Cerca nel quotidiano:


Parrucchieri e estetisti aperti per il 22 maggio

Possono lavorare anche la domenica e festivi fino a nuovi provvedimenti. Ordinanza del sindaco liberalizza temporaneamente giorni e orari di apertura

Martedì 19 Maggio 2020 — 10:17

Mediagallery

E’ un modo con cui l’amministrazione comunale intende andare incontro agli operatori, usciti da un lungo periodo di lockdown totale e quindi di crisi economica

Parrucchieri ed estetisti possono rimanere aperti anche nel giorno di Santa Giulia, patrona di Livorno. Non solo: fino a nuovi provvedimenti possono stare aperti anche nei festivi e nel giorno di riposo (il lunedì) e con la massima flessibilità quanto all’orario. Un’ordinanza del sindaco Luca Salvetti, la n.227, consente infatti, in via temporanea, la possibilità per gli operatori del settore, di determinare i giorni e gli orari di apertura dei propri esercizi con la massima libertà e flessibilità. Questo per meglio corrispondere alle esigenze dei cittadini, pur con l’obbligo di osservare le regole nazionali e regionali sul distanziamento tra le persone e l’uso di dispositivi di sicurezza sia per gli operatori che per i clienti. E’ un modo con cui l’amministrazione comunale intende andare incontro agli operatori, usciti da un lungo periodo di lockdown totale e quindi di crisi economica, e che sono oggi obbligati a fare entrare un numero limitatissimo di clienti alla volta. Grazie a questo provvedimento del sindaco avranno quindi più tempo nell’arco della settimana – se vogliono – per smistare gli appuntamenti.

“Abbiamo trovato piena disponibilità e comprensione da parte del sindaco e dell’assessore Garufo – afferma la coordinatrice sindacale del settore benessere di Cna Valentina Bonaldi – perché tanti imprenditori ci avevano richiesto questa temporanea liberalizzazione in forza del prolungato periodo di lockdown cui sono state sottoposte le attività e delle numerose richieste di prestazioni da parte dei livornesi, impossibili altrimenti da soddisfare in tempi brevi viste le restrizioni sanitarie”.

Riproduzione riservata ©