di quello di Santa Luce e Castellina Marittima.
“Rimarremo in prima fila – ha dichiarato il sindaco Lorenzo Bacci – per evitare che si concretizzi questa ipotesi. Non è una questione politica – ha aggiunto Bacci – perché in questo caso parliamo della salute e sicurezza dei cittadini e così come abbiamo fatto anche in passato, continueremo a mettere in campo ogni misura possibile per portare avanti la nostra battaglia”.

Ecco dove è possibile aderire alla petizione:

– Comune di Collesalvetti – Ufficio URP (Palazzo Comunale, Piazza della Repubblica 32) dal lunedì al venerdì  dalle 9 alle 12.30 e il giovedì dalle 15 alle 17 e il primo e terzo sabato del mese dalle 9 alle 12.
– Sportello Anagrafe di Stagno – il lunedì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 12 e il martedì dalle 15 alle 18.
– Bottega della Salute di Colognole – il mercoledì, giovedì e venerdì dalle 8 alle 11.30.

E’ inoltre possibile firmare nella sede della Pubblica Assistenza di Collesalvetti, Misericordia di Vicarello, Polisportiva di Vicarello, Avis ed Auser di Collesalvetti.
E’ infine possibile aderire on line collegandosi alla piattaforma change.org oppure attraverso il sito istituzionale del Comune di Collesalvetti www.comune.collesalvetti.li.it.

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # Fulvio

    Il mondo gira al rovescio, negli anni ’80, finalmente abbiamo avuto il medico h24, il servizio ha fatto un salto di qualità, adesso dovremo tornare indietro?

  2. # Sandro65

    Un paese dove le ultime ruote del carro sono sanità, giustizia, istruzione e ambiente non può considerarsi un paese civile.

    1. # marco62

      Mi associo Sandro al tuo commento, veramente ci stanno facendo regredire solo per un fattore economico maledetto, non importa a nessuno di ottenere un buon servizio ma bada solo a risparmiare, speriamo solo che coloro che prendono queste decisioni un giorno abbiano bisogno di un medico dell’ambulanza che non ci sarà.

  3. # Miriano

    Rendiamoci conto che certe analisi o diagnosi per immagini (lastre, tac o risonanze) andando nel privato, costano meno dei ticket della ASL per le medesime analisi. Visto che questo “servizio’ viene tolto dalle nostre buste paga, credo che avremmo il diritto di sapere come vengono spesi i nostri soldi. Ma qualcuno “coraggioso” che fa’ una mozione o un’interpellanza di questo tipo è va’ fine in fondo lo troviamo??? Oppure aspettiamo che lo venga a dire qualcun altro.

  4. # vega1074

    io se non era per il medico a bordo un anno fa ero morto…..

    1. # Moma

      …stessa esperienza… se non ci fosse stato il medico due anni fa, mio padre 59 anni, sarebbe morto per infarto.. tra l’altro aveva solo un giramento di testa… nessun segnale classico di infarto… il medico è stato davvero bravo… non finirò mai di ringraziare l’svs di Collesalvetti..grazie!

  5. # Ilaria Formisano

    ma siamo impazziti? Io non ho parole davvero. Il medico deve essere d’obbligo a bordo dell’ambulanza in modo da poter salvare la vita al maggior numero di persone e solo il medico ha le capacita’ e l’esperienza adeguata in casi di pronto soccorso e ahime’ non i volontari che per quanto siano bravissimi e che ringrazio infinitamente per l’operato svolto di ogni giorno, ma non possono essere equiparati ad un medico competente e laureato. Pertanto se si vuol diminuire la popolazione e/o ignorare l’importanza di poter salvare delle vite, capisco la motivazione dell’eliminazione del medico a bordo.
    La salute e la sicurezza dei cittadini viene avanti a tutto e ribadisco TUTTO. Non possono esistervi decisioni del genere in nessun caso e se questa cosa dovesse andare in porto… beh l’Italia e’ un Paese finito e allo sfascio, ma ci credo ancora un pochino in qualche decisione saggia e oculata e spero valutiate bene quanto deciderete, perché io personalmente e credo nessuno, non sono d’accordo con quanto avete proposto.
    Dov’e’ finita’ la civilta’ italiana?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.