Cerca nel quotidiano:


Nuovo look con fontana per p.zza Guerrazzi

I lavori, per un importo di 600mila euro, dureranno sei mesi. Sono previste otto panchine, sei fioriere e una fontana

venerdì 16 novembre 2018 11:00

Mediagallery

Sono stati consegnati i lavori del progetto “Riqualificazione di piazza Guerrazzi”, con il quale l’Amministrazione comunale intende recuperare l’antica piazza, un tempo luogo di sosta delle merci in entrata e uscita dalla città murata, prima che la Porta a Pisa fosse demolita per la realizzazione di piazza della Repubblica (clicca sul. Oggetto della riqualificazione, che riguarderà la pavimentazione e gli spazi adiacenti, è l’area a forma rettangolare compresa tra il Cisternino di Città, opera dell’architetto Pasquale Poccianti, e il Palazzo del Picchetto, realizzato nel ‘700 su disegno di Giovan Battista Foggini. Il recupero riguarda anche il tratto di via del Pantalone compreso tra via delle Galere e via Grande.

“Come anticipato qualche giorno fa – dichiara l’assessore ai lavori pubblici e arredo urbano Alessandro Aurigi – prosegue il percorso di riqualificazione dei luoghi più suggestivi del centro cittadino. I nuovi lavori che stanno partendo in piazza Guerrazzi la renderanno finalmente fruibile ai pedoni e restituiranno la giusta dignità ad un luogo simbolo del centro storico, dove si affacciano edifici di grande importanza e dove il Cisternino di Città assumerà un ruolo ancora più significativo. Tra non molto, poi, completeremo l’opera di arricchimento di questo ambito con un altro intervento per fornire di specifici arredi urbani il lato sud della piazza”.

L’area da riqualificare, che ospita il monumento a Francesco Domenico Guerrazzi ed è in parte adibita a parcheggio, sarà interamente ripavimentata in pietra forte fiorentina, secondo la trama originaria di posatura, e pedonalizzata, in modo da restituire alla città uno spazio vivibile di arredo urbano – nonché foyer del Cisternino – dotato di panchine, fioriere e di una fontana ornamentale.

I lavori, per un importo di 600mila euro, dureranno sei mesi, e comporteranno le seguenti modifiche alla viabilità:

– divieto di transito e sosta con rimozione forzata su tutta la porzione di piazza Guerrazzi compresa fra via delle Galere e via Grande;
– direzione obbligatoria sinistra/destra per i veicoli che da via del Pantalone impegnano l’intersezione con via delle Galere;
– i mezzi operativi impegnati nelle operazioni di cantiere sono autorizzati al transito nella corsia riservata ai bus del tratto di via Grande compreso fra piazza della Repubblica e piazza Guerrazzi; potranno uscire da via Grande o da via delle Galere;
– lungo il tratto di via Grande interessato dai lavori è interdetto il transito dei pedoni, che vengono deviati sul marciapiede opposto.
Il progetto- Sull’attuale pavimentazione, costituita da un lastricato in “pietra forte fiorentina”, sono ben visibili gli interventi di sostituzione di numerose parti. Negli anni sono state inserite lastre di pietra serena e granito, e questo ha comportato la parziale scomparsa della trama originaria. Ad un’attenta analisi è comunque possibile percepire tale trama e la sua relazione con gli edifici storici che delimitano la piazza, il Palazzo del Picchetto e il Cisternino di Città.

La nuova pavimentazione di progetto è della stessa tipologia del materiale originario, la “pietra forte fiorentina”, posata a fasce concentriche come nella trama originaria. Per evidenziarne il disegno è stato pensato di alternare fasce di pietra con due diverse finiture (bocciardato e rigato) creando un effetto visivamente dinamico.

Anche per il tratto di via del Pantalone fino all’incrocio con via delle Galere è previsto il mantenimento della trama originale della pietra, questa volta disposta con un motivo a zig zag, sempre alternando fasce di pietra con finitura bocciardata e levigata. In questo modo si avrà una riproduzione della storica tessitura parzialmente ritrovata, e si garantirà un’identità comune a tutte le parti della piazza.

Nell’area prospiciente il palazzo del Picchetto, dove è visibile la trama dei quadrati concentrici, è stato scelto di evidenziare la prima pietra che genera il motivo di posa, la “gemma”, allineata con i portoni di ingresso del palazzo, mediante il rivestimento della stessa con una fusione in bronzo.

Il marciapiede che contorna gli edifici storici sarà mantenuto visibile anche quando rimane alla stessa quota della piazza. Per il marciapiede del Cisternino, l’attuale asfalto sarà sostituito con la pietra forte fiorentina a finitura bocciardata, utilizzata anche in quello del Picchetto, dove sarà rimossa la pietra serena storica, particolarmente degradata e difficile da recuperare.

Sfruttando i piani attuali, il progetto prevede di mantenere la stessa quota del marciapiede proveniente dal porticato di via Grande, in modo da ottenere un percorso continuo accessibile. Mentre una lieve pendenza della pavimentazione della piazza in direzione del Palazzo del Picchetto, permetterà di mantenere, sul lato opposto a via Grande, la quota attuale del marciapiede storico.

Lato via Grande sarà inserito un cordone stradale, con dissuasori sferici in ghisa, che delimiterà la piazza inibendo il parcheggio di auto e motoveicoli.  Anche all’incrocio tra via del Pantalone e via delle Galere saranno inseriti dissuasori rimovibili per delimitare l’area pedonale, pur garantendo l’accesso ai mezzi di soccorso.

Per quanto riguarda gli arredi sono previste otto panchine, sei fioriere e una fontana.  Le panchine con schienale e braccioli in ghisa saranno disposte a coppie lungo le facciate ovest e nord del Picchetto, e offriranno una comoda seduta a chi, percorrendo la commerciale via Grande, intenda fare una sosta. Nelle vicinanze delle sedute saranno collocate fioriere in ghisa di semplice profilo, di diametro 110×90 cm, allestite con piante ornamentali e dotate di un sistema di irrigazione a goccia. Panchine e fioriere saranno disposte anche sulla parte di piazza ex via del Pantalone.

La fontana ornamentale evidenzierà l’elemento acqua, che sarebbe stato il fine dell’architettura del Cisternino se le vicissitudini storiche non lo avessero impedito. Sarà costituita da otto ugelli collocati a filo pavimentazione in corrispondenza dell’attuale via del Pantalone, che costituiranno sicura attrazione per i passanti.

Riproduzione riservata ©

58 commenti

 
  1. # Ale

    Tutto molto bello! Peccato che siano altri 30 parcheggi auto in meno e altrettanti in meno per gli scooter

    1. # Rosa Arienti

      Ale, puoi mettere la macchina dentro la fontana e lo scooter sulla panchina. Nel garage sotterraneo ci mandi i bimbi a giocare.

    2. # Giacomo

      Ale, io in parte ti capisco, vivo anch’io il problema parcheggio vivendo in pieno centro. E il problema è che si dice di voler ridurre l’uso dell’auto privata ma non si danno alternative valide ed efficienti. Però d’altro canto… ma ci rendiamo conto che li c’è una piazza in pieno centro, incastonata tra due edifici plurisecolari, con una statua nel mezzo, e ora è SEPOLTA dalle auto come se fosse un parcheggio di un centro commerciale di una brutta periferia? Dai…bisogna evolversi.

      1. # u8go nogarinINO sono otto

        e questo per te è il modo giusto?

      2. # u8go nogarinINO sono otto

        dissuasori rimovibili per delimitare l’area pedonale, pur garantendo l’accesso ai mezzi di soccorso… i famosi bidoni su è giu che Lamberti vide a Cortina e non hanno MAI funzionato….E IO PAGO….invece di sistemà le strade che sono mulattierfe

        1. # Giacomo

          Onestamente non ho capito. Metti meno foga e argomenta meglio. Io ho detto che è comunque una bella cosa ridare il suo significato ad una PIAZZA che attualmente è un caotico parcheggio, poi si può discutere – anzi non penso che ne te ne io abbiamo le competenze per discuterne – di come è meglio sistemarla. Per il discorso sistemare le strade.. siete venuti a noia, e stanno sistemando a lotti con i fondi disponibili, e comunque se avessero sistemato anche la strada sotto casa tua avresti detto “invece di sistemare le piazze” – che noia.

  2. # [email protected]

    Le Telecamere le avete inserite nel bando e nel budget?
    Altrimenti siamo da punti a capo dopo pochi mesi…
    Livorno è questa, la civiltà non esiste!

  3. # Giusy

    Con questi soldi non si poteva dare una pulizia e tappare le buche e tutto quello che c’è da fare a livello base per rendere la città più pulita e accogliente invece di avere una bella piazza e il resto brutto?

  4. # Fabio

    Tieni il conto dove sei?
    Aggiungi anche questa…

  5. # giuseppe billi

    Occorrerebbe riqualificare anche il Palazzo del Picchetto fuori e dentro.

    1. # amaranto87

      esattamente quello che stavo pensando, inutile fare bella la piazza quando sappiamo tutti che la fruizione da parte dei cittadini sarà costantemente messa in discussione dal pericolo rappresentato dagli abitanti (abusivi) del palazzo del picchetto..

    2. # elit

      Infatti! È sempre occupato? È una vergogna!

    3. # Marco

      Ma infatti, vi rendete conto che state riqualificando davanti ad un palazzo occupato con al suo interno spaccio e molta delinquenza?? Altro che panchine!! Non ci vuole stare nessuno li sotto, c’è d’aver paura a sostare li!!

    4. # ahime

      giustissimo; noto poi che lì una volta c’era il torricelli, ora non c’è un bar, un caffè, nulla; la libreria aperta al vecchio lazzeri con il ristorante è chiusa, insomma intorno è il vuoto assoluto. Insomma voglio dire che sarebbe bello tutto, ma se il centro città non lo ravvivi, sarà un grigiore immenso e basta

      1. # elit

        Se continuano con i parcheggi a pagamento stracari visto che chi paga sono solo i livornesi, altro che ravvivare il centro, ci sarà lo spopolamento del centro città, ma i 5 starà non se lo vogliono sentir dire.

        1. # Andrea

          Quando andate in centro mi spiegate dove andate a parcheggiare senza pagare?
          Sono anni che è così.
          Non capisco nemmeno le proteste dei commercianti visto che gli stalli blu consentono una rotazione maggiore.
          Quelli che giustamente si lamentano sono i residenti…… ma quando andate a giro nelle altre città, in centro parcheggiate gratis?
          Fate qualche esempio e no solo discorsi

    5. # arrivanoinostri

      Basta aspettare e tra poco la riqualificazione la farà la Lega visto che gli altri per i gravi problemi del Palazzo del Picchetto fanno finta di nulla !

      1. # Vincenzo

        Gli sgomberi li fa la questura….non l’amministrazione….

    6. # Veneziano

      Mi sembra giusto… Visto che va’ riqualificata la piazza iniziamo dal palazzo almeno dentro.

  6. # Dante

    Giusta dignità ? Ahah..mettiamoci anche le panchine così siamo apposto!! Ma ma la povera gente che ha occupato la caserma e il palazzo del Picchetto dove andranno a parcheggiare ?

  7. # centrostorico

    ripigliatevi..ve lo dico col cuore.avete ammazzato un quartiere già degradato,da palazzo del picchetto e poca sicurezza generale.avete tolto almeno 10 posti auto,per metterci una ciclabile,ed ai residenti non permettete neanche di parcheggiare(gratis) nel parcheggio coperto. La lettera B,ha solo 3 vie disponibili,e voi ben pensate di aiutare i cittadini in questa maniera,togliendo altro spazio auto,dopo averci fatto pagare oltretutto il contrassegno.Aspettiamo ora la differenziata… poi giù altre risate… SENZA PAROLE

  8. # LEGA prima gli ITALIANI

    Tengo il conto c’è lavoro per te

  9. # Ale

    Riqualificare il Palazzo sarebbe dovuta essere la priorità facendoci o un condominio o un museo o un albergo basta toglierlo al degrado della delinquenza che c’è e invece fanno la piazza….

  10. # TENGOILCONTO

    (SULLE NOTE DI MINA)…..PROGETTI PROGETTI PROGETTI …PROGETTI PROGETTI PROGETTI…PROGETTI PROGETTI PROGETTI SOLTANTO PROGETTI PER NOIIIIIIIIIII !

  11. # Emme

    L’ennesimo intervento inutile, o meglio totalmente scollato dal contesto. Prima eliminiamo i problemi intorno (leggi occupazioni dii locali pubblici da parte di non aventi diritto). Poi rifacciamo il look alle piazze. A meno che non sia previsto anche la ristrutturazione dei locali occupati.

  12. # Paolo Marconi

    Pietra forte fiorentina…non è che la squallida pietra serena che dopo pochi mesi si sbriciola in superfice essendo una arenaria…non capisco perché non utilizzano la pietra di luserna che hanno impiegato nella parte opposta della piazza e che dura secoli….ma l’ex palazzo del presidio è occupato da famiglie abusive o sbaglio??? Non sarebbe bene prima di fare la piazza togliere l’abusivismo dalla piazza…come tanti palazzi storici di Livorno?….Che devo dire rassegnamoci…al peggio non c’è mai fine!

    1. # Piero Felici

      Scusa ma la pietra forte è la bellissima e resistentissima pietra della facciata dei Palazzi Vecchio, Pitti e Strozzi. Peccato che in pratica non ne esista più, difatti verrà utilizzata una pietra “tipo” pietra forte, che con ogni probabilità sarà una ciofeca a basso costo.

      1. # Davide

        Nessun dubbio che la pietra forte (ocra) sia bellissima, ma era impiegata in “verticale”, per costruire palazzi, chiese, fortificazioni ecc. E principalmente nel fiorentino, non da noi sulla costa.
        In ” orizzontale”, cioe’ per lastricare piazze e strade un po’ in tutta Toscana si adoprava invece la pietra serena (grigia) detta genericamente “macigno”. Resta che sono tutte arenarie con i problemi del caso, anche se le caratteristiche variano da luogo a luogo. E concordo che sicuramente adopreranno qualche mediocre surrogato, pescato magari all’estero.
        Ma rimanendo al colore per la piazzetta del Picchetto, usare a terra una pietra ocra buttando via l’antico lastrico di macigno mi fa pensare che o la ricerca storica sia stata davvero scarsina, o che si sia fatta una gran confusione sui nomi delle pietre… ma non c’ era una volta l’ esame di Geologia ad Ingegneria o Architettura???

  13. # Livornese

    Scusate bellissimo progetto, niente da dire, ma la parte di fronte di Piazza Guerrazzi che è una cosa obbrobiosa e vergognosa con scritte sui muri la lasciano cosi? ma coraggio poveri noi andiamo avanti e aspettiamo Maggio.

  14. # ANTO

    Bene! Quelli che hanno occupato da anni il palazzo del picchetto ringraziano!! Era giusto sistemargli la piazza…Ormai che la zona è terra di nessuno fanno i lavori. Meglio tardi che mai direte, ma ho paura che sia tardi-tardi!

  15. # Luca3

    Se non si prevedono investimenti per la sicurezza, vedi Palazzo del Picchetto, spaccio e abusivismo, e vandali che prenderanno subito di mira fontana e arredi, e’ tutto inutile come all’Attias. Si pensa di abbellire e risanare la citta’ sempre e solo con l’edilizia. E’ una pia illusione! Si da’ lavoro solo alle imprese e agli architetti e subito vi sara’ lo stesso identico degrado.

  16. # cittadino

    bello il progetto ma ha poco senso con tutto quello che c’è da fare in città..mah?!

  17. # ZenEros un ci siamo

    Vai, TENGOILCONTO, aggiungi anche questa promessa che non sarà mantenuta.Tanto ormai ci siamo abituati a senti’ spara’ le bombe

  18. # Benjo

    Mah!non vogliamo costruirgli anche una bella fontana?!? A tutti quei bei signorini abusivi ed irregolari vogliamo togliergli il bidet 2 in 1 ??😠altro che fontana !!vai di Caterpillar (visto che non si può neanche parlare di ruspe)

  19. # Benjo

    Dimenticavo le fioriere :sicuramente sfruttate come tanti Vespasiani…..,perle ai porci e noi tiriamo fuori €600000 per l’ennesima castroneria….. bastaaaaaaaaa

  20. # StefanoL

    Fontana? Tre giorni e sarà piena di buste, carta ed ogni altro bendiddio… per non parlare di che ci si andrà a lavare.

  21. # freefree

    e vi dovete riqualificare ma voi !!!

  22. # Miky

    Solito intervento inutile fatto da improvvisi in cerca di consensi, in una città che hanno DISTRUTTO.
    Invece di sistemare il Picchetto e le strade tolgono altri posti auto.
    SIETE ROBBBBA DA TORTA…
    Chi vi rivota è un suicida…..

    Miky

  23. # VOLTONE

    dopo piazza Garibaldi. mah , ora piazza Guerrazzi un altro mah, dobbiamo socializzare con gli stranieri, ma gliel’avete detto anche a loro? A Livorno par d’ esse di gioca’ all’ oratorio pallone in fondo e pedalare a chi ci arriva prima, poi si vede. Per ora, penso che alla prossima votazione non ci resti che votare Salvini seccol. Per favore almeno prima di fare i lavori controllate bene la zona, sennò diventa anche quella zona franca come lo è ora ma almeno è a zero lire.

  24. # DIAMANTI

    spero solo che non diventi un bagno pubblico per coloro che non sanno dove andare a lavarsi, a fare i propri bisogni ed a bivaccare….

  25. # Rossano

    Bellissimo progetto così gli spacciacciatori avranno più panchine per sedersi e organizzarsi
    Ma se invece le telecamere che non funzionano in quella zona (piazza dei mille via terrazzini via della Pina d’oro ) cominciassero a funzionare e le strade che attualmente sono sterrate tipo viale carduci …venissero sistemate !!? TROPPO FACILE VERO !!!

  26. # luca

    Come da prassi non potevano mancare i commenti tipo:
    Dovevano tappare le buche sotto casa mia
    Dovevano fare i posti auto gratis sotto casa mia per me
    Etc etc
    C è sempre qualcosa di più urgente, a seconda dei gusti personali.
    Bel progetto, speriamo che parta e che arrivi alla fine lavori. E che poi venga mantenuto in condizioni dignitose, ma qui non dipende solo dall’ amministrazione ma anche da quei cittadini che impartiscono lezioni di civiltà ed educazione e poi li vedi , come questa mattina, signore impellicciate ( perché nel 2018 la pelliccia fa ancora salire sul gradino sociale indipendentemente dal contenuto della stessa)gettare dal finestrino dell’ auto mozziconi di sigaretta rigorosamente accesi.
    Tenerli in macchina da un senso di sporco, buttandoli per strada imveve è più semplice e si può tranquillamente dare la colpa ad altri e continuare a fare i moralisti.

    1. # antonino

      scusaci eh se le strade disastrate, il verde tento male, le cacche dei cani, la sporcizia e il degrado ci affliggono molto di più di quanto questa inutile opera possa fare… inutile e tra l’altro destinata ad fare una brutta fine, se mai dovesse essere finita, visto che il degrado della zona la renderà una latrina.
      ma è bello vedere che gente che ci crede a dispetto delle evidenze

  27. # Traf

    Daccordo con te luca, tanti chiacchieroni da tastiera che pensano solo al proprio orticello

  28. # nato in Borgo

    La solita superficiale cosmesi, ma una fabbrica che inquina e assume cento persone no?

  29. # Paolo

    Se la promessa viene mantenuta è un passo avanti per una riqualificazione del centro….poi i commenti negativi sono nella negativita’ delle persone. Piuttosto, il lato piazza prospiciente il monumento ?!? Due panchine e due fioriere anche li’ non stonerebbero affatto….

  30. # bellasenzanima

    Rifacimento strade la sistemano se la sistemano…. dopo un mese spaccano di nuovo perchè si son dimenticati un allaccio o un tubo è partito… la ritappano e ci viene un cratere grosso come una casa….mettono un palo con luce gialla e ti ci sta sei mesi fino che qualcuno la oiglia in pieno….mettono la fibra e sfanno una città…. ci sono più bue e crateri che su la luna…. ma cosa vuoi riqualificare….. le case le facciamo dalle fondamenta non dal tetto…. sicurezza poi il resto….

  31. # pier luigi

    #” gigi”
    Sono d’accordo per l’idea di rifare il look alla piazza GUERRAZZI, ,ma per i servizi igienici non ci pensa nessuno?
    Per quale motivo in citta’ e non solo non vengono installati ?
    A parte i cittadini che si trovano in difficolta’ per avere necessita’ dei suddetti servizi che debbono andare
    in qualche bar ( quando gli viene permesso) ma anche per dare un servizio ai croceristi o ai turisti,i quali
    piu’ di una volta mi hanno chiesto dove fossero e con mio grande dispiacere non ho sputo rispondergli.

  32. # Traf

    Pier luigi, Basta entrare in un bar, spendere 1 euro per un caffe’ e vai al bagno, non ce’ bisogno di chiedere permesso, da cliente e’ un diritto. I vespasiani pubblici se tenuti in maniera decorosa vanno gestiti quindi ti devi frugare ugualmente.
    Se speri di trovare bagni pubblici a gratis augurati di non prendere malattie oppure stai sognando che qualche volontario li pulisca

    1. # luca

      Vero però basterebbe aprire strutture adeguate e farle gestire o da cooperative sociali o da chi percepisce il reddito di inclusione….in altre città funziona così.
      Persone in difficoltà e giustamente percepiscono un reddito per tale difficoltà, dovrebbero essere obbligate a fornire un servizio.
      Servizio che magari non produce reddito , ma aiuta a mantenere la città più decorosa.
      Accompagnare chi non può a fare la spesa, visite mediche etc etc

      1. # maria elena

        a rimettere la schiavitù ci hai pensato?

        1. # Fabio

          Non é quistione di schiavitù. Giustamente chi vuole un reddito di cittadinanza dovrà pur contraccambiare con servizi al cittadino che lavora e paga le tasse per poterli dare un sostegno economico.

          1. # maria elena

            https://www.guidafisco.it/reddito-di-cittadinanza-5-stelle-cos-e-come-funziona-requisiti-2035

            Spero vivamente che il REDDITO DI CITTADINANZA non si concretizzi, come appare a prima vista, in una riforma peronista e che non sia volta a creare cittadini di serie A e di serie B , bravi a pulire i cessi e accompagnare gli anziani ecc.
            Dare le brioche al popolo affamato (Maria Antonietta, poi ghigliottinata…) sembra più facile che realizzare un piano industriale per il rilancio economico dell’Italia.

        2. # luca

          In Danimarca ed altri paesi notoriamente ” schiavisti ” viene percepito un reddito in cambio di lavori.E con lavori intendo lavori dignitosi che vengono svolti normalmente.
          A meno che non vengano considerati schiavi chi lavora in imprese di pulizia o con anziani.
          Probabilmente preferisci percepire un reddito ed andare al mare……

          1. # maria elena

            Non conosco la situazione in Danimarca.
            So che l’Italia è una REPUBBLICA FONDATA SUL LAVORO e quindi voglio un Governo in grado di creare lavoro!
            Lavoro serio, dignitoso e meritocratico; non che in cambio di un tozzo di pane vai a fare i lavoretti che dico io. E’ Democrazia questa?
            Non mi sembra di essermi espressa a favore del reddito di cittadinanza, forse ti è sfuggito…

  33. # Sorgentiiiiiii

    In piazza Dante – stazione – non dovevano essere fatti dei lavori di riqualificazione? E’ da 5 anni che se ne parla, ma ad oggi, alla stazione, purtroppo, solo degrado e sporcizia hanno un ruolo di primo piano.
    Cari politici, Livorno, non è solo centro storico, ma anche le periferie sono parte integrante della Città.

    1. # fabio

      capiscili, dovevano fare una cabinovia..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.