Cerca nel quotidiano:


Il Comune chiede idee e proposte ai cittadini

Incontro-dibattito, alla “Goldonetta”, su come rilanciare il centro citttà

venerdì 05 Dicembre 2014 12:56

di Redazione

Mediagallery

Chiunque intenda presentare suggerimenti, richieste o proposte finalizzati al rilancio economico e commerciale della città è invitato dal Comune di Livorno a partecipare all’incontro-dibattito, organizzato dall’Assessorato al Commercio, che si terrà il 9 dicembre prossimo, alle 21, alla “Goldonetta”. Tema della serata “Mobilità, commercio e turismo: la rinascita del tessuto urbano”, nel quale si integrano i tre elementi fondamentali per dare vita ad un piano strategico ed unitario, utile a riportare Livorno alla sua vocazione originaria: la vocazione commerciale e turistica.
Il sindaco Filippo Nogarin e l’assessore al Commercio Paola Baldari intendono, con questo evento, “chiamare a raccolta” tutti coloro che lavorano nei settori del commercio e del turismo o che, per vari motivi, sono interessati alle problematiche di tali settori.
Fra gli approfondimenti che saranno oggetto di discussione, quello relativo all’ipotesi di creare nuove e più ampie aree pedonalizzate. “Vogliamo dimostrare -afferma l’assessore Baldari- che la pedonalizzazione può portare vantaggi al turismo e al commercio, in quanto aumenta la qualità della vita nel cento città e ne incentiva la frequentazione”. La pedonalizzazione, infatti, non renderebbe, a giudizio degli amministratori, le aree commerciali e mercatali “isolate” o “irraggiungibili”, ma solo più vivibili. Con un sistema ancor meglio organizzato e sfruttato di servizi pubblici e di parcheggi, non solo andare in centro risulterebbe più facile, ma, grazie alla mancanza di auto (quindi di rumore e smog), anche più piacevole.
Oltre agli interventi di Nogarin e Baldari, sono previsti quelli degli assessori Nicola Perullo (Turismo e Marketing territoriale) e Giovanni Gordiani (Ambiente e Mobilità), di Luca Di Fonzo (presidente FIAB Livorno – Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e di due docenti universitari: Luca Tamini (docente al Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano) che parlerà di “Politiche attive dei servizi commerciali: proposte e strategie per la rigenerazione urbana” e Michele Antonio Fino (professore associato di Diritto Romano e dell’Antichità dell’ “UNISG – Università degli Studi di Scienza Gastronomiche con sede a Bra, in provincia di Cuneo) che tratterà il tema “Ripensare il cibo in città: strategie e sistemi per l’approvvigionamento alimentare, la valorizzazione dell’elemento locale e la riduzione dello spreco”.

Riproduzione riservata ©

32 commenti

 
  1. # Mercato Centrale

    Rischiamo di essere ripetitivi, ma nessuno ci potrà dire di non avere le idee chiare.
    Premessa: anche ieri, già ci sono state comunicazioni per mail e incontri con gli assessori, abbiamo avuto,a seguito di un invito dal Sindaco, un incontro con il primo cittadino e l’assessore al commercio.
    Dopo i primi interventi degli esercenti gli è stato ricordato che abbiamo pronto un progetto che guarda a tutto tondo per la rivitalizzazione di un’area, un percorso partecipato con le risposte, i suggerimenti, proposte concrete…progettualità
    http://www.wobook.com/WB8f5uc2dn84/Progetto-pilota-1-4.html
    Al Sindaco gli è stato fatto notare che non troverà tanti commercianti non favorevoli ad una mobilità sostenibile, fatta di autobus, biciclette e percorsi pedonali dedicati alle famiglie (un nostro suggerimento), anzi Le chiediamo con forza.
    Quello che invece chiediamo, per non sentirci in una riserva, è che in attesa di programmare e realizzare la mobilità auspicata ci faccia utilizzare, ci invogli ad utilizzare il Parcheggio Odeon facilitandone l’accesso da Est verso Ovest e viceversa.
    Il Sindaco ha valutato positivamente questa proposta a tempo, vedremo gli sviluppi.

    1. # Sabici

      Trovo interessante quanto allegate ma molto articolato, forse troppo, c’è il rischio di perdersi. Lo rileggerò ma, alla prima, ho qualche perplessità : intanto auspico che qualsiasi intervento su suolo pubblico implichi un adeguato concorso di progettazione ( vedi ipotesi definizione coperture per mercato buontalenti ) ; inoltre circa l ‘ipotesi navetta parcheggio ex Odeon – zona mercatale, non capisco perchè dobbiamo essere invogliati ad utilizzare una struttura quale il da subito inutile mostro blu. Impressionante attivarsi per far riempire alla cittadinanza uno spreco di denaro pubblico. A Livorno ci si sposta già in bici ed a piedi. Al massimo in scooter. Potenziamo e miglioriamo i servizi per le bici, questo si. Parcheggi, bike sharing meglio organizzato. E cominciamo a pensare seriamente a mini auto elettriche. Ma per favore non studiate come riempire per forza il parcheggio Odeon perchè non fate certo un servizio alla comunità. Paghi chi deve pagare. Le navette a Livorno non hanno mai funzionato.

    2. # marco 62

      Apprendo con piena soddisfazione che non serve chiudere il centro alle auto anzi come ho sempre sostenuto vanno incrementati i parcheggi per arrivare parcheggiare e ripartire con una viabilità snella e non chiusa. Chi vuol andare in bici con i mezzi pubblici , magari più efficienti, nessuno glielo vieta, altrimenti togliamo le auto a tutti e torniamo ai cavalli.

      1. # Kees Popinga

        Fare rispettare veramente le zone pedonali esistenti. Crearne di nuove in modo graduale e intelligente. Aumentare la rete di piste ciclabili. Solo in questo modo si può creare una città moderna, più bella e veramente vivibile. La gente poi apprezza , non vi preoccupate. Basta vedere piazza grande dopo la semipedonalizzazione. Molto più vissuta, piena di gente che passeggia. I commercianti ne traggono beneficio. Anche i beceroni auto-moto compulsivi sono costretti a prenderne atto, non hanno l’intelligenza e la cultura per ammetterlo, ma eccome se lo vedono.

        1. # marco62

          Ha scritto bene semi pedonalizzata le auto ci passano eccome da piazza grande e forse la gente è aumentata proprio in piazza grande perchè guarda caso a poca distanza c’è un bel parcheggio dove arrivo scendo faccio il mio giro riparto e esco dalla città in breve…..ma sono arrivato con l’auto fino a dentro la città. Se decido di arrivare in bici o con altro mezzo nessuno lo vieta come lei suggerisce di vietare le auto. Forse lei abita in città ….venga da montenero alto con la bici in città o prenda l’autobus con gli orari astrusi che hanno auguri e buon shopping natalizio.

  2. # max70

    Per partire:
    Creare parcheggi è una priorità
    Miglioramento servizi autobus
    Bus navetta gratuito frequente con parcheggio Viale libertà
    Illuminazione pubblica più potente con Led es eventualmente a pannelli solari
    Parcheggio a ore in Via Magenta
    Autobus da dividere fra corso amedeo e via Ricasoli (esempio quelli che vanno verso sud
    Riapertura fossi piazza cavour

    1. # compAgno

      De ma ca c’entrano i parcheggi, le macchine un si devono usa’…bisogna vivere la citta’ con i circoli, uno in ogni quartiere, anche due, avanti con le case der popolo, anche per i piu’ giovani! Avanti con i centri sociali, la citta’ ha bisogno di questo!!

    2. # Madde'

      Bravo.. te si vede che hai capito tutto!

  3. # valerio

    Forza, cittadini, attivatevi per suggerire ai portavoce le problematiche che riscontrate ogni giorno. Non potranno dire ” non conosco il problema”. Partecipiamo, è l’unica soluzione a tutto. Ritorniamo comunità. Il mercato centrale è un nodo cruciale per il rilancio del centro.

  4. # stefano

    Basta smettere con i Centri Commerciali, non siamo in America dove le distanze sono enormi. Vedrete che il Centro si rivitalizza.

  5. # maria carla rosano

    Credo che un dibattito di questo tipo debba interessare anche e soprattutto i cittadini comuni perchè si tratta della qualità della vita nella nostra città. E’ noto che i commercianti sono contrari alla pedonalizzazione di vaste aree del centro pensando che questo possa danneggiare le loro attività, se solo si informassero su quanto è stato fatto in altre grandi città capirebbero che è vero il contrario. Livorno è soffocata da un traffico disordinato ed eccessivo e da auto parcheggiate ovunque, spetta all’amministrazione migliorare questa situazione per migliorare la qualità di vita dei cittadini.

    1. # amaranto67

      signora carla, capisco il suo punto di vista, purtroppo le condizioni che determinano una buona qualità della vita spesso sono contrarie alle esigenze del commercio, almeno di quello presso il quale quotidianamente compriamo con l orologio in mano il necessario del giorno. quel che dice lei va benissimo per la passeggiata domenicale di una volta in cui si andava in centro e approfittando del tempo libero ci si soffermava a guardare le vetrine, comprare un paio di scarpe o un capo di abbigliamento per poi finire la giornata da gagarin o a farsi una pizzetta da “lilli”. Oggi gli orari sono diversi, la gente ha bisogno di aperture protratte fino a tarda sera, di posti auto, possibilmente coperti, gratuiti e vicini ai negozi. Pensare di assistere e rilanciare il commercio al dettaglio solo pedonalizzado via grande o mettendo fiori e piante è prendere in giro gli esercenti e l’intelligenza (scarsa di per se) del livornese medio.

  6. # jobbee

    Io martedì non ci sarò perché devo lavorare, intanto butto giù due idee che mi son venute ora in mente mentre provo ad alzarmi da letto per andare a far colazione:
    – aumentare le fiere ed eventi eno gastrinomici ( utilizzare terminal crociere, fortezza ippodromo,porto)
    – fare concerti con artisti internazionali d’estate (stadio)

  7. # amaranto67

    parlare di mobilità senza prevedere parcheggi gratuiti significa agire con l’intento di non andare realmente a porre in concorrenza il centro ed il mercato con la grande distribuzione, venire in auto in centro per fare la spesa oggi significa spendere dai 3 ai 4 euro solo per il parcheggio che altrove non solo è gratuito ma è anche spesso al coperto! se non si affronta questa questione in modo serio tutto il resto è aria fritta… pedonalizzare non serve, la gente è abituata a arrivare con l auto quasi fino alle casse del supermercato, per ribaltare questa comoda abitudine l’alternativa deve essere economicamente molto allettante e non credo sia possibile con i margini che hanno oggi i negozi. Ripeto all’infinito, a Firenze sotto al mercato centrale coperto hanno UN PARCHEGGIO gratuito che serve sia il mercato che le esercenze limitrofe…. Da noi non è fattibile? oppure è la coop che ha posto il veto???

    1. # mario cioni

      Non so quale firenze intendi ma sotto il mercato coperto di San Lorenzo del capoluogo toscano, la prima ora costa 2 euro, la seconda 3 e le seguenti costano 8 (otto) ogni ora. comunque sei liberissimo di dire cavolate.
      http://www.firenzeparcheggi.it/index.php?id=156

      1. # amaranto67

        esimio cioni, al mercato di san lorenzo (che prende nome dall omonimo quartiere) puo parcheggiare chiunque… compreso chi va a fare una giratina alle adiacenti cappelle medicee della basilica di san lorenzo (appunto)… quando anni fa capitavo in quella zona per lavoro ci parcheggiavo praticamente sempre perche bastava acquistare qualche prodotto o magari fare la colazione in uno dei bar per avere la contromarca che permetteva di non pagare il parcheggio … oggi vedo (leggendo attentamente il link che ti ringrazio di aver messo) che con la contromarca paghi 1,50 per le prime due ore… e non 2 € per un ora come dici tu… quindi, la prossima volta che vuoi fare il brillante, accertati prima di accusare qualcuno di dire cavolate di non dirne tu per primo.

      2. # amaranto67

        dopo di che… il fatto che a firenze oggi si paghi 1,5 per due ore di sosta non implica che si debba far pagare anche a livorno… servizi gratis come fa la coop.. prezzi anche un po piu alti forse ma qualità decisamente superiore… puo valerne la pena.

  8. # controugo

    amaranto67….ma c’hai la fissa delle COOP……il M5s è senza idee e questa è la triste verità…….ogni giorno una boutade…..

    1. # amaranto67

      no non ho la fissa della coop…ho la fissa del monopolio della coop … basta che tu butti lo sguardo sulla zona del Nuovo Centro… Esselunga garantiva, oltre a una vera competizione sui prezzi nella piazza di Livorno, anche un paio di milioni di euro in più che sarebbero finiti nelle casse del Comune. Soldi che sarebbero stati molto utili al fine di finanziare un sacco di servizi a famiglie, anziani, disabili, bambini etc etc… ma guarda caso il sodalizio PD/Coop ha fatto si che questo non si concretizzasse voltando le spalle non solo all’Esselunga, cosa che mi interessa relativamente.. ma a tutti i cittadini. Cosi ora ci si becca meno servizi e si paga un sacco di più la stessa roba che a 25 chilometri costa il 20% di meno… ecco qual è la verità!

  9. # Davide72

    Bella iniziativa, in questa occasione i cittadini possono dire la loro! Continuate così!

  10. # marcello cozza

    Perché non ci uniformiamo alle altre città della toscana, vedi Firenze, Pisa, Lucca Viareggio ed altre, le loro zone centrali sono a pagamento – i residenti e chi vi deve parcheggiare possono essere muniti di un abbonamento annuale, con tale metodo tutti trovano parcheggio ed i costi possono essere abbattuti. I residenti non sono obbligati a pagare quanto i non residenti e chi viene da fuori non si confonde con la molteplicità di autorizzazioni tra cui le lettere A B C D E..M.
    Domanda quando vi sono dei lavori o chiusure di strade negli spazi di chi è munito di lettera come mai non vengono lasciati spazi nei parcheggi a pagamento?

  11. # piero

    Ottima idea … aumentare le zone pedonali …. il problema è farle rispettare le zone pedonali … basta vedere via Ricasoli che è zona pedonale solo sulla carta

  12. # frankie

    Non c’era bisogno di chiamare a raccolta: bastava leggere i legittimi commenti sui problemi di vivibilità dei cittadini scritti ai media locali
    Non avete ancora capito?

  13. # CuoreLivornese

    Generare buone idee non è nel DNA del livornese, altrimenti non vivremmo nello schifo di città che è l’attuale Livorno. Quindi l’idea è fallimentare in partenza. La cosa più sensata è guardarci intorno e prendere spunto dalle città che hanno fatto meglio di noi. Mi pesa dirlo ma abbiamo da imparare (e tanto) da Pisani e lucchesi.

  14. # Luca

    Capisco che è difficile conoscere le problematiche di una città che non si vive. Se la giunta fosse stata composta dal fior fiore di Livorno come promesso in campagna elettorale sarebbe stato più semplice. Tolto questo sarebbe semplice, basterebbe che cominciaste a fare tutte quelle cose carine che avete promesso in campagna elettorale e che, dopo le elezioni, non si sono più sentite rammentare. Poi tagliatevi gli stipendi (come promesso) e toglietevi quel rimborso spese che avete giurato di non mettervi mai (il famoso giuramento di Giuda).

  15. # Midelle

    A CuoreLivornese…Boia! TI fai chiamare “CuoreLivornese” e sei subito così pessimista?
    Lasciami sottolineare il tuo commento “incriminante”: “QUindi l’idea è fallimentare in partenza.” per inciso, sono quelli che quando gli regali un omaggio alle promozioni ti dicono “vai! eccola! cosa devo pagà?” o “no, io non voglio nulla!”
    Rendiamoci conto…
    Detto questo, sarò felice di venire all’incontro se sarò libera per ascoltare le proposte, per esempio, sulla pedonalizzazione.
    Parlo per esperienza personale: da quando mi sono trasferita in centro ho notato un miglioramento della vita urbana da quando hanno pedonalizzato Piazza Grande, è innegabile. Non ho mai visto così tanta gente che andava per i negozi in centro città come in questi mesi!

    1. # Romeo

      Sicuramente l’incremento dei disoccupati da una bella mano ad aumentare il numero della gente a zonzo in centro. Detto questo credo che CuoreLivornese abbia centrato la questione. Una città è bella e vivibile tanto quanto sono civilizzati i suoi cittadini. Abbiamo la città che i livornesi vogliono, nessuno ce l’ha imposta.

  16. # UN IDEA

    Mi piacerebbe vedere ristrutturati ed utilizzati a fini sociali e/o museali quei locali alla Guglia ex bagni pubblici e deposito vigili urbani (dietro il circolo).

  17. # stefy

    QUALCHE IDEA PER UNA CITTA’ MIGLIORE

    Se si vuole incrementare l’utilizzo delle bici: SISTEMARE LE STRADE PERICOLOSISSIME CON TUTTE LE BUCHE CHE CI SONO.
    Piu’ parcheggi allo stesso costo di quello del mercatino americano 0,30 cent
    navette/servizi pubblici piu’ efficienti.
    RESTAURARE LE TERME DEL CORALLO!
    cESTINI LUNGO LE STRADE, (COME IN ALTRE CITTA’) CON PORTACENERE!
    CORSO ACCELLERATO DI EDUCAZIONE, CIVILTA’, PULIZIA PER TANTI LIVORNESI.

  18. # UN IDEA

    Fare richiesta alle ferrovie RFI di poter posizionare la vecchia locomotiva a vapore che hanno in via P.Pisana, nello spazio liberto davanti alla Stazione.

  19. # costi della casta:735 euro/secondo

    Non credo che chiedere ai cittadini come rilanciare la città sia la strada giusta, le idee non le hanno, non sono esperti, il cittadino è ignorante non sà come si possa rilanciare il turismo, ci vuole un esperto. Non sa come rilanciare il commercio, ci vuole un esperto, perchè non chiedere a chi fa per lavoro queste cose. Sono settanatnni che chiedono ai cittadini…e queste sono le condizioni…. Credo proprio che “la participazione popolare” sia l’anticamera del fallimento…e la colpa morì fanciulla.

    1. # Gilberto Gibi

      Basterebbe saper ( o voler) ascoltare e valutare.