Cerca nel quotidiano:


Fra realtà e finzione, ciclo di incontri con gli autori

Giovedì 22, alle 17 in Provincia, l’autore Andrea Cotti parlerà del rapporto tra le esigenze narrative della fiction e la verosimiglianza con autentiche indagini. Gli incontri sono promossi dal sindacato autonomo di polizia

venerdì 16 novembre 2018 16:35

Mediagallery

Giovedì 22 novembre, alle 17, nella Sala Consiliare “Carlo Azeglio Ciampi” della Provincia di Livorno, si terrà il primo di una serie di eventi pubblici che il SAP di Livorno (Sindacato Autonomo di Polizia) ha organizzato sul tema “Polizia e Indagini, tra Realtà e Finzione” e che, attraverso interviste e incontri con gli autori più rappresentativi in Italia, intende analizzare il modo con cui la narrativa e la fiction rappresentano la Polizia di Stato nella sua attività di contrasto al crimine attraverso i romanzi, il cinema, il fumetto e le serie televisive. Il primo incontro si terrà con Andrea Cotti, scrittore e sceneggiatore, autore di romanzi noir e thriller come Tre (Bollati&Boringhieri), Stupido (EL/Einaudi Ragazzi, 2001/Rizzoli, 2008) e Un gioco da ragazze (Coloradonoir, 2005/Oscar Mondadori, 2008) e coautore televisivo de L’Ispettore Coliandro, per RAI Fiction, e Intelligence, Squadra Antimafia, Ris Roma e Squadra Mobile, prodotti da Taodue per Canale 5. Per il cinema ha scritto, tra gli altri, i film: Un gioco da ragazze (dal suo omonimo romanzo), prodotto da Coloradofilm e RAI cinema, Marpiccolo (dal suo romanzo Stupido), prodotto da Overlook Production e RAI cinema, e The Lithium Conspirancy, prodotto da EMME cinema e RAI cinema. Nell’incontro con il pubblico livornese, l’autore parlerà del rapporto che esiste tra le esigenze narrative e drammaturgiche della fiction e la verosimiglianza con autentiche indagini di polizia e si sottoporrà a un vero e proprio esame da parte di veri investigatori e del pubblico.

L’ultimo romanzo di Cotti, che verrà presentato nell’occasione, è Il Cinese (Rizzoli) in cui il protagonista è un vice Questore Aggiunto di origine cinese, dirigente del Commissariato di Torpignattara di Roma, alle prese con un atroce delitto che affonda le proprie radici tra il potere delle famigerate Triadi e il progetto di morte di un’oscura mente omicida.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.