Cerca nel quotidiano:


Brusca frenata dell’export livornese (-19%)

Dopo l’exploit del primo semestre 2017 la brusca frenata. In crescita l’import (+3%) che supera il tetto dei 3 miliardi di euro. Tutti i dati nel periodo gennaio-giugno 2018

giovedì 04 ottobre 2018 11:52

Mediagallery

Dopo l’exploit del primo semestre 2017, brusca frenata dell’export livornese (-19%). In crescita l’import (+3%) che supera il tetto dei 3 miliardi di euro, grazie al sensibile contributo del settore petrolifero, che controbilancia il calo dei mezzi di trasporto. Nel contesto socio-economico livornese, il commercio con l’estero, per la stessa connotazione del tessuto imprenditoriale presente, riveste un’importanza fondamentale. Per questo motivo, il Centro Studi e Ricerche della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno ha prodotto nei giorni scorsi un report che, sulla base dei dati ISTAT, ne analizza l’andamento nel periodo gennaio-giugno 2018. Nel corso del primo semestre 2018 il commercio mondiale, pur restando ancora in fase espansiva, ha subito una certa decelerazione, causata dall’incertezza per le politiche protezionistiche dell’amministrazione statunitense. Nei primi sei mesi del 2018 le esportazioni italiane sono ammontate ad oltre 231 miliardi di euro (+3,7% su base tendenziale), le importazioni sono valse 212 miliardi di euro +(4,1%). Il saldo commerciale è stato dunque positivo per 19 miliardi di euro. L’interscambio italiano si rafforza non solo con l’area “storicamente” più rilevante, ossia i paesi Ue (export +5,1%, import +5,0%) ma anche, seppur in misura inferiore, coi paesi extra Ue (export +1,9%, import +2,7%).

La Toscana mostra da un lato una minore “vivacità” in termini di esportazioni (+2,3%), dall’altro una maggiore crescita per quanto concerne le importazioni (+7,9%). Rispetto all’immediato passato, si rilevano rialzi mediamente più contenuti a livello provinciale, tranne che a Livorno e Massa Carrara (due delle province maggiormente interessate dal “boom” dell’anno precedente): la provincia “labronica” accusa difatti un deciso calo (-19,1%). Fatto salvo l’andamento di Prato e Siena, l’import evidenzia una buona crescita ovunque, soprattutto a Massa Carrara, Firenze, Arezzo e Grosseto, dove si registrano incrementi oltre i dieci punti percentuali. In tale contesto risulta molto meno pronunciato il guadagno della provincia di Livorno, pari a 3 punti percentuali. Nel primo semestre 2018 le imprese livornesi hanno acquistato merci estere per un controvalore che ha superato 3 miliardi di euro, ed hanno venduto i propri prodotti per oltre 900 milioni di euro. Il saldo commerciale è stato dunque negativo per 2,1 miliardi di euro, in netto peggioramento rispetto agli 1,8 del primo semestre 2017. Livorno, a causa della tipologia d’imprese che storicamente vi sono insidiate, è anche l’unica provincia in Toscana a mostrare un saldo commerciale negativo.

Importazioni. Mantenendo lo slancio già mostrato alla metà del 2017, quando aveva evidenziato una vera e propria impennata, il settore estrattivo (che vale da solo 940 milioni di euro) mostra una buona crescita anche nel semestre in esame (+17%), corroborato dall’aumento del prezzo del greggio. Le importazioni del settore manifatturiero ammontano a poco meno di 2,1 miliardi di euro, valore di poco inferiore all’anno precedente (-2,8%). I mezzi di trasporto, con un’incidenza pari al 62%, si confermano in assoluto il primo comparto per valore, seguiti dai metalli di base e dei prodotti in metallo (14%) e dalle sostanze e prodotti chimici (+11%). La prima e la terza voce evidenziano però una flessione tendenziale pari, rispettivamente, a -8,3% e -7,8%, mentre le importazioni del comparto metallurgico crescono di oltre 16 punti percentuali.

Esportazioni. I prodotti delle attività manifatturiere rappresentano storicamente l’unico settore di rilievo nell’analisi delle esportazioni livornesi le quali, dopo la poderosa crescita osservata a metà 2017, subiscono calo piuttosto repentino (-25%). A tale calo contribuisce proprio l’andamento dei comparti che maggiormente erano cresciuti in passato: il valore dei mezzi di trasporto si è in sostanza dimezzato, quello dei prodotti petroliferi raffinati si è ridotto di quasi un terzo e quello dei metalli di base e prodotti in metallo di oltre un quarto. Le “buone notizie” vengono dal comparto chimico (+1,9%) e, soprattutto, da quello alimentare (+6,7%). Nel complesso, il saldo commerciale del manifatturiero è risultato in passivo per oltre 1,2 miliardi di euro, valore in netto peggioramento rispetto a quanto visto al termine del primo semestre 2017 e da imputarsi quasi esclusivamente all’andamento dei mezzi di trasporto.

Riproduzione riservata ©

11 commenti

 
  1. # mi fate ride

    La domanda è…che cosa produce Livorno che può esportare? Questi dati non mi sorprendono.

  2. # Roberto

    Rappresenta la conseguenza delle incertezze locali e nazionali legate alla gestione economica disastrosa del Movimento Cinque Stelle. Le economie fragili sono le prime ad accusare la crisi….

    1. # Marco

      Tipico commento da livornese elettore fanatico del PD. Noi oggi subiamo le conseguenze degli errori di anni e decenni fa se credi che il dato negativo sia per colpa del governo che è in carica da pochi mesi caro Roberto sei fuori strada ma alla grande!

      1. # rena

        Concordo in pieno con il sig. marco la desertificazione industriale ha un nome e cognome cioè quelle amministrazioni precedenti che deliberatamente hanno smantellato il sistema industriale livornese primo fra tutti la navalmeccanica che con il sistema cantiere,bacini ,lips dava lavoro a migliaia di persone ,ma si è voluto fare la porta a mare e questo sistema non c,è più poi di seguito sono venute altre crisi della componentistica auto che si è aggiunta a tutto il resto di questo l’attuale amministrazione non né ha responsabilità anche se non ha certo brillato per iniziative per portare lavoro a Livorno cosa certo non facile ,ma non ci hanno neanche provato

  3. # Beppe

    Se si continua a chiudere fabbriche e aprire bar cosa si dovrebbe esportare?

  4. # Michele

    Ma tanto cosa vi interessa a voi italiani…ora arriva il reddito di cittadinanza….CI STO GOBBO ALL’ESTEROOOO

  5. # VOLTONE

    Sig. Michele al’ estero ci sta gobbo ( ma per davvero ) da quanto la fanno lavorà, invece quelli ganzi ( ma per davvero) rimangono in Italia e qualcosa si inventano, tanti saluti. SEMPRE FORZA LIVORNO

    1. # Michele

      Contenti voi….Contenti tutti

      1. # fabio

        ogni intervento che fai ha la solita antifona di come stai bene all’estero… ma rimanici. Che poi vorrei sapere cosa fai..Se ti dice bene fai il pizzaiolo a Londra

        1. # Michele

          No…ricercatore..in italia 800 precario qui 3400 mese fisso…ci rimango un ave paura…salutami la terrazza

  6. # fabio

    si certo, e passi tutto il tempo a scrivere che sei all’estero come ci stai bene.. ci credo si si

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive