Cerca nel quotidiano:


Olimpiadi del Cuore, donati 23.000 a Livorno

Donazione dell'associazione onlus di Paolo Brosio e della MAE spa. Brosio: "Molto legato a Livorno". E il vescovo annuncia un nuovo lotto per il Villaggio della Carità

Martedì 22 Dicembre 2020 — 16:31

di Jessica Bueno

Mediagallery

Oltre alla cifra di 23.000 euro saranno distribuite 25mila mascherine FFP2 da consegnare a operatori sanitari e categorie professionali in prima linea nel contrasto al Covid

Nel palazzo del Vescovado della Diocesi di Livorno, il 22 dicembre, è stata ufficializzata una donazione di 23.000 euro da parte dell’associazione onlus “Olimpiadi del Cuore” fondata da Paolo Brosio e della MAE Spa di Piacenza della famiglia Rovellini. Una cifra a cui va aggiunta anche la consegna di 25mila mascherine FFP2 del valore di circa 60.000 euro destinate agli operatori sanitari e alle categorie professionali in prima linea nel contrasto al Covid-19 (foto Amore Bianco). La cifra di 25mila euro servirà a realizzare tanti progetti benifici. “Ringrazio di cuore Paolo per questo importante dono – ha detto il vescovo Simone Giusti – Appena sarà possibile avere i permessi per avviare i lavori, i 12mila euro destinati alla Diocesi verranno investiti per costruire un nuovo lotto del Villaggio della Carità di via La Pira a Corea. Un luogo per accogliere i poveri e le persone sole, non solo per far godere loro del sacrosanto diritto alla casa ma anche per avere un luogo sicuro di preghiera ed assemblea. Questo progetto, insieme alla ristrutturazione del complesso della Torretta, ha l’obiettivo di rispondere all’emergenza abitativa, fenomeno che stiamo vivendo e che purtroppo rischia di ampliarsi”. Il nuovo complesso avrà una grandezza di circa 1000 mq, classe energetica A1, e sarà dotato di due piani. Uno in cui saranno presenti le camere ed i bagni degli ospiti ed uno dedicato ai luoghi di socialità. Sarà previsto anche uno spazio dedicato ai bambini. “Verranno accolti sia giovani che anziani – prosegue Suor Raffaella Spiezio, presidente della Fondazione Caritas – L’obiettivo è fornire loro alloggio ma anche la possibilità di guarire dalla loro solitudine, interagendo e sostenendosi tra loro”. Quella di Livorno è la terza di una serie di donazioni, dopo le prime due tappe di Brescia il 10 dicembre e di Bergamo il 15, che le Olimpiadi del Cuore assegnano, dopo la raccolta effettuata con l’edizione 2020 del “Mattone del Cuore” del 28 e 29 agosto agli stabilimenti balneari Alpemare e Annetta di Forte dei Marmi che ha visto anche la presenza di personaggi dello spettacolo come Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni, Marco Masini e Massimo Ceccherini. I ventitremila euro previsti per Livorno sono così suddivisi:

-12.000 euro distribuiti al vescovo Giusti, che li impiegherà per la costruzione del nuovo lotto in via della Pira;

-2.500 alle Cure Palliative;

– 2.000 alla cooperativa sociale Parco del Mulino che si occupa dell’assistenza e del reinserimento delle persone diversamente abili;

-2.500 all’associazioneYou4ER, a sostegno del pronto soccorso dell’ospedale di Livorno;

– 2.500 per don Federico Mancusi della parrocchia Madre Teresa di Calcutta per un campo sportivo parrocchiale;

-1.500 euro per don Luca Giustarini parroco rettore del Santuario di Montenero

“Abbiamo portato a termine un evento così grande in un periodo così difficile – conclude Brosio – questo è già un grande traguardo. Abbiamo avuto una enorme partecipazione e voglio ringraziare tutti gli imprenditori che  si sono mossi per sostenere le spese. Livorno è una città a cui sono molto legato, rappresenta la partenza delle mie attività spirituali e del mio percorso dievangelizzazione. Ecco perché ho deciso di riservarle questa cifra: è un dovuto ringraziamento”.

Riproduzione riservata ©