Cerca nel quotidiano:


Ardenza, il Circolo della Nautica “adotta” due aiuole

Tutto nasce dall'idea di utilizzare il gozzo donato da Franco Niccoletti, segretario storico del Moletto, dipinto con i colori rionali ed adeguatamente adibito a fioriera che ricordi le nostre tradizioni marinaresche

Venerdì 16 Ottobre 2020 — 15:43

Mediagallery

"Prossimo appuntamento importantissimo che ci sentiamo di condividere, dopo anni di attesa e con grandissima soddisfazione è, finalmente, grazie al finanziamento della Fondazione Laviosa, l’abbattimento delle barriere architettoniche al Moletto"

E’ partendo da un semplice disegno che i soci del Circolo della Nautica di Ardenza coordinati dal presidente Baroncini e dai vice Raffone e Falcinelli assieme a tutti i consiglieri, per dare un tocco di colore hanno deciso, oltre un anno fa, di avviare le pratiche per “adottare” le due aiuole brulle prospicienti il Moletto di Ardenza teatro di tramonti mozzafiato fotografati da chiunque si trovi a passare di là al crepuscolo. Nasce così l’idea di utilizzare il gozzo donato da Franco Niccoletti, segretario storico del Moletto, dipinto con i colori rionali ed adeguatamente adibito a fioriera che ricordi le nostre tradizioni marinaresche.
“Dopo enormi sforzi – spiegano dal Circolo – e grazie a professionisti ed aziende che si sono prodigate per l’allestimento finalmente è con enorme soddisfazione che l’opera è terminata e può essere donata, con l’augurio che piaccia agli ardenzini, a tutti i concittadini ma in generale a tutti coloro passeranno dal viale Italia“.
“Prossimo appuntamento importantissimo che ci sentiamo di condividere – spiega il presidente Baroncini – dopo anni di attesa e con grandissima soddisfazione è, finalmente, grazie al finanziamento della Fondazione Laviosa, l’abbattimento delle barriere architettoniche al Moletto con la creazione di scivoli che permetteranno a chiunque voglia farlo di percorrere i moli, lanciare un canna o salire su una barca accessibile anche se con difficoltà motorie o costretto in sedia a rotelle. Il Moletto di Ardenza – conclude Baroncini – oltre che un punto di approdo è un bene comune che cerchiamo di manutenere, tenere pulito e migliorare con sforzi ed impegno costante”.

Riproduzione riservata ©