Cerca nel quotidiano:


In Fortezza Vecchia torna l’Acqua Cheta

L'operetta sarà in scena sul palco della Fortezza Vecchia di Livorno (piazzale della Cisterna) venerdì 20 luglio alle 21,15 in una unica rappresentazione

giovedì 19 luglio 2018 08:22

Mediagallery

Torna sui palcoscenici labronici L’Acqua Cheta, l’operetta Toscana per eccellenza più amata dal pubblico presentata dalla Compagnia Vinoperarte in collaborazione con Cronosax, la Compagnia Lirica Livornese e il nuovo teatro dell’Aglio. L’operetta sarà in scena sul palco della Fortezza Vecchia di Livorno (piazzale della Cisterna) venerdì 20 luglio alle 21,15 in una unica rappresentazione. Nel panorama della piccola lirica italiana, L’Acqua Cheta di Giuseppe Pietri è da considerarsi uno dei migliori prodotti del teatro leggero italiano per la piacevolezza delle musiche e per il brillante testo tratto dall’omonima commedia in vernacolo fiorentino di Augusto Novelli del 1908. Dopo la prima rappresentazione nel 1920 a Roma de «L’acqua cheta», un giornale scrisse, con ragione, che era nata l’operetta italiana. Non più principesse o viveurs, lustrini o champagne, lusso di palazzi o ambasciate, ma la vita delle sartine, degli studenti, delle mamme generose, delle piccole borgate di periferia. Protagonista della svolta è il toscano Giuseppe Pietri, nato nel 1886, che, a trent’anni, inizia con successo la sua carriera di compositore con «Calendimaggio» per arrivare al suo capolavoro «Addio Giovinezza» nel 1915. L’Acqua Cheta è molto vicina alla commedia musicale, con temi noti al grande pubblico (si ricordi «Com’è bello guidare i cavalli») l’operetta è ambientata nella Firenze anni 20 e tratta le vicissitudini di una famiglia borghese con momenti di forte impatto spettacolare e visivo, sui quali spicca la celebre «Rificolona». L’ allestimento sarà fresco e frizzante di taglio tradizionale ma con alcune novità che vedranno impegnati nel cast il soprano Chiara Mattioli (Anita), il tenore Claudio Ciampi (Cecchino), il soprano Alice Salvadori (Ida), gli attori Aldo Corsi (Sor Ulisse), Aldo Puglia (Stinchi), Franco Bocci ( Alfredo), Elisabetta Macchia (Sora Rosa) , Maurizio Cannovaro (il notaio Asdrubale) , Gianluigi Flauret ( il giornalista Bigatti), Ombretta Mennella (Zaira), Fulvia Belloni (Anna) e Cinzia Giannoni (Teresa). La direzione musicale dello spettacolo sarà di Paolo Filidei al pianoforte insieme a Simone Faraoni alla fisarmonica e Ala Melnic al violino.

Per la prevendita dei biglietti e informazioni chiamare 338.9968869 oppure 339.7768203. I biglietti sono disponibili al Bar della Fortezza Vecchia tutti i giorni dalle 9.00 alle 20,00 oppure all’ingresso della Fortezza Vecchia dalle ore 19.30 del giorno stesso dello spettacolo. Ingresso per la Fortezza Vecchia dal Varco Fortezza Piazzale dei Marmi 1 oppure dal ponte mobile situato in piazza del Pamiglione lato palazzo del Portuale.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.