Cerca nel quotidiano:


Festival AnniSettanta. Alla Mondadori Bookstore il romanzo di Lorenzo Greco

La presentazione del libro sarà introdotta dalla giornalista Sandra Mazzinghi che dialogherà con l'autore e con l'avvocato Andrea Ghezzani

mercoledì 14 novembre 2018 10:33

Mediagallery

Non poteva mancare Lorenzo Greco tra i protagonisti del Festival “AnniSettanta” che giovedì 15 novembre alle 18 presenterà il suo romanzo “Un’altra giovinezza veniva dal mare” (Vittoria Iguaza Editora) alla Mondadori Bookstore di Matteo Rosini (via Magenta, 23). Sarà introdotto dalla giornalista Sandra Mazzinghi e dialogherà con l’avvocato Andrea Ghezzani.

Il festival “AnniSettanta” è ideato e realizzato da TST Art Gallery, in collaborazione con Mondadori Bookstore Livorno, Itinera, Osteria La Barrocciaia, Gian Marco Casini Gallery e Taragaruz,  ed ha il patrocinio gratuito del Comune di Livorno.

Il libro – Siamo alla fine degli anni Sessanta e a Livorno alcuni giovani si riuniscono intorno a un progetto culturale presso la Compagnia dei lavoratori portuali, nelle cui sale affacciate sul porto si respira già quell’aria di libertà che attraversa tutto il paese. Si dibatte di idee politiche rivoluzionarie, di teorie pedagogiche innovative e un generale desiderio di cambiamento accomuna attivisti, studenti, operai e perfino un lungimirante dirigente. Nella città labronica si prova a sperimentare un doposcuola vagamente proletario e nasce una piccola biblioteca destinare a diventare, seppur per breve tempo, un importante crocevia di intellettuali provenienti da tutta Italia. Da Torino, infatti, un senatore della sinistra indipendente, un certo Franco Antonicelli, tramite un suo emissario scelto dell’ambiente di Einaudi, tiene d’occhio l’enorme potenziale del fenomeno in atto a Livorno e decide di incoraggiarlo impegnandosi personalmente. Quando poi egli scompare, è la moglie a dare la svolta decisiva alle intuizioni del senatore: una collezione di cinquantamila volumi parte dal Piemonte per arricchire biblioteca dei portuali.

Lorenzo Greco è stato professore ordinario di Sociologia della Comunicazione presso l’Accademia Navale di Livorno. Ha insegnato molti anni Letteratura Contemporanea all’Università di Pisa e Comunicazione letteraria nelle Università della California e del Wisconsin. È autore di saggi letterari e scientifici e di antologie poetiche. Come narratore ha esordito nel 1991 con il romanzo “Tecniche dell’adulterio” (Camunia) al quale fa seguito “Il Confessore di Cavour” (Manni) che è stato tra i finalisti del Premio Strega nel 2011. Negli anni Ottanta ha diretto la Fondazione Franco Antonicelli, ospitata nei locali della Compagnia Lavoratori Portuali di Livorno.

Andrea Ghezzani – Esercita la professione di avvocato da oltre 40 anni con un lungo impegno istituzionale. Presidente dell’Ordine per quattro mandati, componente del consiglio giudiziario della corte d’Appello di Firenze per 13 anni, relatore in numerosi convegni in materie giuridiche, è stato per un trentennio ai vertici della Labronica Corse Cavalli. Nipote di Gino Romiti , nonno materno, Andrea Ghezzani frequentava regolarmente lo studio del grande artista labronico.

I prossimi appuntamenti del festival AnniSettanta

Domenica 18 novembre (ore 17.30) a Palazzo Huigens (Via Borra, 35) un incontro ideato dalla cooperativa Itinera,  “A Livorno negli anni ’70: tutto inizia dal basso”, in collaborazione con Edizioni Erasmo.

Venerdì 30 novembre (ore 18) nei locali della TST Art Gallery, Antonio Valentini, giornalista, penna del Corriere della Sera e docente di comunicazione giornalistica all’Università di Pisa, terrà un incontro dal titolo “Vissuto e aspettative dei giovani negli anni ‘70”.

L’ingresso alle mostre, agli incontri e ai concerti è gratuito.

Info: 392-38.09.509.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.