Cerca nel quotidiano:


Devoluta alla Caritas merce contraffatta

Il Comando Provinciale della Finanza di Livorno ha devoluto in beneficenza alla Caritas merce per oltre 504 pezzi - fra capi di abbigliamento, calzature, borse e occhiali - sottoposti a sequestro per contraffazione

Sabato 8 Aprile 2017 — 08:38

Mediagallery

Nei giorni scorsi i militari del Comando Provinciale di Livorno hanno devoluto in beneficenza merce – per oltre 504 pezzi – sottoposta a sequestro dalla Tenenza di Cecina a seguito degli interventi effettuati, durante la passata stagione estiva. I beni sono stati consegnati a rappresentanti della Caritas Diocesana di Livorno, da sempre impegnata in opere caritatevoli ed assistenziali verso le persone e comunità che vivono in situazioni di difficoltà, nonché nelle operazioni di emergenza e primo soccorso in occasione di pubbliche calamità.
La donazione è il risultato della sinergia stabilita tra Guardia di Finanza e la Procura della Repubblica la quale, nel mese di febbraio 2015, ha stipulato con la Caritas Diocesana di Livorno un protocollo d’intesa, previa eliminazione o cancellazione dei marchi e dei segni distintivi dei prodotti contraffatti, la destinazione della merce “a scopo sociale” nei confronti di soggetti bisognosi.
Accogliendo le suddette linee di indirizzo, l’Autorità Giudiziaria ha disposto la devoluzione degli stessi a scopi umanitari.
Particolare gratitudine, apprezzamento e vicinanza sono stati espressi dall’Ente per l’aiuto fornito, a conferma dei solidi rapporti di solidarietà esistenti tra Istituzioni, Forze di Polizia e Opere caritatevoli.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Julia Fox

    Gli occhiali contraffatti forse era meglio non usarli!!!

  2. # UnoACaso

    Ottimo ! La legge dovrebbe incentivare questo procedimento ! tutto quello che viene sequestrato, se di qualche utilità, deve essere dato appena possibile ad enti, comuniu, forza pubblica….. Non si ha idea di quanti beni mobili ed immobili sono fermi a marcire ….

  3. # 0586

    discutibilissima la scelta di dare roba contraffatta e fatta con materiali di dubbia provenienza ai poveri…soprattutto fatta dallo stato!!!

  4. # diego

    giusto darli a chi ha bisogno, anche se poi si alimenta il razzismo (ho visto un profugo tutto griffato…), tanto la gente non si informa e non ragiona