Cerca nel quotidiano:


Da Chioma a Quercianella installate 14 nuove boe

Giovedì 4 Agosto 2016 — 17:26

Mediagallery

Quattordici nuove boe per la sicurezza dei bagnanti e dei nuotatori saranno posizionate in questi giorni nello specchio d’acqua tra Quercianella e Chioma, in sinergia tra il Comune e l’Associazione Costiera Calafuria. L’Amministrazione ha infatti accolto la richiesta dell’Associazione di posizionare una linea di boe in quel tratto di mare, a proprie spese e con il contributo volontario dei cittadini interessati.
I soci dell’associazione “Costiera di Calafuria” sono privati cittadini e fruitori abituali del tratto di costa tra Antignano e Quercianella (nuotatori, subacquei, canoisti e strutture balneari) che attraverso questo progetto intendono tutelarne al meglio la fruizione in sicurezza, sia da parte dei bagnanti che dei diportisti. Si tratta di un’iniziativa importante che va ad implementare il piano sulla sicurezza balneare del Comune di Livorno grazie alla sensibilità di cittadini che tramite l’Associazione mettono a disposizione anche un pregevole bagaglio di conoscenze ambientali, marine e storico/archeologiche. Delle quattordici boe previste nel nulla osta comunale ottenuto dall’Associazione, quattro saranno posizionate nel tratto di mare tra il Rogiolo e il porticciolo di Quercianella e quattordici nel tratto tra il porticciolo e la foce del Chioma. Nel progetto è comunque previsto che il numero delle boe possa essere inferiore qualora l’Associazione dovesse incontrare difficoltà operative al momento del loro posizionamento.
L’installazione andrà così a completare il corridoio di protezione già presente lungo tutto il tratto di mare del litorale di Quercianella. Le boe, che saranno collocate a circa 50 metri l’una dall’altra, non sono solo un valido presidio di sicurezza per i bagnanti in difficoltà o più affaticati, ma rappresentano anche un elemento di sicurezza per i tanti nuotatori che fruiscono di questa bella zona della nostra costa, in quanto rendono immediatamente individuabile ai diportisti il limite di interdizione alla navigazione.
Lo spazio di mare riservato ai bagnanti dal 1 maggio al 30 settembre di ogni anno, infatti, come prevede l’attuale normativa, è di 200 metri dalle spiagge e di 100 metri dalle scogliere. In questo modo, dunque, la linea di boe potrà aiutare sia i nuotatori, al sicuro dalle imbarcazioni più indisciplinate, che gli stessi diportisti, molti dei quali attraversano anche inconsapevolmente l’area costiera interdetta proprio perché priva di riferimenti.
Una volta posizionata la linea di boe, sarà compito del Comune provvedere al loro controllo e a eventuali interventi di riposizionamento. Le boe saranno rimosse al termine della stagione balneare.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


4 commenti

 
  1. # ginetto

    siete arrivati prestino! la stagione balneare è cominciata da più di due mesi…

  2. # Teseo

    Per ora non vedo nulla, intanto qualcuno è morto in quello specchio di mare senza che dei soccorsi degni di questo nome abbiano potuto salvarlo. Le solite chiacchiere. Stasera aspettavamo la processione delle barche programmata per il 6 Agosto da tempo, a meno di mare mosso. Il mare è un lago, le barche non si sono viste, noi da stupidi le aspettavamo con i lumini in onore della Madonna… Nessuno ci ha avvertito, il telefono della Parrocchia di Sant’Anna non risponde, a quello del Porticciolo risponde il Fax… Forse si è scelto di non festeggiare per non urtare gli islamici… Ma almeno ditelo, avvertite per un minimo di buona educazione !

  3. # Teseo

    Non hanno fatto la processione e non la faranno perché si sono accorti che devono essere rispettati i “canoni” della sicurezza… Si, la gente muore in mare, cade dagli scogli, ma per fare una processione a mare con mare olio si inventano obblighi costosi che magari un circolo della vela non si può permettere. E allora, non è naturale “pensare male” anche se si fa peccato? Che siano tutte scuse per avallare una volontà di NON fare la processione? Forse perché ha una connotazione religiosa… che potrebbe “urtare”? Ma questi sono “film” in voga solo a Bruxelles… E noi quercianellesi che da decine di anni facciamo la processione (senza obbligare nessuno a convertirsi al grido di “akhbar”…) veniamo sanzionati da autorità occhiute solo su fantasiose inadempienze di sicurezza… Comodo, eh?

  4. # Giacomo Rutilio

    Teseo…Complottismo religioso a quercianella… nemmeno nei film della Marvel