Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Effetto Venezia, ecco il piano safety e security con 40 addetti e 14 sanitari

Mercoledì 27 Luglio 2022 — 16:10

Per Effetto Venezia verranno organizzati e garantiti dalla questura mirati servizi di prevenzione per l’ordine e la sicurezza pubblica ai quali parteciperanno anche le altre forze di polizia al fine di garantire il regolare svolgimento della kermesse per tutta la sua durata

La mattina di mercoledì 27 luglio all’interno della Sala Bontempelli della Questura si è tenuto il tavolo tecnico, presieduto dal questore Massucci, per affrontare le misure organizzative e di ordine e sicurezza pubblica riguardanti “Effetto Venezia” che si svolgerà dal 3 al 7 di agosto.
Nell’ambito  della riunione,  alla quale hanno preso parte non solo i dirigenti della questura, ma anche rappresentanti delle altre forze dell’ordine nonché i rappresentanti del Comune, dell’Asl Toscana, è stato presentato il piano safety e security da parte dell’ingegnere delegato, che prevede l’impiego di 20 addetti alla sicurezza, 20 addetti della protezione civile e 14 sanitari.

Il piano si inserisce nell’ambito del progetto #Divertiamoci, il cui obiettivo principale è quello di creare una collaborazione virtuosa tra i diversi soggetti coinvolti nella partecipazione e nell’organizzazione dell’evento, al fine di arrivare a creare una rete partecipata di soggetti per garantire la sicurezza sia dei cittadini che l’interesse dei commercianti, in particolar modo nelle fasce orarie  serali e notturne.

Per Effetto Venezia verranno organizzati e garantiti dalla questura mirati servizi di prevenzione per l’ordine e la sicurezza pubblica ai quali parteciperanno anche le altre forze di polizia al fine di garantire il regolare svolgimento della kermesse per tutta la sua durata.
Compito dei poliziotti, carabinieri e finanzieri, polizia locale e provinciale sarà quello di garantire il funzionamento del piano di sicurezza e safety predisposto ed intervenire dove sarà necessario per ripristinare  situazioni  di legalità.

Condividi:

Riproduzione riservata ©