Cerca nel quotidiano:


Il Vertigo inaugura la stagione con il vernacolo. In scena “L’assiurazione”

La Brigata dei dottori, compagnia storica di vernacolo pisano torna a Vertigo a grande richiesta perché da tre anni diverte il pubblico livornese, notoriamente amante del genere, con i suoi personaggi strampalati ma esilaranti

giovedì 04 ottobre 2018 15:33

Mediagallery

Parte ufficialmente la stagione teatrale 2018/19 del Teatro Vertigo di via del Pallone con una importante novità che riguarda l’orario di inizio degli spettacoli. Infatti da quest’anno gli show serali inizieranno alle 21 e i pomeridiani alle 17. Questo è stato deciso dalla direzione artistica, per favorire i parcheggi nelle vicinanze del teatro. Sabato 6 ottobre alle 21 e domenica 7 ottobre alle 17 quindi andrà in scena La Brigata dei Dottori di Pisa con lo spettacolo “L’assiurazione” di Gianfranco Peluso recentemente scomparso. Sarà quindi un’occasione per ricordare il prolifico autore pisano nella maniera che egli avrebbe voluto: con risate a non finire.
La Brigata dei dottori, compagnia storica di vernacolo pisano torna a Vertigo a grande richiesta perché da tre anni diverte il pubblico livornese, notoriamente amante del genere, con i suoi personaggi strampalati ma esilaranti.
Così la definisce l’autore: “L’assiurazione, patèma in du’ strazi di Giancarlo Peluso… L’astuzia degli uomini è infinita; quella delle Società Assicuratrici pure …”.
Con questa commedia si apre un nuovo filone nell’opera di Peluso. Infatti, qui, i personaggi sono mutati rispetto alle precedenti commedie. Invece dei simpatici componenti la famiglia Sbrana: Cesira, Colomba, Arturo ecc.. lo spettatore si trova alle prese con un nuovo nucleo familiare, quello di Rutilio Zizzoli, povero diavolo contornato dalle figure divertentissime della moglie Matilde, un pò scemòtta, della suocera arcigna Ardelia, del suocero credulone Nestore, di un amico un pò tonto (Beppino) e un altro (Osvaldo) che lo vogliono raggirare e una vistosa vecchia fiamma (Olga)e con un assicuratore malcapitato in mezzo a tanta dabbenaggine.
Sono personaggi coinvolti in una tentata truffa ai danni di una società assicuratrice che terminerà con un finale tutto da scoprire, non prima, però, di aver dato modo ai personaggi di sciorinare tutta una serie di battute, gag, mimiche che riescono a divertire lo spettatore, senza tralasciare quel soffio di bonaria umanità che, nelle commedie del Peluso, si eleva al di sopra delle sottili e talvolta ingenue cattiverie degli uomini.
In scena: Marco Geri (Rutilio) – Antonio Masoni (Nestore) Atos Davini (Matilde) – Valter Meocci (Beppino) – Leonardo Begliomini (Olga) – Giampaolo Gini (Osvaldo) – Alfonso Nardella (Ardelia) – Assiuratore – Valdo Mori (Assuratore) – Fabio Grassini (Postino)

Per info: 0586.210120 oppure all’indirizzo e-mail: [email protected]

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive