Cerca nel quotidiano:


Indignazione per il murale deturpato

Imbrattato Ciarle de Barrios a San Marco ad un mese dalla sua inaugurazione. Rame 13: "Sono sdegnata. Ora un crowdfunding". L'assessore Belais: "Dispetto". Indignazione anche via social

giovedì 25 ottobre 2018 18:43

di Chiara Dhimgjini

Mediagallery

Rame 13, insieme all’artista Moz, ha terminato giovedì 25 ottobre il murale di Appartenenza Labronica in via Mastacchi (clicca qui) ma non riesce ad essere felice al 100% dopo aver scoperto che l’altra sua creatura, Ciarle de Barrios a San Marco, è stata imbrattata (foto Lanari). “Non mi stupisco che un murale possa essere ridipinto – spiega l’artistaRame 13 – ma trovo di cattivo gusto lo spregio gratuito. E’ stata una “bimbettata”. Sono sdegnata”. Il dipinto è rimasto intatto un mese. Sono serviti 4 giorni per completarlo e pochi secondi per rovinarlo. Ad indignarsi non è solo Rame 13 ma tutto il mondo social, dove in molti hanno espresso il proprio dispiacere attraverso post e foto. Invitato a commentare l’accaduto, l’assessore alla cultura Francesco Belais non fa sconti: “Sono molto dispiaciuto perché sono belle immagini che riqualificano la piazza. Lo trovo un dispetto superato, il fare certi disegni è un qualcosa di infantile, che non diverte nessuno”. Rame 13 adesso spera che possa esserci un crowdfunding per poter ripulire, e perché no, ampliare il suo Ciarle de Barrios.

Riproduzione riservata ©

54 commenti

 
  1. # oduri

    Come è possibile convincere gli assessori che, causa l’inciviltà dilagante, l’unica difesa è quella di disseminare la città di telecamere? Lo hanno fatto molti altri Comuni di varia tendenza politica e funziona perfettamente e costa meno delle riparazioni!

    1. # Mr Robot

      Ben detto, sono anni che me lo auguro.
      Ma evidentemente si mangia più con le manutenzioni che con le telecamere.
      Sarebbe tanto facile, con le immagini prendi queste teste di legno e gli fai risistemare tutto. In più lavori socialmente utili, per n settimane.
      Quanto faresti presto a far risplendere Livorno…

  2. # Appassionato

    Non è che se c’è un muro uno ci deve per forza disegnare qualcosa.
    Ci vuole condivisione e Sostanza.
    Il murales di viiale nazario Sauro è lì da anni e per ora è apposto.
    Sdegno per il gesto e per la superficialità di chi vi ha autorizzato.

    1. # Cinzia

      Condivisione? Certo che c’è stata!!! Il disegno è stato votato dai cittadini residenti nel quartiere, e non, presso la galleria d’arte Uovo alla Pop, Scali delle Cantine!

    2. # Steve

      Ma come ragioni? Sdegno e’ per quei cretini che hanno fatto danno e persone che la pensano come te. Una volta che viene fatto un qualcosa piaccia o non piaccia si critica chi ha dato l’autorizzazione.

    3. # oduri

      E’ lì da solo un anno e appena finito qualche incivile si è divertito a spaccare la targa di plexiglass che lo segnala , forse Lei non se ne è neppure accorto !

  3. # AL1954

    Ma perché invece di dire crowdfunding, non dite colletta.

    1. # mi fate ride

      Perché credono di apparire più intelligenti. Non sanno quanti si sbagliano.

    2. # floyd

      In effetti è squallido non usare la propria lingua (peraltro più ricca e articolata dell’inglese, come riconoscono gli stessi anglosassoni che ce la invidiano…).

      1. # mi fate ride

        Il problema è proprio quello cioè che è più ricca ed articolata dell’inglese.

  4. # Luca

    Di fronte a “mondo social” , “crowfunding” ,”ciarle de barrios”,”moz” e “rame13” (ovviamente niente contro di loro, anzi bravissimi disegnatori ) scusatemi, ma non riesco a non provare un po’ di simpatia per quei maldestri, politicamente scorrettissimi, maleducati, infantili ed ingenui disegni di paduli anni ’70.
    Sembrano usciti da una macchina del tempo, non c’entrano niente con il 2018 ma li trovo comunque molto meno osceni del “mondo social” in cui viviamo .

  5. # Steve-indignato

    Una vergogna indiscrivibile.fai un qualcosa per abbellire la citta’ e per colpa di persone che non valgono niente tutto e’ rovinato. Mi auguro che queste persone vengano prese e condannate. Occorre una punizione esemplare.altrimenti meglio non fare nulla e portare la citta’ sul fondo.poi pero’ non lamentiamoci.

  6. # Michelangelo

    Quando non hai un… da fare…succede questo

  7. # [email protected]

    I nostri vicini Pisani lungimiranti hanno installato delle protezioni di vetro per proteggere l’opera di Keith Haring. Visto gli elementi che popolano la città dovremmo fare la stessa cosa in modo che siano lavabili.

    1. # picasso

      Resta l’inciviltà ma mi sembra un paragone appena appena azzardato !

  8. # Robe

    Mi meraviglio per chi si meraviglia… Ormai (purtroppo) questa è Livorno… questa è l’Italia… Sono ragazzate… Che ci vuoi fa?!?!?!

    1. # Giovane M.

      Le ragazzate le facciano a casa loro…voglio vedere quanto durano!
      La mentalità del “bada li” , “te lo immagini”, “cosa voi che sia”, “vabbè dai” …ma facciamo festa!
      vogliamo vivere tranquillamente e civilmente: basta rispettare le regole, ma TUTTI!

    2. # antonino

      non “ormai”.. è sempre stata così

  9. # Roby

    Che vergogna! Invece di essere contenti di poter sistemare un quartiere che è al degrado dietro quella piazza succede di tutto più controlli!!!

  10. # Gianni

    Sig. Luca,

    Nessuno si scandalizza per due paduli anni 70.
    Se ci avessero fatto due scarabocchi qualsiasi sarebbe stata la stessa cosa.
    E’ proprio quella voglia di essere cosi’ ganzi e simpatici che stimola questti figlioli diseducati a deturpare tutto cio’ che e’ bene comune alla ricerca appunto di un riconoscimento di simpatia come il suo. Oggi un murales, domani una panchina poi un lampione…boia deh siamo simpatici.. Me lo dice sempre il mi babbo!

    1. # Luca

      Sig. Gianni
      Guardi ,non c’entra niente la “livornesita’” intesa come quegli stucchevoli riferimenti al boia come siamo ganzi ,simpatici ,il salmastro ecc…e’ la scelta dello scarabocchio che e’ talmente grezza e rozza che fa quasi tenerezza di questi tempi .

  11. # Daniele

    Finché a Livorno l’ignoranza regnerà padrona…Non ci sono vie di scampo. Magari usciranno i colpevoli, saranno dei bimbetti, i genitori diranno…” cosa volete che sia..giù..una bravata”… Non facciamo una tragedia per due cazzetti.
    Tolleranza zero, punire sempre e tutti, il piccolo reato come il grande, solo così (forse) si potrà trovare una via d’uscita. Peccato, quante potenzialità avremmo…

  12. # fabio

    tutti a dire “Livorno ormai…” etc.
    ma c’eravate a Livorno quando presero a martellate le aquile attorno alla statua di Cavour perchè “fasciste”?
    C’eravate a Livorno quando in fortezza, dopo averla finalmente pulita, riscrivevano “MSI FUORILEGGE”?
    C’eravate a Livorno quando piazza Attias diventava il bronx e non c’era un m2 senza scritte (anni 80-90 almeno)..
    C’eravate quando la statua davanti alla baracchina bianca fu tinta di azzurro perchè “c’erano i mondiali”

    Come mai vi aspettavate qualcosa di meglio a San Marco?
    Livorno è SEMPRE stata così.. ovunque.
    Se fai un murales decorativo è OVVIO che te lo imbrattano. O cambi qualcosa usando dei dissuasori (telecamere/vetri/cosa ti pare) o tutto resta così. La gente non cambia perchè qualcuno ardentemente spera che lo faccia.

    1. # roberto

      La scritta MSI FUORILEGGE fa parte di Livorno, della sua storia, del suo vivere. Non è una semplice scritta sul muro.

      1. # fabio

        è vero fa parte di Livorno, come l’imbrattamento al murales fatto in piazza san marco dell’articolo. E’ la dimostrazione che i Livorno sono sempre stati così..
        Non stupiamoci quindi

      2. # Daffodil

        Infatti non è una scritta su un muro. È una scritta su una fortezza medicea del XVII secolo, patrimonio storico della città. Se vi sembra normale… in qualsiasi città del globo avrebbero tolto quello scritta dopo due giorni.

  13. # freefree

    questi sono i risultati di persone che vivono nell’ignoranza più assoluta dentro la nostra città e ce ne sono tante , come fanno a esistere ancora è un mistero

  14. # Patrizio Pesce

    Pura ignoranza livornese. Sono e rimango basito.

  15. # Mata

    Forse ,se invece di crowdfunding,fosse scritto raccolta di fondi ,sarebbe meglio.Basta con questi inglesismi!La gente non conosce l’italiano….figurati l’Inglese….

    1. # antonino

      Eh si, se ci fosse scritta raccolta fondi tutto questo non sarebbe successo, niente guerre e povertà..
      sveglia e ben venuto nel 2018.. l’inglese lo devi sape’

      1. # floyd

        Un conto è conoscere l’inglese, altro conto è inserirlo da tutte le parti, anche in articoli redatti da italiani, destinati ad essere letti da italiani e riguardanti cose italiane… Non sono piccolezze, bisogna stare attenti a non perdere la nostra identità, anche per rispettare meglio quelle altrui.

      2. # Mata

        Ora te lo spiego in parole povere: a me mi sa che te sei uno di “velli” che deve riomincia’ dall’abbecedario come pinocchio… hai ‘apito proprio tutto ir senso der mi discorso….ovvero
        Parla ome mangi dammi retta vai bello !

  16. # Ora basta

    L’ignoranza è ovunque e purtroppo non è soltanto un fenomeno diffuso a Livorno.
    Come già detto da altri commentatori l’unico modo per ricorrere ai ripari sono le telecamere.

  17. # Enrico

    Comunque se invece di pensare ai murales si investissero risorse per togliere la pipì e la cacchina dei canini sarebbe sicuramente più utile. Vi danno fastidio due membri su un disegno di dubbia bellezza però il puzzo di urina e di cacca vi piace.

    1. # Karl1

      Ben detto uno che dice la verità

      1. # L.B

        O come mai tutto questo interesse per un murales?? ci ha messo bocca anche l’assessore !la città è piena di scritte e di disegni !o sono ignorante io ma questo rame 13 e un non lo mai sentito ,poi con tutte queste parole straniere e ci vuole ma ir traduttore! non ho capito ma vogliono i vaini da noi ??seeee,magari dopo due giorni e ci riscrivono sopra e diventa tutto un frugassi

        1. # Benjo

          Lei è l’unico che ha fatto notare questo particolare …..tutti i giorni c’è sempre qualcuno che scrive o disegna cose vergognose (vedi la scritta Acab sulla statua di Piazza della Repubblica) cioè l’assessore o chi per lui mi faccia capire :offendere la polizia va bene e tutti zitti senza contare oltraggio alla statua stessa che fa parte della cultura livornese .anch’io come lei non conosco rame 13 .la vorrei invitare ad avere un po’ di umiltà come ce l’hanno avuta le forze dell’ordine che non hanno aperto bocca davanti a quella scritta infamante e tantomeno hanno chiesto una colletta a cittadini per cancellarla

    2. # Luca

      E ti sei dimenticato Le rotatorie, i parcheggi e le piste ciclabili……

    3. # Nanto

      Ma perché, forse una cosa esclude l’altra?
      Ognuno contribuisce come crede e come può, l’importante è rendere un luogo più accogliente e più piacevole da frequentare e se è oltre che pulito è anche bello, ben venga.
      Per ogni cosa fatta ce ne sono sempre altre 10 più importanti per chi parla, che comunque ben si guarda da prendere qualsiasi iniziativa per far fronte a questa mancanza.
      Passo da lì e provo tanta amarezza.

    4. # TASSA SUI CANI

      Livorno è una repubblica basata sui cani, secondo lei in una città dove tutti vanno all’ ipercoppe cor canino incollo ( dopo estenuanti battaglie popolari per togliere il divieto di ingresso ai cani) alla gente gli da noia vedere marciapiedi impregnati di urina ? Mi auguro che la giunta di Nogarin alla fine del mandato come colpo di coda introduca una bella tassa comunale sui cani per coprire l’incremento di spesa che il comune dovrà affrontare per ripulire lo schifo a giro.

      1. # Luca

        “Tutti vanno all’ Ipercoop con il canino in collo”

        Il problema sono quelli come Te, che commentano per sentito dire e per apparire.
        All’ Ipercoop ci vado tutti i giorni e dentro il supermercato in una settimana avrò visto 2 persone con ” il canino in collo ” .
        L articolo aveva come oggetto il vandalismo su un murales!!!!!!

  18. # Fabio

    Ragazzi sono daccordo con voi che é un atto incivile, ma chiamare oprere d’arte questi murales ci vuole coraggio.

    1. # L.B

      perché mi sono azzardato di dire che questo/a? rame 13 non la/o conosco non hanno pubblicato il mio commento! o forse era perché ho domandato cosa c’entra l’assessore ,perché se dovesse intervenire per ogni scritta o disegno sul muro dovrebbe parlare 24 ore su 24 !e ripeto se questa raccolta fondi dovremmo pagarla noi e dopo due giorni siamo daccapo è un va mica bene….. poi con tutti quei termini stranieri Mah!

  19. # Libero

    Io penso già ai commenti di certi adulti non qualificabili: “Ma cosa vuoi che sia, son bimbetti”!
    E intanto, così facendo e così giustificando, l’ignoranza cresce, dilaga e si consolida negli adulti, all’infinito!

  20. # VOLTONE

    telecamere e punizioni severe ormai sta sempre più finendo il gioco che tanti buonisti hanno permesso

  21. # Libero

    Io penso già ai commenti da parte di qualche adulto inqualificabile: “Ma cosa vuoi che sia, son bimbetti”!
    E così dicendo e così giustificando, l’ignoranza cresce, dilaga e si consolida nella mente fino in età adulta, all’infinito!

  22. # giancarlo

    DISCORSI , DISCORSI , DISCORSI… NON CAMBIA NIENTE, ANZI SI PEGGIORA!

  23. # Paolo58

    Forse per migliorare e abbellire la piazza basterebbe abbattere quei muretti di cemento armato che l’hanno ridotta un bunker e piantati un po’ di alberi. Costerebbe meno di tanti disegni, vandalismi e telecamere

    1. # emme

      Si, magari piantandoci delle belle palme delle canarie………

  24. # 5 Stats

    Telecamere, prendere i responsabili: se maggiorenni denuncia e risarcire.. se minorenni come probabilmente lo sono spesso, far ripagare ai genitori….

  25. # Emme

    Quanti discorsi per qualche padulo! A Llvorno è sempre stato cosî.Va messo in conto. Poi non è che abbiano deturpato un opera importante

    1. # Nanto

      Qui si tratta di RISPETTO.
      Che anche chi scrive dimostra di non sapere di cosa si tratta.
      Rispettare il lavoro di altri che piaccia o non piaccia.

  26. # VOLTONE

    più murales con disegni della fortezza, della terrazza, dei fossi, di ciano, del santuario di montenero, di tutto ciò che siamo noi livornesi, riempiamo la città, ad ogni disegno murales una targa descrittiva sotto. SEMPRE FORZA LIVORNO, dimenticavo sotto la stazione davanti ai treni che passano mettere foto giganti di livorno con tutte le sue bellezze. Facciamoci vedere

    1. # Benjo

      Sulla tematica dei soggetti posso essere d’accordo. “Riempire la citta” anche no stiamo parlando di murales non di affreschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive