Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Fiocco rosa tra l’ambulanza e la sala parto

Venerdì 29 Luglio 2022 — 21:57

Nella foto il fiocco rosa gigante realizzato dalla squadra della Misericordia di Antignano per celebrare il lieto evento

Ginevra, Daniela, Giuseppe, Massimo e Alessio l'infermiere sono i componenti della squadra intervenuta. "È stato un servizio emozionantissimo". La testina è affiorata in ambulanza, poi la nascita in sala parto. Il reparto: "Complimenti ai genitori, sono stati bravissimi, un bel complimento anche ai volontari per come hanno gestito la situazione"

“È stato emozionantissimo”. A dirlo è Ginevra a nome della squadra della Misericordia di Antignano (Daniela, Giuseppe, Massimo, Alessio l’infermiere, e Ginevra appunto) che intorno alle 19,40 del 29 luglio è stata impegnata su un parto. “Il servizio – racconta Ginevra – era proprio per un parto. Quando siamo arrivati a casa la mamma aveva contrazioni ogni 2-3 minuti. Una volta partiti verso l’ospedale le contrazioni sono aumentate, ogni 30 secondi, e giunti alla camera calda del pronto soccorso la mamma ha spinto ancora sulla ambulanza e abbiamo visto la testina”. Il triage nel frattempo ha allertato Ostetricia. “Il tempo di aprire la porta del reparto – prosegue Ginevra – e l’equipe di turno era gia lì presente a disposizione della mamma”. A quel punto l’ostetrico Luca di turno ha preso il braccio la donna sollevandola dalla barella e portandola sul letto da parto dove a quel punto l’ulteriore spinta ha fatto nascere una bambina. “Non capita spesso di essere chiamati su un servizio come questo, siamo tutti molto emozionati e contenti”. Ginevra e la squadra tornati in sede hanno deciso di celebrare l’avvenimento con un fiocco rosa gigante realizzato con la busta della spazzatura, di colore rosa. “Per quanto sia stato un momento rapido e emotivamente difficile – fanno sapere dal reparto – è stato un bel momento. Complimenti ai genitori, sono stati bravissimi, un bel complimento anche ai volontari per come hanno gestito la situazione”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©