Cerca nel quotidiano:


Festival “AnniSettanta”, secondo step con Pietro Contorno

In mezzo ai 20 scatti in bianco e nero del fotografo napoletano Vincenzo Starnone della mostra di inaugurata venerdì scorso, Contorno racconterà episodi di vita di degli anni della contestazione

venerdì 02 novembre 2018 09:51

Mediagallery

Secondo appuntamento del festival AnniSettanta negli spazi della TST Art Gallery (corso Amedeo, 196), venerdì 2 novembre (alle 19) con una serata dal titolo “Ti ricordi gli anni Settanta?” di e con Pietro Contorno.

In mezzo ai 20 scatti in bianco e nero del fotografo napoletano Vincenzo Starnone della mostra di inaugurata venerdì scorso, Contorno racconterà episodi di vita di degli anni della contestazione, un periodo in cui il pubblico e privato quasi non avevano un confine.

Pietro Contorno è presidente e direttore artistico dell’associazione Todomodo Music-All, una compagnia che da quasi trent’anni opera nella formazione musicale e artistica, una realtà aggregativa molto attiva nel sociale giovanile.

Ha realizzato spettacoli del genere musical e teatro-musica eseguiti interamente dal vivo sul territorio regionale, da Jesus Christ Superstar a Hair, da Cabaret a Cats per eventi pubblici con l’impiego di circa 90 tra cantanti, coristi, musicisti, ballerini, scenografi e con oltre 20mila spettatori.

Esattamente quarant’anni fa Pietro Contorno forma il gruppo cult del progressive rock livornese, I Tugs. Il gruppo storico comprendeva Contorno (voce e chitarra), Nicola Melani (Chitarra), Bruno Rotolo (Basso), Michele Lippi (Tastiere) Claudio Cecconi (Batteria). I primi approcci musicali sono con un repertorio beatlesiano, per passare in pochi mesi alla composizione originale. Da subito il gruppo si orienta verso il prog melodico con testi in italiano. Ultimamente il gruppo è tornato in attività con il progetto Europa Minor.

Info: www.todomodomusicall.org

I prossimi appuntamenti del festival AnniSettanta

Mercoledì 7 novembre all’Osteria La Barrocciaia di Tommaso Scalsi (piazza Cavallotti, 13) musica dal vivo con “Trio della cattiva strada”. Con i musicisti del “Trio” lo spettacolo sarà ispirato alla musica ed alla poesia di Fabrizio De Andrè.

Giovedì 8 novembre (alle 18) da Mondadori Bookstore Livorno (via Magenta, 23) presentazione del libro “Il figlio del terremoto” di Silvia Conforti, La vita felice edizioni. Veronica Galletta (docente della scuola di scrittura creativa Carver) introdurrà l’autrice.

Venerdì 9 novembre (ore 17.30) in collaborazione con Gian Marco Casini Gallery, Renato Spagnoli sarà il protagonista di una mostra ospitata da Taragaruz (via E. Rossi, 23): “Segni emblematici” del Maestro delle “A”.

Mercoledì 14 novembre all’Osteria La Barrocciaia di Tommaso Scalsi (piazza Cavallotti, 13), musica dal vivo il gruppo “Disperati Erotici”. La serata sarà uno scambio di ricordi di musica e testi di De Andrè e di Lucio Battisti.

Giovedì 15 novembre (alle 18)da Mondadori Bookstore Livorno (via Magenta, 23), presentazione del romanzo “Un’altra giovinezza veniva dal mare” di Lorenzo Greco, Vittoria Iguazu Editora. L’autore dialogherà con Sandra Mazzinghi e con l’avvocato Andrea Ghezzani.

Domenica 18 novembre (alle 17.30) a Palazzo Huigens (Via Borra, 35) un incontro ideato dalla cooperativa Itinera,  “A Livorno negli anni ’70: tutto inizia dal basso”, in collaborazione con Edizioni Erasmo.

venerdì 30 novembre (alle 18) nei locali della TST Art Gallery, Antonio Valentini, giornalista, penna del Corriere della Sera e docente di comunicazione giornalistica all’Università di Pisa, terrà un incontro dal titolo “Vissuto e aspettative dei giovani negli anni ‘70”.

Il festival “AnniSettanta” ha il patrocinio gratuito del Comune di Livorno. L’ingresso alle mostre, agli incontri e ai concerti è gratuito.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive