Cerca nel quotidiano:


Mani che incontrano mani, il video 2020 dedicato alle ostetriche

Le mani delle ostetriche, con il loro carico di storie, sono state scelte come tema centrale della Giornata mondiale dell'ostetrica 2020 che si celebra il 5 maggio

Lunedì 4 Maggio 2020 — 12:02

Mediagallery

L'evento rappresenta l’occasione per ringraziare tutte le 309 professioniste della USL Toscana nord ovest che nell’emergenza Coronavirus hanno dimostrato di saper reinventare il proprio ruolo

La memoria di una donna, quando pensa agli operatori che l’hanno assistita durante il parto, si ferma maggiormente sulle mani, sul tocco. E’ partendo da questo concetto che le mani sono state scelte come tema centrale della Giornata mondiale dell’ostetrica che si celebra martedì 5 maggio  (qui sotto il video pubblicato sul canale YouTube della USL realizzato dalle ostetriche dell’azienda USL Toscana nord ovest, 309 in tutto).

Nel video sono state raccolte immagini provenienti da tutti i territori: Apuane, Lunigiana, Piana di Lucca, Valle del Serchio, Zona Pisana, Alta Val di Cecina Val d’Era,  Zona Livornese, Elba, Valli Etrusche, Versilia. Protagoniste del filmato sono proprio le mani di tante ostetriche, con il loro carico di storie “che neppure gli occhi possono raccontare”. Sono mani che toccano donne e bambini, che portano conforto, che curano, che comunicano, che incrociano altre mani. La celebrazione della Giornata Internazionale dell’Ostetrica rappresenta ormai un appuntamento irrinunciabile, il 5 maggio di ogni anno, in oltre 50 Paesi ed è coordinato dalla Confederazione Internazionale delle Ostetriche in partenariato con tutte le organizzazioni che ne fanno parte. L’iniziativa, partita nel 1951, era nata dalla “necessità globale” di riconoscere il lavoro fondamentale e spesso salvavita delle ostetriche di tutto il mondo e di porre sempre maggiore attenzione ai problemi di salute  materna e neonatale. In questo 2020 l’evento rappresenta l’occasione per ringraziare tutte queste professioniste che nell’emergenza Coronavirus hanno dimostrato di saper reinventare il proprio ruolo e modificare le usuali modalità di lavoro in funzione delle nuove esigenze. “In questi giorni difficili, in cui c’è ancora grande paura del contagio – evidenzia la responsabile delle ostetriche dell’Asl Toscana nord ovest Cinzia Luzi – è necessario offrire il giusto riconoscimento alla professionalità, all’abnegazione ed al senso del dovere che stanno dimostrando le nostre 309 ostetriche, costrette anche loro, come tutti i professionisti della sanità, a lavorare in condizioni estreme. In tempo di Covid la loro professionalità continua a sostenere le donne, soprattutto quelle in gravidanza, attraverso gruppi whatsapp, altri social, videoconferenze, triage telefonici e consulenze, esami e telefonate attive nel puerperio, sostenendo le donne anche nell’allattamento materno, fondamentale per la salute del bambino, senza dimenticare ovviamente il ruolo dei padri, che rappresentano dei compagni di viaggio indispensabili. Alle ostetriche in realtà non occorrono clamori, ma serve il riconoscimento di tutti, quello sì: delle istituzioni, della società e non per ultimo delle donne, il cui sostegno è ovviamente irrinunciabile”. “Ringrazio davvero tutte le nostre ostetriche – chiude Cinzia Luzi – che in questo momento di emergenza si sono unite per organizzare e rimodulare le attività presenti nel percorso nascita (gravidanza-parto-puerperio), in sinergia con le responsabili consultoriali di zona e i direttori medici del Materno Infantile dei vari punti nascita. Sul sito aziendale è stata anche attivata una sezione dedicata al percorso nascita, specifica per il Covid, dove sono stati inseriti dei video informativi prodotti dalle ostetriche per arrivare a tutte le donne in tutte le fasi del percorso nascita e delle domande-risposte specifiche sul Coronavirus e sul percorso nascita. Il gruppo delle ostetriche si stringe quindi intorno alle famiglie e vuole rassicurare tutte le gestanti che Andrà tutto bene”.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Daiana

    💙💗

  2. # Andrea Cognetta

    Video splendido…..

  3. # Cinzia Antonelli

    Ho avuto a che fare con la mia gravidanza a 46 anni con le ostetriche di via dell Impastato..mi ha seguito la Daino’ con il suo staf del lunedì…sono state uniche ..scrupolose ..amorevoli ….sempre disponibili …complimenti!

  4. # sonia

    Fantastiche professioniste!!!Io ricordo le ostetriche di oggi e di ieri !!! Un grazie a tutte , ostretriche e vecchie infermiere della sala parto! Alle ” giovani” auguro di continuare così… e che la vostra professionalità vi venga riconosciuta anche economicamente Un abbraccio… Sonia Lucchesi

    1. # Alessandra Mazzantini

      Anch’io tre anni fa ho partorito a quasi 46 anni…..ringrazio tutte le ostetriche di Via Peppino Impastato per la grande professionalita’, competenza, amorevolezza e completa dedizione a noi mamme ed ai nostri bambini. Grazie ostetriche !!!a♡

    2. # Elisabetta cecchini

      Bellissimo video grazie a tutte voi ….mi sono emozionata ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.