Cerca nel quotidiano:


Lungomare, più cestini e più presenza degli operatori ambientali

Lo “spettacolo” che in questi giorni, al calar della sera, si è presentato agli operatori addetti alla pulizia sui prati, spiagge e scalinate non è accettabile. Per questo il Comune di Livorno e Aamps hanno deciso di attivarsi con azioni mirate

Mercoledì 24 Marzo 2021 — 19:01

Mediagallery

Comune di Livorno e Aamps aumentano il numero di cestini per i rifiuti sul lungomare. Si tratta di 20 porta-sacchi in più dalla Bellana alla Ballerina. Viene incrementato anche il numero dei passaggi degli operatori per la vuotatura dei cestini getta-carte.
In più è previsto il presidio dei viali a mare anche da parte degli ispettori ambientali così da dare informazioni sul corretto conferimento dei rifiuti, ma anche per infliggere sanzioni ai trasgressori che venissero individuati.
E’ questo il piano teso a migliorare il decoro del nostro lungomare, attraverso una serie di azioni utili oggi, così come in vista della stagione estiva. Con l’auspicio che, prima possibile, si allentino le restrizioni per il contenimento del Covid-19 e sia possibile passeggiare e sostare liberamente.
In ogni caso già da ora il servizio intende essere utile per contrastare il fenomeno dell’abbandono di imballaggi dei cibi da asporto, purtroppo di non modeste dimensiono da quando non è possibile consumare all’interno dei locali.
Aamps ha già registrato un aumento significativo della produzione dei rifiuti, soprattutto contenitori in vetro, plastica e carta-cartone, che troppo spesso non sono conferiti negli appositi contenitori.
Lo “spettacolo” che in questi giorni, al calar della sera, si è presentato agli operatori addetti alla pulizia sui prati, sulle spiagge e sulle scalinate di accesso agli arenili non è accettabile.
Per questo il Comune di Livorno e Aamps hanno deciso di attivarsi con azioni mirate.

“Quando si consumano pasti all’aperto – commenta Giovanna Cepparello, assessora all’Ambiente del Comune di Livorno – la cosa davvero più civile sarebbe quella di riportarsi il ‘sacchettino’ dei rifiuti a casa, compattati a dovere, per poterli differenziare in modo corretto. So che è chiedere molto, ma in realtà basterebbe solo abituarsi. In ogni caso, se questo non risulta possibile, l’alternativa non può’ essere quella di lasciare i resti dell’aperitivo o della cena sulla spiaggia o sul prato di turno. Per questo motivo abbiamo deciso di potenziare il servizio di pulizia e raccolta sul lungomare dando seguito, tra l’altro, ad un atto votato dal consiglio comunale. Chiediamo a tutti di collaborare contando soprattutto sui giovani che, magari, ci daranno una mano sensibilizzando gli amici e invitandoli a fare la cosa giusta. Basta un aperitivo da asporto abbandonato sull’arenile – conclude Cepparello – per vanificare l’impegno costante di Aamps, di Avr, e di tutti i volontari che, sempre più’ spesso, contribuiscono a mantenere la nostra costa pulita”.

“Tra l’altro – aggiunge Raphael Rossi, Amministratore Unico di Aamps – i nostri operatori non di rado si trovano costretti a raccogliere rifiuti anche in condizioni a dir poco disagevoli, come nei cespugli oppure sulle battigie degli arenili. Confidiamo nella consueta collaborazione dei cittadini a sostenerci nel lavoro che andremo ad incrementare a favore dell’igiene e del decoro di alcuni dei luoghi più belli e frequentati della città”.
Contestualmente all’invito di non sporcare e a conferire correttamente i rifiuti, il sindaco rinnova il suo appello a non assembrarsi sul lungomare e sulle spiagge: “La pandemia non è ancora sotto controllo e certi comportamenti – sottolinea il sindaco Salvetti – aumentano le probabilità di contagio. I livornesi hanno generalmente dimostrato di essere accorti e rispettosi delle prescrizioni anti-covid. Saltuariamente, purtroppo, registriamo ancora assembramenti in alcune aree cittadine che potenzialmente potrebbero vanificare l’impegno fino ad oggi profuso dai più. Tra queste – conclude il sindaco Salvetti – i viali a mare dove man mano che aumentano le belle giornate, si teme un troppo consistente afflusso di cittadini”.

Riproduzione riservata ©