Cerca nel quotidiano:


L’ansia, come trasformarla da nemica ad amica. Se ne parla al Palazzo

L'appuntamento è per venerdì 26 ottobre all'Hotel Palazzo a partire dalle 18

giovedì 25 ottobre 2018 16:11

Mediagallery

di Martina De Domenico

L’ansia. E’ questo l’apparente grande nemico del quotidiano,  rivalutato nelle pagine del libro “Il benessere personale ed organizzativo” del professore Mario Mengheri.  Ed è quello di cui siè parlato durante la conferenza stampa di presentazione all’interno della sede della Confcommercio di Livorno (via Serristori, 15) che ha preceduto ed annunciato un workshop sul tema che si terrà venerdì 26 ottobre all’Hotel Palazzo alle 18 dal titolo “L’ansia, se amica, promuove la salute”.

“Abbiamo ritenuto molto importante per la nostra associazione promuovere questo lavoro che deve essere un  faro nella gestione dei rapporti all’interno di una organizzazione aziendale – sostiene  Alessio Carraresi presidente provinciale di Confcommercio – Noi siamo a favore di una visione olistica piuttosto che scollegata dall’individuo, una visione  in cui viene considerata in primis la persona ed  in particolare il collaboratore. L’importanza è di dare  strumenti che, apportando un miglioramento alla persona, immediatamente essi si riflettano sul modo di lavorare e sull’organizzazione aziendale soprattutto nelle piccole e micro imprese sia in campo relazionale che produttivo. Un collaboratore che sta bene ed è inserito in una azienda le cui dinamiche sono chiare, semplici e pulite, è un lavoratore che inevitabilmente rende molto di più e meglio”.
E’ in quest’ottica che Mengheri ha messo a punto una sorta di programma attraverso il quale viene completamente ribaltato  il concetto di ansia e dell’accezione negativa che con essa da sempre convive. Da noto nemico invalidante si trasforma, grazie ad un  processo di consapevolezza che appoggia sul mito, in “termometro di qualcosa di disfunzionale che sta accadendo alla persona“.
Un campanello di allarme quindi da non sottovalutare ma che è meglio  leggere come  un messaggio della psiche sul quale è necessario porre una particolare attenzione per poterne individuare le cause e poterlo  usare in nostro favore piuttosto che subirlo.
Mito, teorie del noto psichiatra svizzero Carl Gustav Jung e lavoro “sono messi insieme per la prima volta in Italia – afferma Mengerhi – per  raggiungere quel livello di consapevolezza  necessario ad  una  armonia e benessere in primis personale ma che indiscutibilmente si riflette  sull’azienda ed il luogo di lavoro”.
Per info: 0586/89.25.71.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive