Cerca nel quotidiano:


Limoncino. La Regione sospende il nulla osta per la discarica

Adesso Livrea ha dieci giorni di tempo per le controdeduzioni

venerdì 19 Luglio 2019 08:40

Mediagallery

Limoncino, la  regione sospende il procedimento di riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale. “La conferenza dei servizi che si è svolta in Regione Toscana ha assunto decisioni importanti, tenendo conto dei rilievi tecnici che sono stati mossi da Arpat e delle richieste formulate in modo appropriato dallo stesso Comune di Livorno”. E’ questo quanto dichiara il presidente della Regione Enrico Rossi, a conclusione della conferenza dei servizi che si è tenuta giovedì 19 luglio nella sede della Regione.

“La serietà dei provvedimenti – ha aggiunto il presidente – conferma il comportamento rigoroso con cui i tecnici regionali si muovono su queste vicende. Nei prossimi dieci giorni attendiamo dalla proprietà eventuali rilievi alla decisione di sospensione dei conferimenti. Mentre dall’altra parte è stato sospeso il procedimento di riesame dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) in attesa, anche a questo riguardo, della documentazione integrativa richiesta”.

L’amministrazione comunale livornese ha anch’essa ribadito in conferenza dei servizi, a Firenze, la richiesta di sospensione del nulla osta della Regione per la discarica del Limoncino. Su indicazione degli uffici tecnici comunali, risulta necessario che il vincolo idrogeologico sia rinnovato, ai fini di garantire la massima protezione idrogeologica del sito con il preciso riferimento alle nuove curve pluviometriche in seguito all’evento alluvionale del 10 settembre 2017. D’altra parte, Arpat, nel suo parere, evidenzia che, nelle prove effettuate in passato, non sempre viene confermata la permeabilità richiesta, e questo potrebbe determinare il non rispetto delle prescrizioni AIA e delle caratteristiche previste dalla normativa. La Regione, in considerazione del quadro complessivo, ha sospeso il procedimento di riesame dell’AIA, e ha dato avvio al procedimento di sospensione del nulla osta rilasciato in primavera per quanto riguarda il conferimento dei rifiuti. Tutto ciò in attesa delle controdeduzioni di Livrea, che dovranno pervenire entro dieci giorni, e di eventuali nuove valutazione da parte della Conferenza dei Servizi.

Il Comune ha chiesto a Livrea, gestore dell’impianto, di sospendere fin da subito i conferimenti, in attesa dei chiarimenti conseguenti ai rilievi Arpat. L’amministrazione comunale confida in una collaborazione del gestore, in caso contrario dovrà decidere quali provvedimenti intraprendere.

“Gli elementi principali da valutare – ha affermato il sindaco di Livorno Luca Salvetti – sono la sicurezza ambientale e la salute dei cittadini. Proprio per questo ed alla luce dei rilievi Arpat, abbiamo chiesto a Livrea di interrompere per questi dieci giorni i conferimenti in discarica”.

L’assessora Cepparello ha sottolineato che “oltre ai rilievi oggetto dell’attuale sospensione, rimangono da valutare anche altri aspetti importanti quali l’incompatibilità acustica, da non sottovalutare, e i codici Cer”. Ha proseguito l’assessora all’ambiente “la partita si gioca nelle sedi istituzionali. Come amministrazione comunale siamo intervenuti in due Conferenze dei Servizi e proseguiremo in questo cammino, nell’interesse della città di Livorno”.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # MAURO CECCHI

    Mi auguro che si trovi una soluzione che vada bene ai residenti, ai lavoratori di Bellabarba e, in definitiva, alla città di Livorno. Tutto parte dal presupposto che ci sia una volontà di andare a un accordo, magari considerando di fare un passo indietro da parte di ciascuno.

    1. # liuk

      se come è scritto l’Arpat ha rilevato la non perfetta impermeabilizzazione della discarica come può essere che sia stata rinnovata l’autorizzazione? Qualcuno dovrà spiegare

  2. # mind

    …..ben fatto sulla salute dei cittadini non si transige.

  3. # Alessio

    I rifiuti dovrebbero essere risorse e non scarti da sotterrare in discariche…. Ben vengano impianti a bassi impatti inquinanti che trasformino i rifiuti in energia, visto che tutti e ripeto tutti da Destra a Sinistra passando per gli ambientalisti usiamo l’energia e produciamo rifiuti…

  4. # Gabriella

    Sono contenta che sia stato sospeso il nulla osta riguardante l’uso della discarica. A Limoncino e dintorni abbiamo un ambiente meraviglioso dove esiste un equilibrio ambientale che permette l’esistenza di aria buona e pulita, silenzio e tranquillità. Esistono specie animali difficili ormai da vedere in città come rondini e rane. Perché rischiare che tutto questo venga messo in pericolo con la conseguenza di nuocere alla salute dei livornesi? Tuteliamo il nostro ambiente è la nostra salute… anche per le generazioni future

    1. # VIRIATO

      La discarica è stata aperta con tutte le autorizzazioni del caso. Se però con il passare del tempo, qualcosa è cambiato, ritengo giusto che il Comune e la Regione, facciano i loro passi. Se a seguito di accertamenti, risultasse pericolsa per l’ambiente e la salute dei cittadini, allora penso che dovrebbe essere chiusa e magari realizzare un bel parco.
      Trovo però alquanto strano, che nessuno parli degli abusi edilizi del Limoncino. Non è che viene fatta una battaglia sulla discarica, per sviare l’attenzione sugli abusi?. Se la discarica dovesse essere chiusa, nel contempo, dovrebbero essere abbattuti tutti quei manufatti abusivi. La Legge è uguale per tutti (o quasi)

  5. # Armando

    Finalmente, dopo cinque anni di sostanziale immobilismo speriamo ci sia lo stop definitivo alla discarica.

    1. # fallafinita

      si armando… qualcosa si muove…. l’ignoranza labronica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.