Cerca nel quotidiano:

Condividi:

I cento anni di Armando Capitanio, grande tifoso del Livorno

Martedì 25 Ottobre 2022 — 07:00

Tifosissimo del Livorno, è stato ininterrottamente abbonato fino all’anno del Covid, e tutt’ora i familiari non mancano di accompagnarlo a qualche partita. Nel 2018, in occasione dell’incontro di calcio Livorno-Ascoli di serie B (1-0), Armando fu anche premiato da Igor Protti

È Armando Capitanio il nuovo centenario livornese. Nato il 25 ottobre 1922 a Faicchio, un piccolo comune in provincia di Benevento, Armando era già impiegato delle Imposte Dirette quando decise di trasferirsi a Livorno, dove erano venuti ad abitare i genitori al seguito della figlia femmina sposatasi con un livornese.
In città Armando conobbe la sua futura moglie, con la quale ha trascorso più di 65 anni di matrimonio.
Di Livorno è sempre stato innamorato, tanto da rinunciare a progressi nella carriera pur di non lasciare la città. Dopo il pensionamento, avvenuto a inizio anni ‘80 dopo 41 anni di lavoro, gli è stato chiesto di continuare a collaborare con l’allora Esattoria Consorziale, occupandosi ancora per diversi anni dei rapporti con le imprese.

Tifosissimo del Livorno, è stato ininterrottamente abbonato fino all’anno del Covid, e tutt’ora i familiari non mancano di accompagnarlo a qualche partita. Nel 2018, in occasione dell’incontro di calcio Livorno-Ascoli di serie B (1-0), Armando fu anche premiato da Igor Protti per la sua dedizione, con una bella cerimonia sul prato del Picchi.

Domenica scorsa era a vedere il Don Giovanni al Goldoni, ha deciso di trascorrere il giorno del suo compleanno a Pisa con la figlia Antonella docente universitaria di storia dell’arte, e sabato festeggerà in un ristorante di Montenero con più di 50 parenti che verranno apposta per lui, tra cui un nipote che abita a Cuba. Ad Armando vanno gli auguri del sindaco Luca Salvetti a nome di tutta la città.

Condividi:

Riproduzione riservata ©