Cerca nel quotidiano:


Gettate le basi per il Museo del Remo

Con l'acquisto dello storico gozzo "Camici" dell'Ovosodo e con la riapertura della cantina (ex Antignano) adiacente alla sede del Palio Marinaro Quercioli e Salvetti lanciano il futuro percorso museale

mercoledì 03 Luglio 2019 17:56

Mediagallery

Qui nascerà il Museo del Remo livornese. Qui i turisti e i livornesi potranno scendere a “pelo d’acqua” e immergersi nelle tradizioni, nel folklore e nella storia dei gozzi e delle gare remiere (clicca qui per vedere la diretta FB dell’inaugurazione e il tour della cantina dell’ex Antignano). Siamo sugli scali d’Azeglio, cantina del Palio Marinaro. Accanto, “a parete” come si direbbe qui dalle nostre parti, dopo anni di portoni chiusi e lucchetti, si sono spalancate le ante dell’ex cantina dell’Antignano, presa in carico dal comitato organizzatore del Palio Marinaro che la destinerà, in parte, al prossimo percorso museale che lo stesso Maurizio Quercioli, presidente del comitato organizzatore, vorrà destinare proprio in questi locali. “E’ un giorno importante per il Palio e per i mondo remiero – ha detto Quercioli durante la cerimonia di inaugurazione – Da qui si parte e si gettano le basi per il prossimo percorso museale del remo livornese. Insieme alla cantina del Palio infatti, questi locali saranno in parte destinati al Museo. Una parte, invece, saranno la casa di chi vorrà allenarsi e, proprio in fase di rilancio del remo in rosa, chiunque volesse costruire e allenare un gozzo femminile, ma non avesse gli spazi, sarebbe bello che lo potesse fare qui”.
All’interno del polo museale che verrà non potrà mancare neanche la storica e mitica imbarcazione che fu dell’Ovosodo a partire dagli anni ’50 fino alla riforma del 1973.
Stiamo parlando del gozzo “A. Camici” protagonista di epici scontri in mare aperto. Mercoledì 3 luglio è stata anche la mattina dedicata alla firma ufficiale che sancisce l’acquisto da parte di Comune e Palio Marinaro dell’imbarcazione che verrà ospitata all’interno delle mura della sede del Palio proprio in ottica di rivalorizzazione delle tradizioni remiere cittadine.
“Volevo ringraziare in primis Maurizio Quercioli per il lavoro che sta facendo per rimettere ordine nel mondo delle gare remiere. Che è l’obiettivo principale. Perché nell’ordine si lavora meglio – ha detto il sindaco Luca Salvetti, arrivato, per la cronaca, all’appuntamento sugli scali d’Azeglio in bicicletta – Grazie anche al Demanio per averci consentito di regolarizzare la situazione senza grandi problemi. E grazie anche gli amici dell’Ovosodo per aver messo a disposizione il gozzo Camici in questo percorso fatto di ricordi e cimeli e salvaguardia delle tradizioni. Qui ci sono delle bellezze uniche che noi dobbiamo trovare il modo di valorizzare. E questi sono i primi passi concreti che abbiamo messo in campo”.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Giacomo

    Penso che Quercioli stia facendo tantissime belle cose per questa tradizione, anche in chiave di spendibilità per il turismo. Bravo!

  2. # PAOLO VACCARI

    ci sarebbe stata bene anche una parola di ricordo del compianto dr, Mario Camici, grande appassionato del remo presso la Unione Canottieri Livornesi al quale il rione volle intestare il proprio gozzo

  3. # Mario V.

    Maurizio sei tanta roba!!
    Continua così che se ti candidi ti voto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.