Cerca nel quotidiano:


Meloria-Capraia a nuoto. L’impresa (non) impossibile di 6 livornesi

Vittorio Bardini, Davide Chiaverini, Mario Corrias, Giulio Del Bravo, Lucilla Mancini e Guido Nelli si sono alternati dalla Meloria per percorrere 70 km in 17 ore circa. Il ricavato dell'evento all'Admo

mercoledì 01 agosto 2018 09:58

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Meloria – Capraia… a nuoto: un’impresa impossibile per molti, ma non per i sei atleti livornesi Vittorio Bardini, Davide Chiaverini, Mario Corrias, Giulio Del Bravo, Lucilla Mancini e Guido Nelli che per questa ennesima sfida hanno intrapreso la fatidica traversata nella notte tra sabato 28 e domenica 29.
Per esigenze legate al passaggio dei traghetti l’evento ha avuto inizio all’una di notte di domenica 29 luglio, momento in cui gli atleti sono partiti dalla Torre della Meloria in direzione isola di Capraia e, seguiti e supportati da due imbarcazioni a vela, si sono alternati per percorrere la distanza di circa 70 km al ritmo di 4km/h per una durata totale di circa 17 ore. Il ricavato di questa manifestazione sportiva sarà interamente devoluto all’Associazione donatori midollo osseo (Admo).
La manifestazione si è svolta in collaborazione con il Comune di Capraia, la Lega navale italiana e la Pro Loco Capraia.
“Quest’anno, oltre alla consueta offerta, ci sarà per l’associazione Admo un altro regalo da parte nostra – ha raccontato il nuotatore Davide Chiaverini raggiunto al telefono da Quilivorno.it – il ricavato della vendita delle magliette pubblicizzanti l’evento è stato investito in parte nella realizzazione di un video che raccontasse questa traversata e che allo stesso tempo facesse capire l’importanza di un’associazione come Admo. Infatti, ogni anno l’associazione è costretta a spendere gran parte delle proprie risorse in pubblicità. Con questo video, interamente donato da noi, speriamo per il prossimo anno di aver dato un grande aiuto a questa splendida associazione”.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # #UnoACaso

    Bravi ! Come uomini e come atleti ! qualsiasi iniziativa che faccia della sana beneficenza è sempre da a ammirare e lodare !

  2. # Emme

    Per queste cose di poco impegno (video) dovrebbe essere possibile che chi prepara il video lo doni gratis direttamente (ce ne sono a centinaia che sono capaci). Si farebbe prima senza tutta questa macchina organizzativa. È più facile trovare uno o due persone disponibili che 50.

  3. # serena

    BRAVISSIMI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive