Cerca nel quotidiano:


Turismo, 24 corsi per disoccupati e imprenditori

Il progetto avrà una durata di 18 mesi e il numero complessivo dei partecipanti sarà 282

mercoledì 28 novembre 2018 08:23

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Si chiama “3 A.T” il progetto per il miglioramento dell’accoglienza e dell’attrattività delle aziende turistiche presentato il 27 novembre alla Confesercenti. Finanziato dalla Regione Toscana attraverso il Fondo di Sviluppo Europeo (l’ammontare dello stanziamento è di quasi 500mila euro),  il progetto ha l’intento di costruire un sistema integrato che coinvolga vari soggetti e che sia capace di rispondere alle richieste ai fabbisogni del settore turistico.
Sono stati oltre 40 gli enti sostenitori del progetto (tra Livorno e Grosseto) e 100 le imprese coinvolte, di cui 50 hanno accettato di ospitare in stage i partecipanti alle varie attività e 50 hanno aderito come destinatari di attività formative. Gran parte delle aziende aderenti si sono dichiarate disponibili all’assunzione degli allievi formati.
Partito ad agosto il progetto avrà una durata di 18 mesi e il numero complessivo dei partecipanti sarà 282. I corsi in programma sono ventiquattro: 9 sono rivolti a inattivi, inoccupati e disoccupati, 11 a imprenditori e ai loro dipendenti, mentre 4 saranno corsi per le imprese con consulenze specialistiche.
Si va dalla formazione per i cuochi, agli addetti al ricevimento, web e social media marketing, governanti ai piani degli hotel, addetti agli uffici turistici/agenzie di viaggio/tour operator.
“Questi corsi derivano dalla necessità di ridurre – ha spiegato il direttore di Confesercenti Alessandro Ciapini – la distanza tra la Toscana centrale, manifatturiera e produttiva, e quella costiera, in crisi da tempo. Lo sviluppo del territorio non può non passare dalla formazione”.
“Il settore turistico è fondamentale per l’economia della Toscana – gli ha fatto eco Camilla Bonelli, direttrice dell’agenzia Cescot Formazione – Siamo molto soddisfatti che tanti soggetti abbiano voluto aderire al nostro progetto”.
I corsi spaziano in tutta la provincia e arrivano fino a Grosseto. A Livorno città prenderanno avvio il corso di operatore per la ristorazione e di gestione dell’accoglienza e dell’informazione negli uffici turistici. Il bando per la ristorazione è già attivo e 10 sono i posti a disposizione. Il corso si articolerà in 900 ore, divise in 450 ore di stage, 230 ore di teoria e 220 di laboratorio. Il percorso sulla gestione dell’accoglienza sarà di 260 ore e le iscrizioni si apriranno nei primi mesi del prossimo anno.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.