Cerca nel quotidiano:


Autobus gratis nel weekend fino a capodanno

Per finanziare questa misura di mobilità sostenibile, il Comune ha investito oltre 25mila euro che verranno versati a Ctt come compensazione dei mancati incassi del biglietto. Vece: “In questo modo incentiviamo i mezzi pubblici per fare shopping”

mercoledì 21 novembre 2018 16:28

Mediagallery

Dopo la positiva esperienza fatta in estate, tornano gli autobus gratis. Questa volta però i cittadini potranno utilizzare i mezzi pubblici a costo zero su tutta la rete cittadina e per l’intera giornata nei giorni festivi e prefestivi. Si parte da sabato 24 e domenica 25 novembre e si arriverà fino al weekend di capodanno.
“Questa amministrazione ha un obiettivo ben preciso, incentivare i livornesi ad utilizzare sempre di più i mezzi pubblici, a partire da tutti coloro che in questi giorni si riverseranno in centro per gli acquisti pre natalizi – spiega l’assessore comunale alla Mobilità, Giuseppe Vece – I bus gratuiti permetteranno a un numero sempre maggiore di persone di raggiungere senza problemi le vie dello shopping e questo avrà ricadute positive sui negozi di vicinato che nelle prossime settimane si giocano buona parte dei fatturati dell’anno. Ma non solo. Questa misura è pensata anche per i più giovani che potranno recarsi in centro autonomamente e in totale sicurezza tutti i weekend”.
“Mercoledì 21 novembre – aggiunge l’assessore Vece – abbiamo informato anche le associazioni di categoria, che hanno accolto molto positivamente la novità e hanno chiesto di estenderne la durata fino all’Epifania, quando partirà la stagione dei saldi. Una richiesta che abbiamo condiviso e alla quale lavoreremo”.
Per finanziare questa misura di mobilità sostenibile, il Comune ha investito oltre 25mila euro che verranno versati a Ctt come compensazione dei mancati incassi del biglietto.

In dettaglio, sarà possibile viaggiare gratuitamente sugli autobus di tutta la rete a qualsiasi ora nei seguenti giorni:

– 24 e 25 novembre;

– 1 e 2 dicembre;

– 8 e 9 dicembre;

– 15 e 16 dicembre:

– 22, 23, 24 e 26 dicembre;

– 29 e 30 dicembre.

“A questo punto – conclude l’assessore Giuseppe Vece – chi si muove in autobus avrà un doppio vantaggio rispetto a chi continuerà a muoversi in automobile: non avrà problemi di parcheggio e risparmierà tempo e denaro”.

Riproduzione riservata ©

18 commenti

 
  1. # Conta-conta

    Tieni il conto di tutti i bus che passano e di tutta la gente che ci monta se sei bono.

    1. # marco62

      Esplicita meglio il tuo pensiero perché se ti rivolgi a Tieniliconto che ha commentato per lungo tempo tutto ciò che questa amministrazione ha dichiarato e non mantenuto, quella dagli autobus gratis doveva essere una regola e non per un mese, benché positivo, tenendo poi in conto che forse questa piccola concessione nasce dall’aver effettuato scellerate decisioni sulla viabilità e sui parcheggi A PAGAMENTO.

      1. # Conta-conta

        In quale documento testo o articolo sta scritto per cortesia che “doveva essere una regola e non per un mese” (in realtà di mesi ne sono già stati fatti 6 considerando le ultime 3 estati) ?

          1. # AL1954

            Nel programma elettorale del M5S l’autobus doveva essere gratis durante le festività e il periodo
            estivo, per alcune tipologie di persone (studenti, invalidi, disoccupati ecc). Poi ha cambiato versione, autobus gratis per tutti. Poi ha ricambiato versione, autobus gratis, per tutti, nei week end, durante il periodo natalizio. Si decida una buona volta su cosa vuol fare. Meno male che tra poco l’autobus lo prenderà lui per ritornarsene a casa. Il biglietto lo offro io…

  2. # ema

    Ringrazio il sindaco e CCT,ma preferisco lo stesso andare in città in bicicletta

    1. # LEGA prima gli ITALIANI

      Specialmente quando andate nei marciapiedi anche a forte velocità oppure contromano o anche al centro della strada e pensate sempre di aver ragione perché questa amministrazione comunale vi ha fatto capire che sia cosi

  3. # Beppe

    Educare all’uso dei mezzi pubblici fin da bambini.
    È per andare a scuola che servono mezzi , invece il servizio è vicino allo 0%,
    In via Galilei ne servirebbero quasi cento tra le otto e le otto e venti, magari venti potrebbero gia dare una dimostrazione di volontà.
    P.s. lo dice uno che ha lavorato in una fabbrichetta da 45.000 operai ….. tutti su mezzi pubblici !!

  4. # Papo

    Bisognerebbe incrementare il servizio notturno nelle periferie…..

  5. # Ioannis

    Solo campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative. Vogliono farsi belli dopo tutti i danni che hanno fatto.

  6. # Attila

    Bene buona iniziativa…Però vorrei fare una proposta: PERCHE’ CON 100€ ALL’ANNO FARE UN’ANDATA E UN RITORNO GIORNALIERO?….Così che deve andare in CENTRO fare la SPESA, andare in BANCA, ecc….non adopera il MOTORINO o la macchina…Secondo me sarebbe un altro modo di incentivare il BUS….

  7. # alberto franzoni

    ORA si che mi piace,, bella idea

  8. # Ale

    Bella iniziativa! Però rivecere 25000 euro per i festivi e prefestivi è come vincere al lotto visto che il 90% degli utenti è abbonato e che diversamente quei bus avrebbero girato lo stesso ma vuoti.

  9. # Piero

    se questa amministrazione, vuole per davvero incentivare l’uso del mezzo di trasporto collettivo, bisogna che agisca su tra fattori che ritengo fondamentali:
    1° Rivisitazione degli attuali percorsi della rete urbana, così come implementati nel 2017 e seguenti, non rispondono alle reali esigenze della collettività livornese, ad esempio la LAM ROSSA per la Scopaia-Leccia, passaggi troppo ravvicinati ( 1 passaggio ogni 15′), a discapito di chi abita nelle zone a sud della città come Montenero, Antignano, Banditella (1 passaggio ogni 30′ nei feriali); lasciando poi completamente sguarniti tutti i quartieri ubicati a sud- est della città dopo le 20,15, in quanto non rientranti nel piano delle corse dei servizi ” notturni “.
    2° Separare ” fisicamente” gli itinerari di scorrimento dei mezzi pubblici, dal traffico privato, per mettere veramente in “concorrenza” il bus con le auto ed acquisendo così, anche un aumento della cosiddetta velocità commerciale. Pensare ad un utilizzo dei parcheggi scambiatori, con politiche tariffarie calmierate verso il basso e, con la possibilità di acquistare il/i biglietti per il bus in loco.
    3° Regolarità dei passaggi dei bus, negli orari prestabiliti, oltre ad una maggior pulizia delle vetture al suo interno ed un confort di marcia da migliorare sicuramente. Vi sono certi autobus in giro per la città, che dovrebbero avere altri tipi di caratteristiche, dal punto di vista delle sospensioni e dell’isonorizzazione. Che fine hanno fatto tutti i bus urbani tanto promessi sia dalla regione, che da chi gestisce il servizio. qualcuno non penserà che con l’immissione a Livorno di una 15na di mercedes abbia finito la partita?
    Solo agendo su questi fattori, propedeutici al buon funzionamento del servizio di trasporto collettivo, si potrà sperare in un vero rilancio all’uso del mezzo pubblico. Tutto il resto, sono chiacchere da imbonitore.
    Grazie per avermi letto.

    1. # ale

      Esattamente!

    2. # Nedo

      condivido in pieno con la tua disamina, precisa e possibilmente attuabile dai soggetti preposti. E’ impensabile nel 2018, dover restare a bordo di un bus, per recarsi, ad esempio, dal quartiere della “Rosa”, sino al polo scolastico di via Gallilei, oltre 30 minuti in orario concomitante con l’inizio/fine lezioni; sempre che non piova, altrimenti i tempi si dilatano in avanti.

  10. # Traf

    Piero,

    Meno male i fattori erano solo 3 se no ti si fumava anziche’ leggere

    hai focalizzato molto bene l’eccellenza del trasporto pubblico. Sul punto 2 pero’ oggettivamente livorno non ha spazi per corsie preferenziate se non per pochi tratti, a meno che tu voglia fare opere faraoniche tipo radere al suolo interi isolati.

  11. # movimento

    Non prendo un autobus da almeno 40 anni, qualche volta ci andavo a scuola a quel tempo, e già mi facevano un pò “senso”.

    Voler tentare di costringere tutti ad usare autobus è limitazione totale di uno dei presupposti della libertà: il movimento!

    Io vado come preferisco…macchina, piedi, scooter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.