Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Nuova vita, dopo 12 anni di transenne, per l’Obelisco “Fontana” di piazza Mazzini

Venerdì 29 Luglio 2022 — 16:40

Un'operazione da 39mila euro fortemente voluta del Comune di Livorno nel 2021. La struttura era stata transennata nel 2009 a causa dell'enorme stato di degrado in cui versava

di Giulia Bellaveglia

L’Obelisco Fontana di piazza Mazzini torna a nuova vita. Un traguardo raggiunto grazie ad un percorso di restauro conservativo e consolidamento fortemente voluto dal Comune di Livorno e iniziato il 6 dicembre 2021, dopo oltre 12 anni di transenne.
Costo complessivo dell’operazione, 39mila euro. “Un passaggio che ha vari significati – dice il sindaco Luca Salvetti – Il recupero dell’opera in sé e la restituzione al quartiere di un monumento di grande valore. Adesso serve naturalmente che l’opera venga gestita nel migliore dei modi. La preoccupazione infatti non era tanto restituirla, quanto vedere come sarà utilizzata dai cittadini, che richiamo ovviamente ad una corretta manutenzione”.
La struttura, realizzata dal celebre Pasquale Poccianti nel 1836
su ordine di Ferdinando I dei Medici per segnare lo spazio entro cui era proibito costruire abitazioni o fabbriche, venne denominata “fontana” poiché al di sotto della guglia un tempo si trovava una fonte d’acqua pubblica. Fonte che fu chiusa nel 1888 a causa di “scene sconvenienti”, su quello che ormai era un prestigioso passeggio, che il popolo metteva in pratica quando si radunava a raccogliere l’acqua. Oggi dell’Obelisco rimane una piccola parte, poiché è venuta a mancare l’area sommitale che lo rendeva ben più alto e svettante.
“Il restauro si è prolungato rispetto ai tempi previsti – spiega la restauratrice Valeria Pulvirenti – Perché le indagini sono dovute andare oltre per l’opportuna accuratezza e ricerca dei materiali. Il degrado era estremamente avanzato, tanto che il rischio era che crollasse. Dopo un attento monitoraggio delle zone interessate per recuperare la pietra di cui è composto il manufatto, siamo riusciti a procedere”. All’inaugurazione dell’architettura restaurata, erano presenti anche l’assessora all’urbanistica Silvia Viviani, e l’assessore alla cultura Simone Lenzi, il quale ha voluto ripercorrere l
a storia dell’Obelisco, ribadendo l’importanza di preservare i monumenti della nostra città.

Condividi:

Riproduzione riservata ©