Cerca nel quotidiano:


Una bella storia e un buon vino

Venerdì, ore 19 Mercato: il “DiVento” prodotto da “Donne della vite”

mercoledì 14 Dicembre 2016 12:43

di Alessandra Martuscelli

Mediagallery

Un vino speciale, sostenibile e solidale, realizzato da donne per offrirne il ricavato ad altre donne, verrà presentato e venduto, venerdì prossimo, 16 dicembre, alle 19.00, nello spazio “Cultura a Peso”, Salone delle Gabbrigiane, all’interno del Mercato delle Vettovaglie. Si tratta del vino “DiVento” prodotto dall’associazione “Donne della vite”, protagoniste di un progetto di solidarietà molto bello e in armonia con il periodo natalizio che stiamo vivendo. Il ricavato di “DiVento” andrà, infatti, alla “Casa di Anita” in Kenya, che accoglie le bambine di strada di Nairobi, dando loro una diversa opportunità di vita, intitolata alla memoria di Anita Pavesi, giudice onorario del tribunale dei Minori di Milano, scomparsa nel 1998 dopo venti anni di impegno sociale.

Le “Donne della vite” sono agronome, operatrici agricole, enologhe, ricercatrici, giornaliste, comunicatrici, ma anche creative, che hanno quale denominatore comune la vite e fanno parte del mondo che gira intorno al pregiato albero. La loro attività è ispirata ai valori di etica, estetica e bellezza, fatta anche di strumenti e modi nuovi, con cui svolgere attività culturali, formative e divulgative, per costruire, intorno al vino, una rete culturale di incontro, crescita e impegno sociale. Per quanto riguarda il nuovo progetto, così ne parla Alessandra Biondi Bartolini, tra le fondatrici delle “Donne della Vite”: “DiVento annata 2016 è un bianco aromatico, ottenuto dalla vinificazione di uve prodotte con tecniche agronomiche a basso impatto ambientale e con l’applicazione delle migliori tecniche di vinificazione e di controllo disponibili in campo enologico”.

“Da sempre -aggiunge Valeria Fasoli, agronomo e presidente dell’associazione­- penso che il vino non sia buono a prescindere, ma per la storia che racconta e che un vino non si ricorda soltanto per le sue caratteristiche organolettiche, ma per la situazione in cui si beve. È per questo che non dimenticherò DiVento, per come è nata l’idea di farlo, per la sua finalità e perché è un vino che nasce dalla forza degli ideali di un gruppo che ha unito cuore e mente per realizzarlo. Sarà emozionante berlo insieme agli amici, offrirlo, raccontarlo, condividerlo e ricordare che aiuterà le bambine di strada di Nairobi”.

Le bottiglie di “DiVento” saranno disponibili, per chi vorrà acquistarle durante la serata, con un’offerta minima di 10 Euro a bottiglia. Tutto il ricavato sarà devoluto al progetto della “Casa di Anita”. Il banco “Cultura a Peso” è gestito da Itinera Progetti e Ricerche, ancora una volta una società costituita soprattutto da donne, ancora una volta con un forte impegno nella cultura e nel sociale.

Itinera ricorda che è possibile raggiungere il centro in auto, parcheggiando poi facilmente all’Odeon a poco più di 300 metri dal Mercato Coperto.

Sul sito di “Donne della Vite” www.donnedellavite.com è possibile trovare ulteriori informazioni sull’associazione e sul progetto “DiVento”.

 divento-8

 

 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.