Cerca nel quotidiano:


“Nencio”, il fisioterapista dice addio (in lacrime) dopo 24 anni al baseball giocato

Iniziò a giocare sul diamante all'età di 6 anni guardando il padre sporcarsi la divisa di terra rossa. Adesso a 30 anni, dopo una vita passata a lanciare dal monte, appende il guanto al chiodo

lunedì 17 settembre 2018 00:00

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Non servono gli stadi pieni, i nachos affogati nel guacamole sugli spalti, il merchandising e la Mela che si alza dall’esterno centro ad ogni homer sparato al cielo per inumidire gli occhi dopo il tuo ultimo lancio. Serve avere un guantone, serve aver sudato per 24 anni su quel diamante, settimana dopo settimana, serve aver visto tuo padre sporcarsi di terra rossa quando tu ancora non sapevi tenere una penna in mano ma sapevi già lanciare a tre dita verso la prima base. Serve avere un cuore come quello di Claudio Nencini, per tutti “Nencio”, 30 anni fisioterapista e osteopata nella vita e pitcher, o lanciatore per dirla all’italiana, la domenica pomeriggio.
Così ecco l’ultimo lancio di una carriera da “minors”, di una vita da mediano per dirla alla Ligabue, di uno che ha sudato e non ha chiesto, di uno che ha mangiato pane e strike out fin da quando, all’età di sei anni, il manager della squadra non lo vide tifare per il babbo che stava giocando in campo. “Perché non lo porti a provare domani?”… e da lì un binario lungo una vita.
Il baseball lo ha colto cucciolo, lo ha mangiato adolescente e lo ha digerito uomo. Un uomo che a trent’anni non sente i dolori più assurdi che questo sport ti può dare per giocare ancora un altro inning, per lanciare ancora l’ultima curva quando il tuo gomito urla e la tua spalla piange dal dolore. Ma tu sai che ne hai ancora una. Ancora l’ultimo effetto.
Così, domenica 16 settembre intorno alle 18, quando dalla panchina hanno chiamato time out per farlo “scendere dal monte” contro il Montefiascone nel match di serie B in cui milita il Livorno Baseball (clicca qui per vedere il video dell’addio) le lacrime sono scese giù. Tutto appannato. Flipper in tilt e palla in buca. “Un’emozione incredibile – ha commentato a caldo Nencini – Già da una settimana mi commuovevo al solo pensare a questo momento. Quando è arrivato non ho retto. E poi vedere la tribuna in piedi che gridava il mio nome. Non ho retto e mi sono commosso. Sin dall’inizio quando, al primo inning, ho fatto il primo lancio e i miei compagni di squadra hanno chiamato tempo uscendo tutti dal dugout per tributarmi un applauso insieme agli avversari della squadra ospite. Gli otto lanci successivi sono stati ball. Sono andato subito in panne. Per fortuna che poi mi sono rimesso in carreggiata e sono riuscito a chiudere i miei sei, ultimi, inning in maniera dignitosa con 6 kappa e 5 valide concesse”.
Adesso il futuro. Un futuro che parla già al presente e vede Claudio come fisioterapista della nazionale under 16. “Un futuro a bordo campo in veste diversa – commenta un emozionato Nencini – E perché no… un giorno magari in nazionale maggiore…”.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Paolo nencini

    Bravo
    Ma non tutto è finito
    Aspettiamo un altro “nencino🤗🤗🤗
    Babbo

  2. # Alessio

    E bravi i Nencini, junior e senior… da 2 uomini e sportivi un importante contributo per questa disciplina cosiddetta “minore” di cui tanto Livorno ha ancora bisogno.
    Grazie

  3. # LAURA PEDRI

    IL MIO RICORDO VA’ A QUANDO QUELLA MAZZA ERA PIU’ ALTA DI TE , TE CHE ERI IL PIU’ PICCOLO DELLA SQUADRA E TI LASCIAVANO IN PANCHINA PERCHE’ NON AVEVI ANCORA L’ETA’ PER ENTRARE IN CAMPO, TE CHE PERO’ CON LA TUA GRINTA E TENACIA HAI DIMOSTRATO CHE NELLA VITA VOLERE E’ POTERE !!! TI VOGLIO UN MONDO DI BENE !!
    MAMMA

  4. # Marco Sisi

    Questo è il vero sport. Passione e cuore, non contratti milionari, falli simulati, sputi o testate.

  5. # Mauro Martelli

    Ciao Nencio, non ti conosco, ma leggendo l’articolo posso capire quanta passione e dedizione hai dato a questo sport e per questo ti ammiro. Noi che pratichiamo gli sport “minori” viviamo di piccole emozioni ….quelle che rendono il cuore grande di gioia. Complimenti. Mauro

  6. # piero

    IO NON TI CONOSCO E NON CONOSCO QUESTO SPORT MA SOLO CHI HA SUDATO VALE QUANTO UN CAMPIONE … SE NON DI PIU’ . TU HAI VINTO AMICO MIO .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.