Cerca nel quotidiano:


Opere d’arte nelle rotatorie e nei parchi

Sculture e installazioni artistiche anche nei parchi e rotatorie, oltre che sulle piazze. Aurigi: "Abbiamo già ricevuto proposte interessanti di artisti"

martedì 20 novembre 2018 12:22

Mediagallery

La Giunta comunale ha deciso di aprire la città all’opportunità di ospitare sculture e installazioni artistiche negli spazi urbani pubblici. Se oggi scelte come l’installazione della A di Spagnoli o la V di Breschi sono dovute passare dal progetto specifico di riqualificazione delle piazze in cui sono installate, dal prossimo futuro l’amministrazione sancisce l’opportunità di questo tipo di interventi anche in spazi di risulta quali aree verdi, parchi o rotatorie. “Vogliamo arricchire la qualità estetica e culturale della città, attraverso espressioni artistiche significative e con questa decisione sveltiremo la burocrazia per farlo – dichiara Alessandro Aurigi, assessore a lavori pubblici e decoro urbano, a commento – Abbiamo già ricevuto proposte interessanti di artisti disposti a donarci il proprio progetto o direttamente la propria opera finita per vederla diventare parte costitutiva dello spazio urbano livornese – sottolinea Aurigi – Questo arricchimento culturale e patrimoniale, di cui beneficerebbero residenti e turisti, deve usufruire di percorsi di valutazione precisi, ma sganciati da dinamiche che oggi ci limitano la possibilità di collocare queste opere in una rotonda o uno slargo, per rigidità procedurali”. “Livorno – aggiunge Francesco Belais, assessore alla cultura – è oggi un importante centro dove si sviluppa l’arte urbana, dall’esperienza dei numerosi murales realizzati in questi ultimi due anni fino alla riqualificazione dello Scoglio della Regina con la scultura di Sandro Chia e di piazza della Vittoria con l’opera di Fabrizio Breschi. Vogliamo proseguire in questa direzione efficace di valorizzazione della città come spazio di accoglienza delle espressioni culturali contemporanee e continueremo ad includere in questo percorso anche le organizzazioni cittadine interessate a forme di sponsorizzazione”.

Riproduzione riservata ©

28 commenti

 
  1. # ZenEros rondofilo

    Io fossi in voi aspetterei dell’altro. E’ chiaro che un rondò può essere un’opportunità di arte e bellezza: non ci volevano le teste pensanti… Era ora. Speriamo che sia vero, nella città di Modigliani, dei macchiaioli, di un ottimo liceo artistico… Speriamo!

  2. # Sergio

    WOW come a Ponsacco! Com’è avanti questo assessore!

    1. # IO

      veramente come a Pontedera….

      1. # Sergio

        hai ragione scusa, non sono pratico della zona…comunque lì insomma hai capito…

  3. # Magari

    Intanto FATELE… stiamo aspettando in gloria la rotatoria angolo via Torino/via degli Etruschi… Poi se proprio ci tenete metteteci un po’ quello che vi pare.

  4. # Ale66

    Basta che poi tagliate l’erba sennò poi le opere d’arte non si vedono……

  5. # ste

    L’arte dovrebbe stare nelle piazze e non esposta in mezzo a rotatorie, fruibile fugacemente solo dagli automobilisti. Peraltro le linee guida sulla realizzazione di rotatorie sconsigliano fortemente l’installazione di oggetti al centro dei rondò per una questione di sicurezza della circolazione.

  6. # Ersilio

    Mi accontenterei se le tenessero pulite. Fate un giro a vedere le rotatorie intorno alla coop del levante / OBI / Decathlon… da paura!

  7. # ale

    le rotatorie prima andrebbero messe a norma, visto che nessuna rispetta le regole esatte di costruzione, questo crea incidenti, traffico e confonde gli utenti…..le sculture andrebbero installate solo alla fine

    1. # luca

      se non sono a norma basta fare una denuncia……..le chiacchere o il sentito dire invece sono altra cosa

  8. # LUCA

    L’idea può anche essere interessante…l’importante è non abbandonare queste sculture alla mercé dei soliti vandali e tenere l’erba delle rotatorie ben curata non come in alcune zone dove c’è la savana africana…

  9. # emme

    E dai! Ancora col futile. Qualche anno fa tutte le rotatorie o aiuole erano dotate di innaffiamento automatico che puntualmente durava non piu’ di un mese. Ora si punta alle grandi opere. Ai grandi artisti. Mi raccomando fate installare altre belle opere, magari altre lettere in stile modernista. Sono altra robba.

  10. # Checco Ioni

    Grande Alessandro! adesso pago molto più volentieri gli stalli blu e sono contento, quando sto in fila per il traffico caotico, di poter ammirare queste opere d’ arte!

  11. # Mr. Perfetto

    Pensavo che iniziative del genere meritassero plauso e non dileggio. Evidentemente la città, a leggere i commenti, merita di cadere in mano ai barbari.

    1. # fabio1

      A leggere il tuo commento sembra di vivere in una città perfetta. Forse i commenti qua sopra sono così perchè vi sono dei problemi primari da risolvere e che questi progetti (ancora altri progetti….), benchè siano migliorie, lasciano il tempo che trovano e danno quasi fastidio….

      1. # Andrea

        dovrebbero essere praticamente a costo zero.
        Con ” ci sono cose più importanti” non verrà fatto mai niente, perchè ogni abitante troverà un qualcosa di più importante di quello proposto, e siamo circa 160mila

        1. # fabio1

          allora che siano fatte; perchè pensare di farle, proporle per far sapere al cittadino che forse lo faranno (e noi cittadini comunque non avremmo voce in capitolo) ma che, come è solito di questa giunta, siamo sempre a livello di progetto con tempi stra-lunghi? Tra l’altro sono (sarebbero) a costo zero…

          1. # Andrea

            Concordo

    2. # ug8o nogarinINO sono 8

      non è quella iniziativa che merita dileggio, e tutto l’operato di questa amministrazion e che lo merita.

  12. # SCARPANTIBVS

    Infatti l’iniziativa è encomiabile, ma ad un patto:
    CHE SIANO OPERE D’ARTE!
    E non lattonierie verniciate o disegni i di bimbetti…
    Meglio una sola è importante o una bella pianta.
    Molto meglio.

  13. # pino

    non contesto il fatto di mettere opere d’arte,(ma possiamo chiamare opere d’arte le v di piazza Magenta?) ma se poi si abbandonano i parchi e i rondò fino a farli diventare della giungle a che servono? Se diventano solo pisciatoi per i cani . …….

  14. # Vero

    Non trovo un senso a questa cosa qui… Così la gente si mette a guardare l’opere d arte per creare traffico!! Io spero stiate scherzando!!!… Qui abbiamo bisogno di posti dove poterci divertire e abbiamo bisogno di lavoro Delle opere d arte un ci si fa proprio niente

  15. # Elisa

    Io prima di pensare alle rotatorie con annesse opere penserei alle buche (voragini) che ci sono in tutta Livorno. A me fate proprio ridere sembra che Aurigi viva in un altra città, strade distrutte erba alta 2 metri ovunque, lo sporco non si quantifica neanche piu e lui pensa all’opere d’arti.

    1. # Paolo

      Ma che città vedi. La mattina lavati il gli occhi o mettiti gli occhiali. La città con il porta a porta è più pulita ed il lungo mare molto meglio del passato

  16. # Nerd

    Non chiamiamole opere d’arte ma arredi urbani, elementi decorativi o qualcosa del genere.

  17. # Paolo

    L’ introduzione di piante, opere d’arte, fontane etc posizionate al centro della rotatoria favoriscono soltanto la diminuzione della visibilità da parte del guidatore.
    Quanto sopra si agrava ancor di più nel caso di rotatorie piccole come nella stragrande maggioranza di quelle presenti a Livorno.

  18. # Stella

    Sulle opere d’arte nei parchi pubblici, giardini, piazze, concordo. Sulle rotatorie no, per un fatto di visibilità e sicurezza. Però, per favore, che siano belle, no quelle buffonate tragicomiche tipo la A all’attias, la V, e via alfabetando!!!

  19. # elit

    A Pisa e dintorni (Pontedera peccioli ECC) sono anni che le rotatorie sono addobbate e ben tenute. Andate a vedere. Quindi se è stato possibile farlo a Pisa senza clamore, non si capisce perché a Livorno per fare qualcosa ci deve essere un progetto sbandierato come se fosse chissà cosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.