Cerca nel quotidiano:


Filippo, 10 anni, primo nella finale junior dei Giochi Matematici

In finale, telematica, l'alunno delle Teseo Tesei è risultato il migliore d’Italia nella sua categoria ex aequo con altri 22 alunni. Fin da bambino la passione per i numeri

Mercoledì 2 Dicembre 2020 — 17:38

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

La mamma: "Entusiasta di lui ma Filippo è un ragazzino come tutti gli altri". La maestra: "Da parte nostra e della direzione del Circolo Benci i nostri migliori auguri. Bravo Filippo!"

Parlare di scuola in un momento storico come questo significa parlare di un settore particolarmente in difficoltà. Ma quando le storie sono come questa, narrarle e leggerle, non può che far piacere. Protagonista Filippo Caturelli (foto gentilmente concessa dalla famiglia), 10 anni, primo classificato ai Giochi Matematici dell’università Bocconi di Milano. Un piccolo genio che, con pieno merito, è risultato il migliore d’Italia nella sua categoria: ex aequo con altri 22 alunni che si sono distinti in mezzo ad un numero altissimo di concorrenti.
La predilezione di Filippo per i numeri è iniziata in prima elementare, alle scuole Carlo Bini. Un mondo, quello della matematica, che lo ha affascinato sin da subito permettendogli di mostrare il suo prodigioso talento a tutti coloro che gli stavano intorno. Oggi frequenta le medie Teseo Tesei: la passione è rimasta, anzi si è fatta più grande e il successo ottenuto lo conferma. La sua maestra, Cristina Ferro, ricorda con soddisfazione: “Un matematico nato. Certe cose si capiscono immediatamente. Sono molto felice per il risultato, importante, che ha saputo ottenere attraverso le sue capacità. A lui vanno i migliori auguri della direzione del Circolo Benci e delle sue ex insegnanti che lo hanno sempre sostenuto”.
Dopo aver brillantemente superato le selezioni regionali, tra gennaio e febbraio 2020 Filippo ha guadagnato l’ambita finale che si è svolta il 6 novembre 2020 in modalità telematica. Quello che è accaduto dopo lo sappiamo.
La madre, Sabrina Casali, è al settimo cielo anche se preferisce mantenere un basso profilo. “Filippo ama la matematica e la logica da sempre; sono entusiasta di lui, questo non posso e non voglio nasconderlo. Ma nello stesso tempo, non mi sembra giusto esagerare. Perché mio figlio è un ragazzino come tutti gli altri: ama divertirsi, giocare a pallacanestro e stare insieme agli amici”. Bravo Filippo!

Riproduzione riservata ©