Cerca nel quotidiano:


Shangai, consegnate 60 nuove case popolari

Al posto del Blocco delle Signorine, in via Bixio, inaugurato un nuovo complesso abitativo da 4,7 milioni di euro e 5mila metri quadri che ospiterà 166 livornesi. Sorgente: "Presto nuove importanti assegnazioni"

martedì 24 luglio 2018 08:24

di Erica Giannetti

Mediagallery

“In giornate come queste ci si rende conto di quanto la buona politica possa davvero cambiare la vita delle persone”. Queste le parole del vicesindaco Stella Sorgente che insieme alla presidente di Casalp, Vanessa Soriani, ha consegnato nelle mattine del 23 e 24 luglio le chiavi di 60 nuovi alloggi realizzati dalla società che gestisce il patrimonio di edilizia residenziale pubblica del Comune di Livorno in via Nino Bixio a Shangai (foto di Simone Lanari).
Dove sorgeva il cosiddetto Blocco delle Signorine ora vi è un nuovo complesso abitativo che ospiterà 166 cittadini livornesi. Costata 4,7 milioni di euro, la struttura è composta da due stabili disposti a semicerchio alti tre piani e con 30 appartamenti ciascuno, coprendo una superficie complessiva di oltre cinquemila metri quadri.
Un intervento di rigenerazione urbana iniziato nel 2011 con l’abbattimento dell’isolato 419 e successivamente con l’affidamento della realizzazione, in seguito ad una procedura di gara, a una impresa di Modena. “Siamo molto soddisfatti – commenta Vanessa Soriani – perché oltre  a dare una risposta fattiva in  tempi record alla città, consegniamo degli edifici con caratteristiche e impianti all’avanguardia. L’edilizia residenziale pubblica non è solo dare risposta a un bisogno ma anche dare qualità”.
Gli assegnatari dei nuovi alloggi sono così suddivisi: 35 nuclei familiari dalla graduatoria ERP, 24 nuclei familiari dalla graduatoria mobilità e 1 nucleo familiare dalla graduatoria emergenza abitativa.
Le graduatorie sono tutt’altro che esaurite – aggiunge la vicesindaco – ma presto saremo in grado di fare nuove importanti assegnazioni e questo significa aver fatto una pianificazione efficace di lungo periodo, e di questo ringrazio l’ufficio Casa e chi lo ha guidato in questi anni”.

Riproduzione riservata ©

Allegati

24 commenti

 
  1. # Luca Catone

    Però…, basta fare una semplice divisione 4,7 milioni di euro diviso 166 cittadini fa 278mila euro a cittadino, non male per un appartamento di edilizia popolare!

    1. # dany

      4.700.000 / 166 = 28.313 euro a persona, 78.333 euro ad alloggio

    2. # MAH

      Talmente semplice che non ti è riuscita

    3. # maverick

      però.. sei bravo in matematica!!!

    4. # acciuga

      vedo che non e’ cosi semplice !!!

  2. # Stefano

    Vero,considerando che gli immobili sono abbassati di prezzo,e il mercato immobiliare e sempre in discesa,quanti appartamenti si poteva comprare con 4,7ml,alcuni magari vista mare e giardino?!.

    1. # Stalino

      quanti soldi si potevano risparmiare se ci fosse una legge che permettesse di utilizzare gli appartamenti sfitti di propieta’ di Banche e assicurazioni?

    2. # Ale

      Ma sapete fare i conti ??

    3. # acciuga

      …. ma eppure vaneggiate, deve essere il caldo !!

    4. # Gabriele Bettinetti

      Esistono le calcolatrici, Luca Catone. Devi solo schiacciare i tastini giusti prima di fare commenti sballati
      4700000 / 166 sono 28313 euro a persona, se i costi comprendono anche le opere di urbanizzazione e le progettazioni sono nella media delle case popolari

  3. # Gio

    Ma che razza di conti fate??? Qui si parla di 4,7 milioni di euro e di 60 appartamenti: “struttura è composta da due stabili disposti a semicerchio alti tre piani e con 30 appartamenti ciascuno” e quindi, come scrive “dany”, il costo di ciascun appartamento è stato di 78.333 euro.
    Va bene che c’è la crisi del mercato immobiliare, ma con una cifra così ridicola ci compri un monolocale, altro che “vista mare e giardino”! Andiamo, su…. se trollate, fatelo per bene….

  4. # u8go nogarinINO sono otto

    continuate cosi invece di fare rondò e stalli blu

  5. # Gino

    Bel gesto, dovuto…ma ancora case di brutta architettura, colori bruttissimi, che niente hanno a che vedere con il buon gusto del 800/900 livornese. Fare le cose belle costa quanto farle brutte. Abbasso il colore giallo….

  6. # pulcinelli natascia

    bravi ora intervenire anche sui tanti palazzi fatiscenti magari sulle facciate che cadono in testa ai pedoni.(vedi salviano e ….)

  7. # Magrignano

    Spett. Vice Sindaco Sig. Stella Sorgente Brava a consegnare gli alloggi, Ma Le chiedo di Pensare anche a chi non ha avuto bisogno di Casalp, si è indebitata, ha comprato casa al quartiere di Magrignano. NON SI SA PIU’ NULLA COMUNE SE CI SEI BATTI UN COLPO il tempo passa e tutto è come prima.
    Grazie

  8. # Aldo

    Luca & Stefano, se dovete criticare a prescindere almeno imparate a usare una calcolatrice

  9. # GIULIANA

    IL COMUNE CONSEGNA GLI ALLOGGI POPOLARI
    MAI CONTENTI A LIVORNO…
    NON HO PAROLE

    1. # Clever

      Hai ragione

  10. # Marco

    Dunque 2 stabili con tre piani ciascuno,ogni piano 30 appartamenti …………..&$*$£#*”€$£”€$$$$£%*””€:*#% mumble,mumble quanto fa?£$€÷€%8=÷8/%%¥^8£=180 unita locale,quindi come scrive l’amico gio ma i conti non sono contadini!

    1. # Gio

      Allora siete duri 😀 ma almeno l’avete data un’occhiata alle foto? Non sono 30 appartamenti ogni piano, ma ogni stabile!! Quindi in totale la struttura ha 60 appartamenti! Boia dè…

  11. # Simo

    Intanto il borgo di magrignano continua ad essere un quartiere fantasma con opere di urbanizzazione assenti e spazi comuni che non sa nessuno come amministrarli.
    Anche se la colpa è da ricondursi alla precedente amministrazione sarebbe l’ora di dare una risposta ai cittadini perché siamo veramente stanchi e sfiduciati

  12. # Ippolito

    Altro progetto delle precedenti amministrazioni. Dovrebbero inoltre rappresentare alla città la quantità di soldi persi per il recupero dei quartieri nord… Quello lo dovevano fare loro ma non ne parlano.

  13. # Federico

    Edilizia popolare, politica sociale, investimenti in cultura, questo è quello che dovrebbe fare una amministrazione di SINISTRA.
    Un ringraziamento alla giunta COSIMI, perché vorrei ricordare che queste case popolari, così come il museo della città sono stati realizzati grazie alla precedente giunta comunale.

    1. # u8go nogarinINO sono otto

      toh allora un è vero chre un hanno fatto nulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive