Cerca nel quotidiano:

Condividi:

La pensilina dell’autobus in via dell’Ardenza diventa “green”

Venerdì 13 Gennaio 2023 — 15:53

L'impianto, disponibile in tre colorazioni da arredo urbano, è in grado di immagazzinare sia la luce solare diretta, che quella diffusa, e di immetterla ai bordi della struttura con un notevole risparmio di silicio

di Giulia Bellaveglia

Tre nuovi pannelli solari luminescenti arricchiranno, d’ora in avanti, la pensilina degli autobus in via Dell’Ardenza, in prossimità della Caserma Folgore (fermata Vannucci 8128). L’iniziativa “Colours – Concentratori solari luminescenti per arredo urbano smart” è stata promossa da Scorpio (capofila del progetto), Cicci Research, I&S, Istituto di chimica dei composti organometallici – Cnr e dal Dipartimento di chimica e chimica industriale dell’Università di Pisa, grazie ad un contributo di oltre 240mila euro da parte della Regione Toscana nell’ambito del Fondo europeo di sviluppo regionale 2014-2020. “Detto in parole povere – spiega Andrea Pucci, professore del Dipartimento – parliamo di una serie di pannelli di plastica che contengono un colorante in grado di assorbire la luce del sole. Una volta immagazzinata, questa viene immessa ai bordi dello stesso pannello, dove sono presenti le tradizionali celle fotovoltaiche in silicio. Una tecnologia che consente di risparmiare in primis proprio il silicio, che è posizionato solo sui bordi, anziché sull’intero pannello. Il colorante consente poi di raccogliere non solo la luce diretta, ma anche quella diffusa, si pensi ad esempio ad un cielo parzialmente nuvoloso. Il tutto è inoltre disponibile in tre colorazioni differenti, giallo, rosso e verde, poiché, essendo strutturato per l’arredo urbano, si può studiare quale colore si adatti meglio alla zona in cui è situata la pensilina”. Il partenariato ha inoltre consentito di sviluppare le migliori procedure per la dispersione dei coloranti nel materiale polimerico, attraverso un’accurata scelta dei solventi e dei metodi di polimerizzazione.

Condividi:

Riproduzione riservata ©